giovedì 10 aprile 2014

Colombe biscottose in volo tra il Giappone e la Norvegia


Che belle cose la collaborazione, l'amicizia e la tecnologia! 
Qualche giorno fa Anna stava preparando la colomba pasquale biscottosa, io ero alle prese con i mille impegni che ultimamente mi ritrovo a dover affrontare...Lei cercava uno stampo per realizzarla così io ho preso matita e carta e le ho disegnato una colomba velocemente. L'ho fotografata e inviata via chat. Lei l'ha  stampata e ritagliata, quindi l'ha ricopiata su carta forno ed è diventato lo schema. Ma potevo forse non raccogliere l'occasione di preparare insieme la stessa ricetta per Pasqua? No di certo! Soprattutto perché sono davvero buonissime, grazie Anna per l'idea!
Abbiamo utilizzato la ricetta base nr 2 della Cuochina perché è molto adatta per questo tipo di lievitato. Io ho fatto doppia dose; troppi golosoni in famiglia, rischiavo di non arrivare nemmeno ad assaggiarle!

Dosi e preparazioni
  • 240 g di farina di forza (minimo 13 % di proteine)
  • 110 g di licolampone
  • 80 g di latte
  • 60 g di zucchero
  • 1 tuorlo+1 uovo intero
  • 80 g di burro
  • 2 pizzichi di sale
  • granella di zucchero
  • tuorlo d'uovo per spennellare
  • qualche mandorla
  • estratto di mandorla e vaniglia
Nella planetaria ho sciolto licolampone con latte tiepido, ho aggiunto le uova, lo zucchero  e mescolato la farina. Ho impastato per una decina di minuti poi ho fermato la planetaria e lasciato riposare per 30 minuti circa (autolisi).
Quindi ho riavviato, unito il burro morbido, il sale, qualche goccia di aroma mandorla e aroma vaniglia e fatto impastare fino ad incordatura. Ho appallottolato e messo in una ciotola leggermente unta. Ho coperto con la carta da forno e poi con la pellicola, fatto lievitare un paio di ore a temperatura ambiente, dopodiché riposto in frigo fino al mattino..perché la mia casa è piccola e caldissima.
Il giorno dopo ho tenuto qualche ora a temperatura ambiente. Poi ho schiacciato l'impasto con le mani e, con la rotellina dentata, tagliato due colombine seguendo lo schema della colomba. Con il resto dell'impasto ho fatto tipo muffin collocati in stampini di carta.
Ho messo tutto nella leccarda ricoperta da carta forno e capovolto sopra una seconda leccarda come coperchio. Ho lasciato a lievitare fino al pomeriggio. Ho spennellato con il tuorlo d'uovo sbattuto e ricoperto, colombe e muffin, con granella di zucchero. Per occhio ho usato una mandorla.
Ho fatto cuocere in forno a 200°C sino a doratura.

Non avevo rametti di ulivo e così ho decorato con profumatissime violette

 Anche l'interno è una favola..tutta da gustare!


Buona Pasqua a tutti!




domenica 6 aprile 2014

Quanti modi di fare e rifare la Torta Pasqualina

E siamo arrivati alla ricetta di aprile nella cucina aperta della nostra amata Cuochina di Quanti modi di fare e rifare..
con una classisa preparazione primaverile, perfetta sulla tavola di Pasqua!
Non per nulla si chiama Torta Pasqualina! La condivide per la gioia di tutti noi Carla Emilia del blog "Un'arbanella di basilico"  mille grazie per la bontà della ricetta e per la squisita ospitalità!

Ne ho preparato metà dose di quella indicata, e con un ripieno diverso..Avrei voluto farcirla con tarassaco perché a casa nostra gli spinaci non piacciono proprio, ma è ancora troppo presto, troppo piccolo nei prati. Per la ricetta originale e le dosi intere rimando al blog di Carla Emilia.

Ingredienti per la pasta matta:
  • 300 g di farina 
  • 3 cucchiai di olio 
  • 150 ml di acqua calda 
  • 6 g di sale

Ho lavorato diversamente da Carla Emilia, cioè nel modo in cui preparo solitamente la pasta fillo. 
Nella farina setacciata ho versato l'acqua molto calda, ho aggiunto l'olio, ed il sale. 
Ho impastato a lungo, poi raccolta in una palla, ricoperta da un sacchettino di plastica per alimenti e lasciata riposare.

