lunedì 16 novembre 2020

Pane nel mondo: Tashkent Non style bread (Uzbekistan)

Questo pane è bellissimo secondo me. Sarà che amo svisceratamente i fiori ma a vederlo così "petaloso" mi emoziona, come quando scopro un nuovo bocciolo nel mio giardino. Adesso l'inverno è alle porte, tutta la magia dei colori e dei profumi hanno lasciato il posto alle tinte marroni delle foglie cadute dagli alberi e delle erbacce secche che ricoprono i prati, grigie dei cieli plumbei, e molto presto, bianche e azzurrognole della neve e del ghiaccio...
 
Dal blog della Cuochina: Il pane in Uzbekistan viene raramente, quasi mai, tagliato con un coltello a casa o in contesti sociali tradizionali: piuttosto, viene spezzato a mano. È considerato irrispettoso posizionare una pagnotta di pane capovolta, e ancora di più consentire alle briciole di cadere a terra. La tradizione uzbeka sembra prendere sul serio la sacralità del pane donata da Dio: per esempio, quando un pezzo di pane cade a terra, la tradizione richiede che sia raccolto e posizionato sopra un muro o nell'incavo di un albero per gli uccelli mentre si dice "'aysh Allah" ("pane di Dio")

 

Ingredienti per due pani
Nella ciotola della planetaria inserire licoli, yogurt, acqua tiepida, zucchero e olio. Mescolare un po', versare la farina e impastare per almeno 10 minuti.
Formare una palla  e metterla in un ciotola leggermente oliata. 
Coprire e lasciare lievitare fino al raddoppio.
Sgonfiare l'impasto e dividere in due pezzi, formare due palle, coprire e lasciare riposare per 10 minuti. Dopodiché, stendere gli impasti a forma rotonda con uno spessore di circa un cm e mezzo, con un bicchiere o un coppapasta fare un cerchio al centro, senza incidere fino alla base. Tagliare a striscioline di numero pari la parte esterna al cerchio e intrecciare nel modo che più piace e che suggerisce la fantasia. Io ho seguito i suggerimenti della Cuochina.
Mettere i pani sopra la carta da forno, e coprire. Lasciare lievitare al caldo fino al raddoppio. Per i miei c'è voluto più di un'ora.
Preriscaldare il forno a 200°C, spennellare leggermente di latte  la superficie dei pani e infornare per circa 20 minuti.

Ultimamente l'ho rifatto anche con solo farina bianca al 13% di proteine,
senza aggiungere farina integrale e questo è il risultato.