domenica 15 marzo 2015

Mini tarte tropezienne


Soffice, soffice..ricca di crema, insomma una delizia! Lo spunto per questa ricetta l'ho trovata qui ma io l'ho preparata con licoli e seguendo quasi interamente l'impasto base nr.2 della Cuochina. La crema è un po' troppo burrosa per i miei gusti, anche dopo aver dimezzato la quantità del burro. La prossima volta la preparerò diversamente.

Ingredienti per 8 tarte:
  • 240 g di farina di forza
  • 110 g di licoli
  • 60 g di latte
  • 60 g di zucchero
  • 1 uovo
  • 80 g di burro
  • un pizzico di sale
per la crema
  • 400 ml di latte
  • 150 g di zucchero
  • 2 tuorli ed un uovo
  • 60 g di maizena 
  • 200 g di burro (ne ho usati solo 100 grammi)
  • vaniglia
  • 130 g di panna
Per iniziare ho versato licoli, rinfrescato almeno 3 volte, nella ciotola della planetaria. Ho unito l'uovo, il latte e lo zucchero amalgamandoli fra loro con una frusta a mano. Ho aggiunto la farina e fatto impastare fino ad incordatura. A questo punto ho unito il burro un po' alla volta e fatto incorporare perfettamente all'impasto. Per ultimo il sale e lasciato impastare nuovamente finché l'impasto non si è avvolto completamente al gancio. 
Ho imburrato lievemente una ciotola e vi ho messo l'impasto. Ho lasciato lievitare coperto per un paio d'ore a temperatura ambiente e poi messo in frigo per tutta la notte. Il mattino seguente l'ho lasciato nuovamente a temperatura ambiente finché non è raddoppiato, dopodiché ho formato otto palline e lasciate nuovamente a lievitare, sempre coperte (ultimamente apro, tagliandolo con una forbice, un sacchetto di plastica per alimenti e copro con questo i miei lievitati perché non mi piace usare la pellicola) fino al raddoppio. 
Fatto questo ho spennellato la superficie con tuorlo d'uovo mescolato con un po' di latte e cosparso di zucchero in granella..più o meno, quello che passa il convento qui in Norvegia :-)
Ho fatto cuocere circa 20 minuti a forno preriscaldato a 180°C. Una volta cotti li ho lasciati raffreddare sopra una gratella.
Per la crema ho sbattuto le uova con lo zucchero e ho aggiunto la maizena. Nel frattempo ho fatto scaldare il latte con il mezzo baccello di vaniglia. Quindi ho tolto la vaniglia, e l'ho unita alle uova sbattute. Ho fatto addensare sul fuoco, sempre mescolando dopodiché ho sciolto il burro dentro. Mescolato bene e lasciata raffreddare. Una volta fredda ho montato la panna ed aggiunta alla crema.

Ho tagliati i soffici panini..


...e vi ho spalmato la crema,



e ce li siamo gustati :-)
Buon inizio settimana!




domenica 8 marzo 2015

Quanti modi di fare e rifare i maritozzi

Confesso che la ricetta di questo mese per Quanti modi di fare e rifare non l'avevo mai fatta ed i maritozzi erano una leccornia mai assaggiata! Forse perché non ho mai visitato Roma?? Che ne dite Cuochine si potrebbe fare in questa città un incontro tra di noi?


Comunque oggi grazie a Silvia del blog acqua-farina sississima, e alla Cuochina che ogni mese ci riunisce in tanti per rifare ricette stupende, insegnandoci moltissime cose nuove e facendoci viaggiare per tutto il pianeta, ho potuto finalmente gustare i famosi maritozzi.

Per fare l'impasto adattandolo al licoli, all'inizio pensavo di usare l'impasto base nr.3 della Cuochina, ed in parte ho seguito quello ma poi avendo aggiunto zucchero ed olio è risultato troppo idratato e, di conseguenza, molto appiccicoso. Così ho unito un po' di farina in più. 
Non è finita qui..I canditi non mi piacciono comprati e la frutta biologica non è facile trovarla per farli home made così al posto del cedro o dell'arancia ho optato per il caffè solubile. Il risultato per me è ottimo! La panna montata ci sta benissimo con il caffè!