Per il ripieno:
  • 1 porro grande
  • 2 coste di sedano 
  • 2 carote
  • timo limone
  • 4 uova
  • 250 g di formaggio tipo ricotta home made
  • 4 cucchiai di parmigiano
  • olio extravergine di oliva
  • sale e pepe
Ho lavato e tagliato: il porro a rondelle, il sedano a pezzettini, le carote grattugiate gossolanamente. Ho messo tutto in una ciotola, vi ho aggiunto la ricotta, il formaggio, sale pepe e timo fresco. Ho mescolato e bene per amalgamare. Ho iniziato a tirare col matterello le sfoglie; dieci in tutto.
Ho spennellato di olio lo stampo apribile per dolci e vi ho adagiato la prima sfoglia facendola uscire dai bordi esterni. Ho spennellato di olio tutta la superficie e poi messo sopra la seconda sfoglia..Ho continuato così sfoglia-olio fino alla quinta sfoglia. Dopodiché ho versato le verdure. Con le mani ho fatto 4 buchi e vi ho rotto dentro un uovo per ciascun buco. Ho ricoperto con le rimanenti cinque sfoglie, spennellandole sempre di olio una dopo l'altra. Alla fine ho tagliato con il coltello l'eccedenza di pasta che usciva dal bordo lasciandone uscire circa un centimetro. Ho arrotolato il bordo verso l'interno della teglia sigillandolo. Ho creato alcune decorazioni che volevano essere campane :-) e le ho messe sopra..ho spennellato ancora di olio e infornato a forno preriscaldato a 190°C per circa un'ora. Ottima!

Il prossimo appuntamento di maggio ci ritroverà insieme a casa di Dany del blog Profumo di zenzero e cannella per preparare Mini quiche lorainne! Vi aspettiamo!


Nel blog di "Quanti modi di fare e rifare" e nella pagina di Facebook della Cuochina si possono visualizzare tutte le versioni proposte oggi e tanto altro!
QUI per il menù completo 2014!


QUI 
per scaricare la prima e la seconda parte del pdf 2013, 
la prima e seconda parte del pdf anno 2012, 
ed il pdf intero delle ricette anno 2011 

giovedì 6 marzo 2014

Quanti modi di fare e rifare i pici all'aglione


Per Quanti modi di fare e rifare oggi siamo tutti da Stella, del blog Una stella tra i fornelli, una cara amica che da molto tempo spignatta con noi nell'allegra e  golosissima cucina aperta della Cuochina! 
Con Stella prepareremo un ottimo primo piatto della tradizione toscana: I pici all'aglione. Non avevo mai assaggiato questa bontà ed ho preferito farli secondo la ricetta originale. Ma ne ho impastati troppo pochi!! Sono davvero buonissimi, devo aumentare sicuramente la dose la prossima volta. Di seguito gli ingredienti che ho usato io, per la ricetta originale vi rimando al blog di Stella.

Ingredienti per 2 persone
  • 200 g di farina 0
  • 90 g di acqua circa
  • 1/2 cucchiaio di olio
  • sale (omesso)
Per condire
  • aglio abbondante
  • pomodoro a pezzettoni
  • olio extravergine di oliva
  • un pezzetto di peperoncino
  • sale, pepe 
Setacciare la farina, versarla nella ciotola della planetaria e aggiungere tanta acqua quanto basta per ottenere un panetto non troppo morbido. Impastare finché non diventa liscio ed elastico poi coprire con la pellicola trasparente e lasciare riposare per circa 30 minuti. Fatto questo, stendere col matterello a sfoglia dello spessore di circa un cm. Tagliare a striscioline e con le mani formare dei filoncini il più possibile sottili, perché in cottura aumenteranno parecchio. Lasciare asciugare sopra una tovaglia di cotone. 
Nel frattempo mettere olio in una padella, soffriggere a fuoco moderato 4-5 spicchi d'aglio facendo attenzione a non bruciarli. Unire il peperoncino, il pomodoro e cuocere per asciugare un po'. 
Cuocere i pici in abbondante acqua salata, scolare, farli saltare nella padella del sugo e per finire cospargere di pecorino...purtroppo me lo devo sognare, così ho sostituito con parmigiano.

Che buoni!! Grazie Stella per la ricetta e per averci gentilmente ospitati tutti nella tua bella cucina!
Ed il prossimo mese dove saremo? Da Carla Emilia del blog. Un'arbanella di basilico per fare la "Torta pasqualina". Vi aspettiamo numerosi!

Nel blog di "Quanti modi di fare e rifare" e nella pagina di Facebook della Cuochina si possono visualizzare tutte le versioni proposte oggi e tanto altro!
QUI per il menù completo 2014!


QUI 
per scaricare la prima e la seconda parte del pdf 2013, 
la prima e seconda parte del pdf anno 2012, 
ed il pdf intero delle ricette anno 2011 

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails