venerdì 9 novembre 2012

Pane tipo rosette


Ecco qui le rosette che ho preparato con il licolpesca a fine estate...
Vi assicuro che il mio frigo non è strapieno di lieviti :-) avevo preparato questo licolfrutta con la pesca per la sfida di riuscire a generarlo ma poi ne ho tenuto uno soltanto, il licolmela, e mi basta!
Per la ricetta ho preso spunto da questo video di Viva la focaccia ma l'ho fatta con licolpesca appunto.. e di conseguenza, sia gli ingredienti che il procedimento, variano. 
Non sono venute soffiate, ancora non sono riuscita a capire per quale motivo (forse il mio forno che non tiene la temperatura massima?) ma vi assicuro che sono buonissime ugualmente!
Come si vede dalle foto il mio metodo per tagliare le rosette è primitivo e rudimentale ma bisogna sapersi inventare anche gli attrezzi se non si trovano in commercio! Per la ricetta originale con il lievito di birra vi rimando al video o al sito segnalato sopra. Io ho fatto così:

Ingredienti per 8 rosette:
  • 360 g di farina (12% di proteine)
  • 160 g di licolpesca o altro licolfrutta, rinfrescato almeno 2 volte
  • 160 g di acqua
  • 4 g di zucchero
  • 5 g di sale
Iniziare con l'inserire il licoli nella ciotola della planetaria assieme all'acqua e lo zucchero. Sciogliere bene ed unire la farina setacciata. Impastare per 5-6 minuti, fermare la planetaria, coprire l'impasto e lasciare riposare per 20 minuti coperto (autolisi).
Trascorso questo tempo riavviare ed aggiungere il sale. Impastare finché il tutto non risulterà incordato e liscio. Trasferire in una ciotola, coprire con la carta da forno (vedere qui la foto del mio metodo) lasciare un paio d'ore a temperatura ambiente e poi mettere in frigo fino al mattino seguente.

Il giorno dopo, anche con l'aiuto del video e dopo aver lasciato l'impasto a temperatura ambiente per un'oretta, procedere così:
- riprendere l'impasto fare le pieghe a 4 e lasciare riposare per 20 minuti coperto a campana con la ciotola
- rifare lo stesso procedimento e riposo per altri 20 minuti
- ancora lo stesso procedimento e cioè riprendere l'impasto, fare le pieghe a 4 ma poi spennellare con olio, avvolgere con la pellicola trasparente e lasciare riposare per 30 minuti
- dopodiché dividere l'impasto in 8 pezzi di circa 80 g ciascuno e dare forma di pallina, coprire e lasciare riposare per altri 30 minuti.
- fare le rosette con l'apposito stampo, o un taglia mele oppure come ho fatto io, con il mio tappo super sgangherato... coprire e far lievitare per 1 ora in luogo tiepido.

Io non le ho capovolte perché l'unica volta che l'ho fatto, la forma di rosetta è sparita...
-preriscaldare il forno a temperatura massima, inserire un recipiente con dell'acqua bollente sul fondo e se il vostro forno tiene la temperatura e potete cuocerle come nel video ci vogliono 10 minuti. Io le ho tenute nel forno quasi 15 minuti.


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
Ringrazio, con moltissimo ritardo... ma di cuore Chiara del blog Cooking Therapy per questo bellissimo e simpatico premio



32 commenti:

  1. Complimenti sono bellissime!
    Anche se non sono soffiate!!! ;)
    Alcuni utilizzano un taglia mela per creare la forma sulla pasta!

    ciao loredana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Loredana! E' da un pezzo che cerco di acquistare almeno il taglia mela ma impossibile trovarlo nei negozi, o perlomeno qui non l'ho mai visto..Ciao e buona domenica!