Ingredienti per 12 maritozzi
  • 230 g di farina di forza
  • 105 g di acqua tiepida
  • 90 g di licoli rinfrescato almeno 3 volte
  • 50 g di zucchero
  • 3 cucchiai di olio evo
  • 75 g di uvetta
  • 20 g di pinoli
  • 2 cucchiaini colmi di caffè solubile
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia
  • 1 pizzico di sale
Per la lucidatura
  • 3-4 cucchiai ci acqua bollente
  • 25 g di zucchero
Ho iniziato mettendo licoli nella ciotola della planetaria, ho versato l'acqua tiepida, il caffè solubile e lo zucchero. Ho fatto sciogliere. Ho aggiunto la farina e fatto impastare. Dopodiché ho unito l'olio ed il sale. Quando l'impasto si è avvolto al gancio pulendo il fondo della ciotola, l'ho tolto dalla ciotola della planetaria e ho aggiunto l'uvetta ed i pinoli facendoli incorporare a mano.
Quindi ho messo tutto a lievitare coperto con la pellicola. Quando l'impasto è raddoppiato ho fatto un filone, tagliato in 12 pezzi e modellato dei panini ovali.. Ho messo a lievitare nuovamente coperti. A raddoppio ho infornato per 10 minuti a forno preriscaldato a 200°C. Nel frattempo ho sciolto il rimanente zucchero nell'acqua bollente e con un pennello ho pennellato i maritozzi. Ho infornato ancora per un paio di minuti. Tolti dal forno, lasciati raffreddare, quindi tagliati e farciti con panna montata..fantastici!
Grazie cara Silvia, una ricetta stupenda!

Il prossimo appuntamento sarà con le favolose Lasagne verdi emiliane di Susanna del blog Afrodita's kitchen!
Vi aspettiamo!!
 
Nel blog di "Quanti modi di fare e rifare" e nella pagina di Facebook della Cuochina si possono visualizzare tutte le versioni proposte oggi e tanto altro! QUI per il menù 2015!
QUI
per scaricare la prima e la seconda parte del pdf 2013,
la prima e seconda parte del pdf anno 2012,
ed il pdf intero delle ricette anno 2011



domenica 1 marzo 2015

Pane con licoli, mela e rosmarino

Impegni permettendo, ogni venerdì sera rinfresco licolfico per panificare il sabato sera e cuocere la domenica. 
Questo fine settimana ho impastato tsoureki e questo pane delizioso alle mele e rosmarino. La ricetta ispiratrice l'ho trovata nel mio libro di ricette norvegesi Brød og brødbaking, ma come spesso accade, ho fatto a modo mio adattando per licoli che avevo a disposizione.

Ingredienti per 3 pani
  • 350 g di farina di forza
  • 50 g di farina integrale
  • 250 g di acqua
  • 200 g di licolfico
  • 10 g di sale
  • 1 mela biologica
  • 1 bel rametto di rosmarino fresco
Per prima cosa ho rinfrescato licolfico per tre volte, poi l'ho messo nella ciotola della planetaria, aggiungendo l'acqua tiepida e la farina. Ho avviato la macchina e lasciato impastare finché l'impasto non si è avvolto al gancio. E' molto idratato per cui l'ho aiutato rivoltandolo spesso nella ciotola con una spatola. Ho unito il sale, rifatto incordare ed aggiunto la mela, lavata bene ma non sbucciata, a tocchetti ed il rosmarino tritato. Ho travasato in un'altra ciotola, coperto con un sacchetto di plastica, lasciato per qualche ora a temperatura ambiente e poi messo in frigo per la notte. Il mattino seguente ho tolto dal frigo e lasciato a temperatura ambiente per tre ore circa.
A questo punto ho infarinato abbondantemente il piano da lavoro, ho diviso in tre l'impasto ed ho creato dei filoni. Ho infarinato abbondantemente il pane e lasciato lievitare coperti per circa quattro ore. Dopodiché l'ho, con delicatezza, attorcigliato su se stesso. 

Ho infornato subito a forno preriscaldato a 200°C fino a cottura.
E' un impasto molto idratato, immaginavo che risultasse leggero dopo la cottura ma è riuscito a stupirmi ugualmente...

Buona settimana a tutti!!


LinkWithin

Related Posts with Thumbnails