domenica 12 aprile 2015

Quanti modi di fare e rifare Le lasagne verdi emiliane

Eccoci qui, è arrivato anche Aprile e noi siamo alle prese con quarta ricetta del menù 2015 della Cuochina!

Un classico della cucina italiana-emiliana: Le lasagne verdi emiliane, preparata in modo eccellente dalla nostra amica Susanna del blog Afrodita's kitchen con una gustosissima variante che aggiunge un tocco appetitosissimo al piatto: la crosticina di pangrattato sulla superficie.
Ho seguito la ricetta di Susanna, apportando solo piccole variazioni nel procedimento.

Ingredienti
Per la pasta all'uovo:
  • 200 g di farina
  • 100 g di semola di grano duro + quella per la spianatoia e per aggiustare l'impasto se troppo umido
  • 3 uova
  • 1 pizzico di sale fino
  • 60 g di spinaci già cotti
Per il ragù di carne:
  • 600 g di carne macinata mista
  • 1 cipolla dorata piccola
  • 1 carota
  • 1 costa di sedano
  • 2 foglie di alloro
  • ½ bicchiere di vino rosso
  • 400 g di passata di pomodoro 
  • 2 cucchiai di doppio concentrato di pomodoro
    noce moscata q.b.
    sale 
  • 1 cucchiaino di zucchero (omesso)
  • olio extra vergine di oliva q.b.
  • 2 noci di burro
Per la besciamella:
  • 1 l di latte intero
  • 100 g di burro
  • 100 g di farina di grano tenero tipo 0
  • noce moscata q.b.
  • sale fino q.b.
Per completare:
  • 100 g di parmigiano reggiano grattugiato
  • pangrattato q.b.
Ho preparato il ragù il giorno prima tritando le verdure per poi cuocerle a fiamma bassa, con due noci di burro e un cucchiaio di olio, finché non erano morbide e lucide. Ho tenuto da parte. 
Ho rosolato, con un paio di cucchiai di olio, la carne fino ad asciugatura del liquido e ha iniziato a prendere colore. Ho versato il vino e fatto evaporare. Ho quindi aggiunto le verdure, gli aromi, la passata di pomodoro sale, pepe e circa due bicchieri di acqua. Ho fatto cuocere per circa 2 ore. Una volta raffreddato ho riposto in frigo.

Il giorno seguente ho cotto gli spinaci facendoli stufare in una padella per qualche minuto. Li ho lasciati raffreddare poi frullati. Quindi ho preparato le sfoglie nel modo tradizionale ma, al contrario di Susanna, le ho tirate di spessore un po' più sottile con la macchina per la pasta perché ci piace così.
Una volta pronte le ho lasciate asciugare sopra una tovaglia di cotone. Ho fatto bollire dell'acqua salata e ho cotto le sfoglie per un paio di minuti. Appena scolate, le ho immerse in acqua fredda per bloccare la cottura, poi messe ad asciugare sopra una tovaglia.
Ho fatto la besciamella mettendo un pentolino sul fuoco con il burro. Non appena quest'ultimo ha iniziato a prendere un po' di colore ho aggiunto la farina, mescolato per far sì che non si creassero grumi. A questo punto ho versato un po' alla volta il latte sempre sbattendo con una frusta (non aggiungo altro latte se prima non è amalgamato quello precedente e senza grumi). A bollore della besciamella ho messo sale, pepe e noce moscata.
E sono arrivata a preparare le lasagne.
Ho passato un po' di burro nello stampo ed iniziato a mettere; uno strato di sfoglia, ragù, besciamella e formaggio grana. Ho continuato così fino all'ultima sfoglia.
 
Per finire ho spalmato la rimanete besciamella, il formaggio e pane grattugiato.

Ho infornato a forno preriscaldato a 200°C finché non ho ottenuto una gratinatura uniforme.

Grazie mille Susanna per la ricetta e per aver ospitato in allegria tutta la compagnia della Cuochina!

Il prossimo mese saremo dalla cara Solema del blog La cucina di Nonna Sole per preparare insieme degli gnocchi un po' particolari ma che piaceranno moltissimo a tutti: gnocchi di fagioli! Vi aspettiamo!!!

Nel blog di "Quanti modi di fare e rifare" e nella pagina di Facebook della Cuochina si possono visualizzare tutte le versioni proposte oggi e tanto altro! QUI per il menù 2015!
QUI
per scaricare la prima e la seconda parte del pdf 2013,
la prima e seconda parte del pdf anno 2012,
ed il pdf intero delle ricette anno 2011 




sabato 4 aprile 2015

Buona Pasqua con dolci animaletti e impasto base nr.5 della Cuochina

Che cosa c'è di meglio di un dolce lievitato per festeggiare la pasqua? A chi, come la sottoscritta, non ha tempo per cimentarsi nella lunga lavorazione della colomba, la rete regala tantissimi spunti per fare golose dolcezze in minor tempo.
E se poi si preparano in compagnia di amiche e si condividono insieme, il tutto acquista un valore doppio!!
Il risultato di questa bellissima sinergia:
Anna ha fatto questi 
Nadia questi
Maria Vittoria invece, era simbolicamente con noi ma non ha fatto in tempo a panificare.
Io ho usato l'impasto base nr.5 della Cuochina per preparare quelli che volevano essere, pulcini, uccellini nel nido, coniglietti..ma che sono diventati un po' troppo gonfi perdendo un po' la forma iniziale. Sono deliziosi ugualmente.

Ingredienti (ho fatto doppia dose)
  • 150 ml latte
  • 120 g di burro
  • 90 g di zucchero semolato
  • 3 g di malto (omesso)
  • 200 g licolfico
  • 500 g di farina
  • 2 uova
  • 1 cucchiaino di sale
  • aroma mandorla e arancia
  • Un po' di latte per spennellare e zucchero in granella.
Ho scaldato il latte e appena tiepido ho aggiunto licoli. Ho mescolato per far sciogliere quest'ultimo, poi ho unito le uova, gli aromi, ho sbattuto un po', poi ho amalgamato lo zucchero e la farina setacciata. Ho lasciato impastare nella planetaria finché l'impasto non si è staccato dal fondo avvolgendosi al gancio.
Ho quindi unito prima il burro un po' alla volta e poi il sale. Ho lasciato impastare a lungo finché burro e sale non risultavano perfettamente incorporati e l'impasto non si è riavvolto nuovamente al gancio.
Ho lasciato lievitare, in un ambiente fresco, tutto il giorno coperto con un sacchetto di plastica per alimenti e lasciato quasi triplicare. Verso le 23.00 ho formato gli animaletti, coperti  e lasciati lievitare fino al giorno seguente alle 6:00.
Così apparivano appena formati.
E così dopo una notte di lievitazione. Quindi li ho spennellati con un po' di latte e ricoperti di zucchero in granella.
Li ho infornati a 200°C per circa 15 minuti.

Buona Pasqua a tutti!!!






domenica 15 marzo 2015

Mini tarte tropezienne


Soffice, soffice..ricca di crema, insomma una delizia! Lo spunto per questa ricetta l'ho trovata qui ma io l'ho preparata con licoli e seguendo quasi interamente l'impasto base nr.2 della Cuochina. La crema è un po' troppo burrosa per i miei gusti, anche dopo aver dimezzato la quantità del burro. La prossima volta la preparerò diversamente.

Ingredienti per 8 tarte:
  • 240 g di farina di forza
  • 110 g di licoli
  • 60 g di latte
  • 60 g di zucchero
  • 1 uovo
  • 80 g di burro
  • un pizzico di sale
per la crema
  • 400 ml di latte
  • 150 g di zucchero
  • 2 tuorli ed un uovo
  • 60 g di maizena 
  • 200 g di burro (ne ho usati solo 100 grammi)
  • vaniglia
  • 130 g di panna
Per iniziare ho versato licoli, rinfrescato almeno 3 volte, nella ciotola della planetaria. Ho unito l'uovo, il latte e lo zucchero amalgamandoli fra loro con una frusta a mano. Ho aggiunto la farina e fatto impastare fino ad incordatura. A questo punto ho unito il burro un po' alla volta e fatto incorporare perfettamente all'impasto. Per ultimo il sale e lasciato impastare nuovamente finché l'impasto non si è avvolto completamente al gancio. 
Ho imburrato lievemente una ciotola e vi ho messo l'impasto. Ho lasciato lievitare coperto per un paio d'ore a temperatura ambiente e poi messo in frigo per tutta la notte. Il mattino seguente l'ho lasciato nuovamente a temperatura ambiente finché non è raddoppiato, dopodiché ho formato otto palline e lasciate nuovamente a lievitare, sempre coperte (ultimamente apro, tagliandolo con una forbice, un sacchetto di plastica per alimenti e copro con questo i miei lievitati perché non mi piace usare la pellicola) fino al raddoppio. 
Fatto questo ho spennellato la superficie con tuorlo d'uovo mescolato con un po' di latte e cosparso di zucchero in granella..più o meno, quello che passa il convento qui in Norvegia :-)
Ho fatto cuocere circa 20 minuti a forno preriscaldato a 180°C. Una volta cotti li ho lasciati raffreddare sopra una gratella.
Per la crema ho sbattuto le uova con lo zucchero e ho aggiunto la maizena. Nel frattempo ho fatto scaldare il latte con il mezzo baccello di vaniglia. Quindi ho tolto la vaniglia, e l'ho unita alle uova sbattute. Ho fatto addensare sul fuoco, sempre mescolando dopodiché ho sciolto il burro dentro. Mescolato bene e lasciata raffreddare. Una volta fredda ho montato la panna ed aggiunta alla crema.

Ho tagliati i soffici panini..


...e vi ho spalmato la crema,



e ce li siamo gustati :-)
Buon inizio settimana!




LinkWithin

Related Posts with Thumbnails