      Elimina
  2. Ornella carissima, il tuo pane è sempre così perfetto.. io col licoli ho un rapporto di amore odio tutto particolare: alle volte mi lavora che è una meraviglia, altre volte di ferma e da lì non lo muovo più. E mi tocca ripartire poi daccapo :((
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cinzia carissima, grazie!
      Sarà perché il licoli è consapevole di essere la principale fonte dei miei svaghi in questo periodo ma non si azzarda a farmi il dispetto di non muoversi :-D
      Certo alle volte è meno reattivo ma poi riparte. Spesso poi devo stare attenta, dopo il rinfresco, perché mi esce fuori dal barattolo e impasticcia tutto il mobiletto, altre devo rinfrescarlo più volte perché si muova di qualche cm! Un abbraccio e buona domenica

      Elimina
  3. Ho ancora una fetta di prosciutto ed un poco di montasio; che dici, me ne posso prendere una?? Ci starebbero a meraviglia insieme.
    Penso anch'io che, per fare le rosette soffiate, serva una temperatura impossibile per un forno casalingo. Io mi sentirei più che soddisfatta per come sono venute, sono bellissime e sicuramente buonissime :))
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho della sopressa veneta che dici facciamo un picnic assieme? :-D
      Grazie Anna tanti baci e buona domenica!

      Elimina
  4. uhhhh che meraviglia!!!
    sei diventata bravissima, più di quanto già lo eri :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giulia, bentornata!!! Che bello ritrovarti:-) Grazie cara e buona domenica

      Elimina
  5. Ciao Ornella, le rosette sono di casa a Milano! Noi ne abbiamo di due tipi: piena e vuota.
    La tua rosetta è perfetta per un bel panino, che peraltro era una delle nostre merende da piccoli.
    Bravissima!
    Buona domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Vittoria!! Allora diciamo con sollievo che la mia versione è quella piena :-) Buona settimana!

      Elimina
  6. Io ho l'attrezzino perchè mi è sempre piaciuto fare le rosette e vedendo le tue sono convinta di aver trovato la ricetta giusta, ma io non ho il lievito licolfrutta e quindi farò la ricetta con il lievito di birra. Stupende, complimenti.Buon S. Martino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Giovanna,in ritardo, ma buon S.Martino anche a te! Poi mi dici come sono venute perché io le ho provate solo col licoli!

      Elimina
  7. sono perfette. quelle cui ci va dentro qualche fetta di salame! :)
    un abbraccio

    irene

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io! Magari una bella fettona di sopressa veneta :-) Ma ti assicuro che la Graviera Mitilini è ottima per farcirle!

      Elimina
  8. Tesoro, forse non saranno soffiate ma sono uno splendore e ti assicuro che non hanno nulla da invidiare a quelle che qui vendono nei forni...ANZI! E' esattamente il contrario. Non so se la "soffiatura" dipenda solo dalla temperatura del forno, ma di sicuro le rosette vuote all'interno sono una delle cose più difficili da ottenre anche per i fornai di professione. Sai che non sapevo l'impasto andasse tipo "sfogliato" ? Mi hai messo una voglia i provare. Quasi quasi il prossimo week end...soffiato o no...mi butto :) Un bacione grande, buona domenica

    RispondiElimina
  9. stupende le tue rosette,complimenti e buona domenica!

    RispondiElimina
  10. Ma grazie di che cosa???? Sei tu ad essere sempre bravissima e di ispirazione!
    Anche queste rosette sono bellissime , e le sento già croccare sotto i denti!

    Buona Domenica e a presto

    Chiara

    RispondiElimina
  11. Non avevo idea esistessero in giro dei licolfrutta di tutti i tipi. Certo che ne sapete sempre una più del diavolo:) Io sono rimasta al vecchio lievito madre. Mi informerò su questi licolfrutta e magari provo ad adattare la ricetta al lm. Occorrono le stesse quantità, giusto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Paola! Se vai nel blog della Cuochina potrai ammirarne tanti altri preparati da noi o dalle nostre amiche Cuochine:-) Se vuoi rifare le rosette col lievito madre dovresti togliere un po' di farina e aggiungere più acqua, esempio così: 340 g di farina, 150 g di lM e 190 g di acqua. Ciao a presto

