mercoledì 6 aprile 2011

Quanti modi di fare e rifare: la pastiera napoletana


"Narra la leggenda che la sirena Partenope, simbolo della città di Napoli, dimorasse nel Golfo disteso tra Posillipo ed il Vesuvio, e che da qui ogni primavera emergesse per salutare le genti felici che lo popolavano, allietandole con canti di gioia. Una volta la sua voce fu così melodiosa e soave che tutti gli abitanti ne rimasero affascinati e rapiti, accorsero verso il mare commossi dalla dolcezza del canto e delle parole d’amore che la sirena aveva loro dedicato e, per ringraziarla, sette fra le più belle fanciulle dei villaggi furono incaricate di consegnarle i doni della natura: la farina, la ricotta, le uova, il grano tenero, l'acqua di fiori d'arancio, le spezie e lo zucchero. La sirena depose le offerte preziose ai piedi degli dei, questi riunirono e mescolarono con arti divine tutti gli ingredienti, trasformandoli nella prima Pastiera, che superava in dolcezza il canto della stessa sirena." 

Ed eccoci Anna, Tamara ed io, al terzo appuntamento con “In quanti modi di fare e rifare” con la buonissima pastiera!

Si sono unite a noi con la loro versione della pastiera:
Libera, di Accantoalcamino's blog
Solema, di La cucina di Nonna Sole
Stella, di Una stella tra i fornelli


Ho elaborato la ricetta che abbiamo scelto questo mese e che troverete qui, nel sito ufficiale della pastiera, per uno stampo da 20 cm circa. Fra parentesi in rosso le mie variazioni. Mi è piaciuto molto anche “costruirla”, perché c'è stato un lavoro di preparazione abbastanza lungo ed impegnativo: prima ho fatto i canditi, seguendo il metodo di Anna, poi la zuccata, ricetta presa qui...insomma mi sono divertita ma non appena l'ho assaggiata ho pensato immediatamente che ne è valsa veramente la pena!


Per uno stampo da 30 (stampo da 20)
  • 1 kg di pasta frolla (400 g di pasta frolla)
  • 700 g di ricotta di pecora (280 g di ricotta di mucca)
  • 400 g di grano cotto oppure orzo perlato o riso a chicco tondo (160 g di riso)
  • 600 g di zucchero (240 g di zucchero)
  • 1 limone (un po' di limone)
  • 50 g di cedro candito (20 g di bergamotto candito)
  • 50 g di arancia candita (20 g di arancia candita)
  • 50 g di zuccata o altri canditi (20 g di zuccata)
  • 100 g di latte (40 g di latte)
  • 30 g di burro (12 g di burro)
  • 5 uova intere + 2 tuorli (2 uova intere + 1 tuorlo)
  • una bustina di vaniglia (un pizzico di vaniglia)
  • un cucchiaio di fiori d'arancio (omesso)
  • 1 pizzico di cannella (facoltativo)
Ho preparato la pasta frolla con la mia solita ricetta, il giorno prima con:
  • 200 g di farina
  • 100 g di zucchero
  • 100 g di burro
  • 1 uovo
  • 1 pizzico di sale
  • un po' di buccia di limone grattugiata

Preparare alcune ore prima o il giorno prima la pasta frolla e tenetela in frigo coperta con la pellicola trasparente.
Versare in una casseruola il grano cotto (io il riso cotto precedentemente nell'acqua) assieme al latte, burro e scorza grattugiata di un po' di limone. Lasciare cuocere per 10 minuti mescolando spesso finché diventerà crema.
Frullare a parte la ricotta, lo zucchero, 2 uova intere più 1 tuorlo, un pizzico di vaniglia, un cucchiaio di acqua di fiori d'arancio,(io l'ho omessa) e un pizzico di cannella (facoltativo)
Aggiungere un altro po' di scorza di limone grattugiata, i canditi e la zuccata tagliati a dadi. Unire il grano e mescolare bene.
Distendere la pasta frolla allo spessore di circa 1/2 cm con il mattarello e rivestire la teglia (c.a. 20 cm. di diametro) precedentemente imburrata, o ricoperta da carta da forno, ritagliando la parte eccedente che servirà per la decorazione.
Versare il composto di ricotta nella teglia, livellarlo, ripiegare verso l'interno i bordi della pasta e decorare con strisce di pasta frolla formando una grata, come una qualsiasi crostata. Pennellare con un tuorlo sbattuto.
Infornare a 180° per un'ora e mezzo finché la pastiera non avrà preso un colore ambrato. L asciare raffreddare e, prima di servire, spolverizzare con zucchero a velo (io l'ho omesso)


Una volta cucinata la pastiera, può essere conservata in frigo anche per 4-5 giorni.

Pastiera di Nonna Sole
Pastiera di Libera
Pastiera di Tamara
Pastiera di Anna
Pastiera di Stella

*************************************************************************************
E dove ci ritroveremo la prossima volta, il 6 di maggio? Nella bellissima Sicilia con gli "Anelletti al forno alla palermitana" di Andrea Matranga!! 
Ci sarete? Vi aspettiamo!!

Clicca qui per una panoramica di tutte le foto di "Quanti modi di fare e rifare"


47 commenti:

  1. Buondì Ornella, ma è così vicina la Pasqua già?! Miiii io sono indietro... la pastiera l'ho conosciuta con mio marito e se fatta bene ma davvero però è tanto buona e la tua lo sembra parecchio :-) Bacioni

    RispondiElimina
  2. Scusami dimenticavo... ci vediamo anche prima ma se mi dovesse sfuggire l'appuntamento del 06/05 fammi un fischio, mica me li posso perdere no?! :-)

    RispondiElimina
  3. @ Debora,
    buongiorno e grazie! Mattiniera anche tu! A me è sembrata buonissima ma è la prima volta che l'assaggio! Ti farò un fischio stai sicura, bacione e buona giornata!

    RispondiElimina
  4. Buongiorno tesoro , prima di fare colazione sono passata da te e mi ritrovo una bontà unica!! Bravissima, mi prendo il piattino ^_*
    un bacione Anna

    RispondiElimina
  5. C'è proprio tutto il profumo della primavera in questo classicissimo dolce pasquale. E' splendida tesoro e con accanto quei fiori di pesco diventa magica. Prima o poi mi deciderò a farla. Un bacione, buona giornata

    RispondiElimina
  6. Ma davvero fai la frolla senza uova? Me ne sono accorta adesso...muble mumble...può tornare molto comodo :)
    baciotto

    RispondiElimina
  7. Non so se sono nel posto giusto, ma ti lascio la mia ricetta:
    http://nonnasole.blogspot.com/2011/04/una-ricetta-non-proprio-della-mia.html
    Ciao e buona giornata

    RispondiElimina
  8. Ma che bella ricetta amo molto questo dolce e per Pasqua voglio proprio farlo, annoto la tua ricetta mi sembra ottima!!! Buona giornata!!!

    RispondiElimina
  9. Buondì mia cara Ornella, dalla fetta si vede che l'interno è proprio come deve essere!! Che brava, conosco bene il lavoro che ci sta alle spalle e tu te la sei cavata alla grande!
    Quanto mi piacerebbe averne una fettina *.*

    Un baciotto,

    RispondiElimina
  10. @ Federica,
    grazie!! mi ero dimenticata di scriverlo ;) Bacio

    RispondiElimina
  11. @ Grazie a tutte, buona giornata!
    @ Solema,
    grazie, arrivo!! Un bacione

    RispondiElimina
  12. Mamma che buona, io non la so fare ma la so...... mangiare!!!!!!!!! AH!AH!AH!

    RispondiElimina
  13. La Pastiera e tra i miei dolci preferiti, che bontà t'è rimasta davvero bene, brava! Buona giornata e baciii!

    RispondiElimina
  14. L'hai preparata meglio di una napoletana,guaglioncè e tu si a fin ro munn!!
    Davvero Ornella ha un aspetto meraviglioso e mi sto mangiando le mani,mi sono accorta tardi della tua idea...mannaggia sarà per il prossimo appuntamento!!
    UN bacione tesò e bellissima giornata!!

    RispondiElimina
  15. Ciao Ornella, ho postato, ma "fuori concorso" non l'ho fatta ieri :-( però per il timballo di maggio mi sto già "concentrando" ho visto gli anolini (che prima erano introvabili) e finalmente potrò realizzare il "timballo sogno"..a proposito per giugno "Il timballo del Gattopardo?" è da una vita che lo voglio fare, ci saranno anche le melanzane..o "la caponata"? Pensateci :-D

    RispondiElimina
  16. Sono appena rientrata, vengo a leggerti con più calma
    Baci

    RispondiElimina
  17. Non sai quanto mi piace questa collaborazione con altre foodblogger!!!!!! seite grandi.

    RispondiElimina
  18. Difficile de choisir, toutes les versions semblent délicieuses.
    A très bientôt.

    RispondiElimina
  19. Laboriosa ma se fatta a dovere è un vero portento e la tua lo sembra davvero tanto tanto :)

    RispondiElimina
  20. Sulla pastiera tesoro sono ferrata visto che è un dolce della mia citta e tu Ornella come sempre hai sfornato un capolavoro...tra qualche giorno tocca farne tante anche a me infatti a pasqua nn c'è casa napoletana che nn profumi di pastiera!!bacioni imma

    RispondiElimina
  21. Ornella spiega a Libera che non è il timballo del gattopardo ma è il pasticcio di anellini alla palermitana è diverso... scusa ma io ho l'abitudine di leggere i commenti anche degli altri, non faccio come talune "bello e buono", che dire delle Pastiere? sono splendide e sfido chiunque a dire il contrario...bacioni

    RispondiElimina
  22. Mai fatta la pastiera, non sò perchè ma riesce a mettermi un pò d'ansia, la tua è fantastica e bellissime anche le foto!!!!
    Buona giornata ;)

    RispondiElimina
  23. ciao Ornella ! che bella pastiera ! Una volta l'ho fatta e non me l'hanno mangiata perchè troppo profumata... forse avevo esagerato con l'acqua di rose, forse hai fatto bene tu a non metterla... !!! ciao un abbraccione !

    RispondiElimina
  24. Che bella! ti venuta una meraviglia. Mi piace un sacco la pastiera e devo scegliere tra colomba e pastiera....dico pastiera....io la faccio sempre la domenica dopo Pasqua quando al mio paese c'è la festa patronale e anche quest'anno sarà di nuovo sulla mia tavola ciao Luisa

    RispondiElimina
  25. Troppo buona la patiera! ed è davvero bella, complimenti Ornella!
    Ciao

    RispondiElimina
  26. ti è piaciuta quindi la ns pastiera?
    sei stata bravissima Ornella!!
    distratta che sono..mi sarebbe
    piaciuto partecipare!!
    ciao carissima
    Enza

    RispondiElimina
  27. @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@
    Per TAMTAM S.p.m.
    Io non intendevo il timballo/ricetta di maggio ma facevo un'eventuale proposta per il mese di giugno, lo so che il timballo del gattopardo è con le melanzane...sono di Trieste ma anche qui arrivano i libri di cucina, vedi che li leggo anch'io i commenti e magari per semplificare potevi venire a dirmelo "accantoalcamino"....parimenti.

    RispondiElimina
  28. **a proposito per giugno "Il timballo del Gattopardo?" **
    mi sembra abbastanza chiaro no?
    Ciao Ornellina, scusa se oggi ti ho lasciato tante "impronte" ma sono "lavabili" :-D

    RispondiElimina
  29. Bellissima la leggenda che non conoscevo! Questa favolosa pastiera, invece, non è leggenda, ma una golosissima realtà!!! Complimenti, un bacione

    RispondiElimina
  30. Ciao, piacere di conoscerti!!! Oggi sono sotto l'effetto pastiera: ho cominciato stamattina con quella di Anna ed ora con la tua altrettanto invitante....ma io continuo a rimanere a bocca asciutta!!!
    Da ora ti seguo e se ti fa piacere passa a trovarmi.
    Buona serata

    RispondiElimina
  31. che meraviglia!! lo sai che l'ho assaggiata solo una volta, mi piacerebbe poterne prendere una fetta, deve essere buonissima!! non conoscevo la leggenda...bacioni

    RispondiElimina
  32. Quest'anno, caschi il mondo la voglio proprio fare.....
    Dev'essere veramnete buonissima!
    Mi copio la ricetta così comincio a studiarla... Brava ornella, è bellissima!
    Un bacio

    RispondiElimina
  33. Forse il bello della pastiera sta proprio lì.
    Per quanto le ricette varino è comunque una preparazione lenta e rituale che mette in contatto con la tradizione.
    Io non l'ho mai fatta, ma mi piace vedere cosa succede in questo periodo a casa di un'amica.
    Si smobilita tutto e si comincia a produrre con dedizione.

    RispondiElimina
  34. Sarò immodesta, ma ci sono venute veramente bene, a tutte e 5.
    Sono una più golosa dell'altra.
    E sono molto contenta della partecipazione di Nonna Sole e Libera.
    E'bello spignattare insieme.
    Baci!

    RispondiElimina
  35. Cara Ornella!, que delicia has hecho!..me encanta que lleve frutas confitadas y pasta frola..debe ser exquisito!!
    Que bien lo pasais con vuestro reto!!!
    Mil besitos linda amiga!!! :)

    RispondiElimina
  36. bella e buona!!..praticamente perfetta..complimenti!!

    RispondiElimina
  37. Che meraviglia! mi piacciono le torte senza troppi fronzoli:))
    Bacio
    Barbara

    RispondiElimina
  38. Ciao Ornella, intanto che tu passeggi per Kalamata io passeggio per il tuo blog, buon fine settimana :-)

    RispondiElimina
  39. passo a prendermi una fetta virtualmente...fantastica la pastieraaaaa!
    baciiii

    RispondiElimina
  40. che fantastica, questa "classica tra le classiche", mai fatta ma prima o poi mi deciderò ;) buon WE

    RispondiElimina
  41. questa versione mi sembra propri ottima! bacio

    RispondiElimina
  42. ma posso ancora partecipare o doveva essere fatto assolutamente il 6??? anche io (senza falsa modestia) ne faccio una buonissima...

    RispondiElimina
  43. che voglia mi hai fatto venire di preparare la pastiera..ma mi sà che sarà per il prossimo anno..qui dove mi trovo adesso non credo proprio di riuscire a trovare in breve tempo gli ingradieni!!
    Compliments

    RispondiElimina
  44. @ Un grandissimo GRAZIE A TUTTI!

    @ Mariateresa,carissima quella della pastiera ( la tua sarà sicuramente una favola) scadeva il 6 di aprile ma abbiamo per la stessa data in maggio, gli anelletti alla palermitana di Andrea Matranga!Ti aspetto! Ci conto!! Un grande abbraccio

    @ Mazzaman,
    lieta di conoscerti! Se leggi il post di Anna sicuramente potrai prendere qualche spunto: lei fa "quasi"tutto in casa! Se ti va di partecipare per il 6 di maggio abbiamo gli anellini al forno alla palermitana di Andrea Matranga (la ricetta la trovi nel link nel post! Un abbraccio

    RispondiElimina
  45. Ciao Ornella, ecco la mia pastiera:

    http://unastellatraifornelli.blogspot.com/2011/04/pastiera-versione-zenzero-e-crema.html

    Buona Pasqua, ma una curiosita', dove li trovo gli anellini???

    RispondiElimina
  46. non conoscevo questa iniziativa e la trovo bellissima! mi sa che partecipo a quella degli anelletti perchè ho la fortuna di averli trovati in un mercatino (qui a parma non ce n'è traccia!)
    ma si cucina tutte insieme il 6 maggio o in quella data dai la ricetta?

    RispondiElimina

Mi piace pensare a questo “giardino” come ad un luogo sereno e spensierato dove pace e armonia regnano sopra ogni cosa...♥
Il vostro pensiero è ben accetto purché non sia offensivo per nessuno.
Tutti i commenti ANONIMI non saranno presi in considerazione.

All ANONYMOUS comments will not be considered.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails