martedì 15 giugno 2021

Pane nel mondo: Pepper Jack Sourdough Bread

Per me che vivo nella fredda Norvegia, comincia la stagione più bella per i lievitati e soprattutto per licoli. Inizia a fare "caldo" ma, come ben si può immaginare, non si arriva mai ad avere una temperatura estiva per come eravamo abituati in Italia o in Grecia. Qui l'estate è paragonabile alla primavera greca! Ma si sta bene, credo non riuscirei più a sopportare il caldo afoso. Cosi cerco di ritagliarmi del tempo per panificare, attività che adoro e che mi fa stare bene...

 

per la Cuochina

Delizioso pane al pepe Jack e mela a lievitazione naturale fatto con formaggio pepper jack e cubetti di mela.
Il formaggio Pepper Jack è un derivato del Monterey Jack, formaggio semiduro bianco americano prodotto con latte vaccino. È stato inventato dai frati francescani messicani di Monterey, in California. Questo formaggio è aromatizzato con peperoni dolci, rosmarino, peperoncini habañero e aglio e con jalapeños piccanti per un tocco in più. Continua nel blog della Cuochina
La mia versione è con pepe rosa ed emmenthal ma il gusto si sente poco, ideale sarebbe un formaggio più piccante e saporito, difficile da trovare qui.


Ingredienti

  • 50 g lievito naturale in coltura liquida (licoli)
  • 365 g di acqua calda
  • 280 g di farina di forza
  • 200 g di farina debole
  • 50 g di farina integrale
  • 9 g di sale marino fino
  • 135 g di formaggio emmenthal grattugiato
  • 30 g di pepe rosa intero

In una ciotola capiente unire acqua e licoli e mescolare bene. Quindi aggiungere tutte e tre le farine, mescolare e mettere da parte, coperto, per 30 minuti.Quindi unire il sale e mescolare di nuovo.
Rinforzare l'impasto facendo delle pieghe (prendendo un lato e tirandolo al centro, per tutta la circonferenza), ogni 30 minuti per due volte.
Tagliare il formaggio (io l'ho comprato già grattugiato)stendere l'impasto a forma quadrata e incorporare una parte di formaggio e pepe rosa.

 

Piegare a tre, aggiungere ancora formaggio. Formare una palla,metterla in una ciotola e coprire.

Dopo 30 minuti fare una piega a tre. Rimettere nella ciotola e ricoprire per altri 30 minuti dopodiché rifare le pieghe a tre. Rifare questa operazione per altre due volte, per un totale di 4 volte. Ci vogliono 2 ore circa.
Preformare l'impasto e lasciarlo riposare per 15 minuti, quindi modellare e trasferire nel cestino da lievitazione be infarinato. Coprire e mettere in frigo tutta la notte.
Il mattino seguente toglierlo dal frigo e metterlo su della carta forno. Preriscaldare il forno a 230°C , infornare la pentola vuota con il coperchio per mezz'ora.
Con una lametta molto affilata, incidere dei tagli sulla superficie. Trasferire il pane senza togliere la carta da forno, nella pentola calda. Mettere il coperchio e cuocere per 10 minuti a 230°C, poi diminuire a 210°C e continuare la cottura per altri 25 minuti.
Quindi rimuovere il coperchio e cuocere per altri 10 minuti o fino a quando la pagnotta prende un colore dorato e quando "bussando" produce il classico suono di vuoto.
Far raffreddare la pagnotta su una gratella prima di tagliarla.


1 commento:

  1. E' proprio bello sia l'interno che l'esterno di questo pane. Le fette fanno presagire la sofficità, verrebbe da tirare un morso!
    Il nostro licoli non si smentisce mai come la nostra Cuochina.
    Baci

    RispondiElimina

Mi piace pensare a questo “giardino” come ad un luogo sereno e spensierato dove pace e armonia regnano sopra ogni cosa...♥
Il vostro pensiero è ben accetto purché non sia offensivo per nessuno.
Tutti i commenti ANONIMI non saranno presi in considerazione.

All ANONYMOUS comments will not be considered.