      Elimina
  12. ciao meraviglia! queste rosette sono cosi' fragranti... da addentarle subito. avevo quella ricetta a cui fai riferimento segnata da un anno ma mai ho avuto l'ispirazione di farla. ora che mi dai anche le proporzioni esatte con il lievito liquido e chi ci ferma piu'? da bambina le rosette erano la mia passione. che idea usare il tappo e la lametta. io pensavo di provare con quel coso che si usa per tagliare a spicchi le mele, ha presente? mi piacciono anche molto gli scatti della preparazione su sfondo blu. un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io ho molti ricordi legati all'infanzia per questo tipo di pane! La prima cosa che facevo era di togliere il tappo al centro e e infilarci dello zucchero! Ho cercato per molto tempo quell'attrezzo per le mele ma niente da fare non l'ho trovato..Grazie, un bacione

      Elimina
  13. Ciao Ornella, come stai? è da un po' che non passavo perchè non vedevo più gli aggiornamenti del tuo blog sulla mia bacheca..
    bellissime queste rosette, è sempre stato uno dei miei pani preferiti. baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao carissima!! Hai ragione...spero di riprendere un giorno, e che questo periodo difficile finisca al più presto! Grazie, un abbraccio

      Elimina
  14. io le trovo splendide, le rosette credo siano uno dei pani più difficili da realizzare, sei stata brava come sempre...un abbraccio

    RispondiElimina
  15. e oggi è già la seconda ricetta di queste rosette di vivalafocaccia che trovo pubblicata nella blogsfera..devo proprio farle :D!!
    Ti ho trovato cercando cucina greca..(presto pubblicherò una settimana di cucina greca) e ho trovato una marea di ricette gheche..ora non ti mollo piu'! sei bravissima!!
    Bacioni
    Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sara e lieta di fare la tua conoscenza! Allora ti piace la cucina greca :-) Sono veramente ottime queste rosette, finora le ho preparate solamente con il licolmela ma immagino siano buonissime anche con il lievito di birra!
      Ciao, grazie mille e a presto

      Elimina
  16. belle, ti sono venute perfette! Adoro la rosetta, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  17. Ciao, sono Daniela, dal Piemonte, ho fatto le tue rosette, con il lievito liquido figlio della pasta madre che ho dato alla luce a giugno....neanche a me sono venute soffiate, ma temo che i forni americani siano un'altra cosa, nonostante anch'io abbia usato la pietra refrattaria, quindici minuti non mi bastavano quasi per la cottura! e penso soprattutto che il lievito di birra possa fare la differenza, con la lievitazione spinta che ha. Bene, volevo solo ringraziarti, ho postato la foto su Fb delle rosette che ho fatto io e mi son permessa di mettere il link della tua ricetta. Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Daniela, lieta di conoscerti e felice che tu abbia provato a fare le rosette,grazie!!! Ti sono piaciute? Ho provato a cercarti in Fb ma senza risultato.. se mi indichi come fare per rintracciarti vengo a vederle e a ringraziarti anche lì! E' da un po' di tempo che mi riprometto di prepararle con il lievito di birra ma ancora non ci sono riuscita, spero presto. Credo che si siano diversi fattori che influiscono sul risultato; il forno è uno di quelli. Come hai notato nel video viene spruzzata acqua durante la cottura..io l'ho fatto solo una volta nel mio ma la temperatura è precipitata sotto i 150° e ho dovuto lasciare le rosette in forno per ancora altro tempo. Vedremo i prossimi esperimenti :-)
      Ciao a presto!

      Elimina
  18. Ciao Ornella. Bellissime le tue rosette! Ti sono venute piene? Meglio,io odio le rosette "perfette" proprio perché "vuote" quindi per me le tue sono da 10 e lode!

    Baci
    Silvia

    RispondiElimina
  19. Ciao Ornella. Bellissime le tue rosette! Ti sono venute piene? Meglio,io odio le rosette "perfette" proprio perché "vuote" quindi per me le tue sono da 10 e lode!

    Baci
    Silvia

    RispondiElimina

Mi piace pensare a questo “giardino” come ad un luogo sereno e spensierato dove pace e armonia regnano sopra ogni cosa...♥
Il vostro pensiero è ben accetto purché non sia offensivo per nessuno.
Tutti i commenti ANONIMI non saranno presi in considerazione.

All ANONYMOUS comments will not be considered.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails