domenica 16 settembre 2012

Lalaggia, λαλάγγια


Il giorno di ferragosto siamo stati invitati da parenti alla sagra ( "panigiri") al loro paesello vicino a Kardamili. A parte il maiale cotto allo spiedo che era a dir poco meraviglioso, una signora ha riempito le mie mani con questi, non so come chiamarli..grissini fritti? Sono lalaggia (si pronuncia lalaghia) e sono una preparazione tipica di quei luoghi. 
Al primo morso già sapevo che li avrei rifatti prestissimo!! E così è stato. Della ricetta sono riuscita a sapere solamente che uno degli ingredienti aggiunti era la Sfela un formaggio prodotto in zona.
Il giorno seguente ho provato a realizzarli prendendo spunto dalla ricetta di Ηλίας Μαμαλάκης ma benché ottimi non sono venuti come quelli che avevo assaggiato perché erano tutt'altro che croccanti bensì molto morbidi e tali rimanevano anche il giorno dopo. Comunque sia, erano veramente buoni, mangiati semplicemente così o accompagnati al formaggio e perché no, anche ai salumi per uno spuntino o un aperitivo.
Tornata ad Atene li ho rifatti con licolmela a modo mio, prendendo da questa ricetta  solo lo spunto di aggiungere  l'uovo e la gassosa.
Ottimi e morbidi mangiati caldi ma l'indomani ho avuto la sorpresa: erano diventati croccanti come piacevano a me!!

lalaggia con lievito di birra
Lalaggia con lievito di birra:
Ingredienti:
  • 500 g di farina per tutti gli usi
  • 1 tazzina da caffè olio extravergine di oliva
  • 1 cucchiaino da the di lievito secco
  • sale
  • 4 cucchiai di formaggio grattugiato
  • acqua tiepida q.b.
  • olio per friggere
Mettere in una ciotola capiente la farina e l'olio. Sfrigolare con le mani per ottenere un composto sbriciolato. Aggiungere il sale e pian piano un po' d'acqua tiepida in cui abbiamo fatto sciogliere il lievito di birra. Impastare.
Unire poco a poco tanta acqua quanto basta per ottenere una consistenza morbida, il formaggio grattugiato, ed impastare bene a lungo. Coprire con dei canovacci da cucina e lasciare lievitare per circa un'ora.
Subito dopo, impastare nuovamente e tagliare l'impasto in pezzi abbastanza grandi. Modellare ogni pezzo a cordoncino, poi tagliarlo in 3 parti e avvolgere  ognuno su se stesso**. Scaldare parecchio olio e friggere finché prendono colore da tutte le parti.
** Questa procedura l'ho saltata perché le ho avvolte su se stesse nell'istante che le mettevo a friggere dentro l'olio.

Lalaggia con licolmela:


lalaggia con licolmela

Ingredienti:
  • 280 g di semola di grano duro
  • 130 g di licolmela (rinfrescato almeno 2 volte)
  • 60 g di gassosa o bibita similare
  • 40 g di olio extravergine di oliva + quello occorrente per friggere
  • 1 uovo
  • 4 cucchiai di formaggio grattugiato ( sfela o pecorino) 
  • 1 cucchiaino di sale
  • 1/2 cucchiaino scarso di cannella in polvere
Inserire nella ciotola della planetaria licoli, olio, uovo e gassosa. Far sciogliere e amalgamare bene. Aggiungere il formaggio la cannella, la farina setacciata e impastare per qualche minuto. Spegnere, coprire e lasciare l'impasto per una ventina di minuti a riposare.
Dopodiché aggiungere il sale e impastare a lungo. Quindi riporre in una terrina, coprire con la carta da forno (vedere il mio metodo qui) e inserire in un sacchetto di plastica chiudendo bene. Lasciare un'ora a lievitare a temperatura ambiente poi mettere in frigo fino al giorno dopo.
L'indomani appena tolto da frigo, impastarlo un po' e lasciarlo coperto a lievitare, sempre a temperatura ambiente, poi con le mani formare dei cordoncini un po' più grandi di un bucatino.

Friggere in abbondante olio caldo.






25 commenti:

  1. E' vero sembrano dei grissini fritti,quindi ancor più stuzzicanti ed appetitosi!!Ne ho presi una manciata anch'io,sai l'aperitivo..!Un bacione cara Ornella e bellissima domenica!!

    RispondiElimina
  2. Cara Ornella, è un piacere ritrovarti ed è la prima volta che ti vengo a trovare da quando sono finite le vacanze, mea culpa :-(
    Qualunque sia il nome o la vera ricetta sembrano davvero molto buoni ed invitanti, ne prendo una manciata anch'io.
    Un bacione, buona domenica

    RispondiElimina
  3. αχ ορνελλα τι μου κανεις! θα σε δειρω!!!!
    φιλακια πολλα και καλη κυριακη

    irene

    RispondiElimina
  4. davvero una ricettina molto simpatica!
    Bella!
    Buona domenica!

    RispondiElimina
  5. Che belli che sono!!! Allora bisogna farli il giorno prima per averli belli croccanti, buono a sapersi:D
    Viene voglia di mettere subito le mani in pasta ;-))))
    Tentatrice!!!!!
    Baci :)))

    RispondiElimina
  6. Molto sfiziosi complimenti. Mi piacciono le ricette tipiche. Buona domenica.

    RispondiElimina
  7. Ma se tendono ad indurire son perfetti da realizzare con le farine senza glutine!!! :-)

    Prima o poi l faro' una vacanza in Grecia e allora....

    Buona domenica

    RispondiElimina
  8. Estupendos grissini fritos son irresistible a la hora de un aperitivo,abrazos y abrazos.

    RispondiElimina
  9. ma che carini questi lalaggia! morbidi, croccanti, li vorrei assaggiare tutti.
    e poi i lievitati fritti... cosa c'è di più buono?

    RispondiElimina
  10. Ohhhhhhh ma quanto sono belli!!!!!! E come saranno buoni! Già me li immagino con una fetta di salame!!!!! Bontà divina! Baci

    RispondiElimina
  11. E quindi se li faccio è meglio aspettare il giorno dopo così son più croccanti? Mi sa che son buoni comunque è :-) Bacioni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Solamente quelli con licoli diventano croccanti il giorno dopo, quelli con il lievito di birra invece acquistano maggiore morbidezza :-) Bacioni e grazie!

      Elimina
  12. Sei troppo brava!!
    ti abbraccio forte
    baci baci

    RispondiElimina
  13. Prova e riprova ci sei riuscita, ma non credo che mi cimenterò in questa prova. Prendo i "bassanesi" pronti e tutto va bene. Buona settimana, Ornella ed a presto.

    RispondiElimina
  14. molto sfiziosi, non li conoscevo, mi piace scoprire cose nuove, baci

    RispondiElimina
  15. che sfiziosità, penso che me ne mangerei un vassoio intero, molto pericolosi per me!

    RispondiElimina
  16. Infatti sembrano grissini fritti. Questi sono uno tira l'altro.

    RispondiElimina
  17. Che aspetto delizioso, adoro questi stuzzichini.
    Un bacione

    RispondiElimina
  18. Buonissimi, licolmela riserva sorprese deliziose... posso immaginare la fragranza di questi lalaggia!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  19. hanno proprio un bell'aspetto, mi invogliano all'assaggio, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  20. Che strane frittelline filanti ! Invitanti invitanti.... Mi piacciono ! Con i tuoi lieviti ai sempre cose sopraffine !!! Un abbraccione !!!

    RispondiElimina
  21. Sei bravissima riesci sempre a trovare il modo corretto per realizzare ogni ricetta anche quando non possiedi la ricetta originale, comunque grissini so molto particolari al prima vista sembrano frittelle ciao Luisa

    RispondiElimina
  22. Devono essere meravigliosi penso che li farò per il compleanno di nipote per accompagnarli con salumi e cose varie ovviamente lievito di birra.
    Mi sembrano tanti 500 gr di farina ma al caso vorrà dire che quello che avanza se li porteranno a casa.
    Ciaooo buona serata.

    RispondiElimina

Mi piace pensare a questo “giardino” come ad un luogo sereno e spensierato dove pace e armonia regnano sopra ogni cosa...♥
Il vostro pensiero è ben accetto purché non sia offensivo per nessuno.
Tutti i commenti ANONIMI non saranno presi in considerazione.

All ANONYMOUS comments will not be considered.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails