domenica 14 luglio 2019

Quanti modi di fare e rifare: Oba iri butabaraniku roru, rotolo di maiale con foglie di shiso e verdure saltate (Giappone e Norvegia)


La gustosissima ricetta di questo mese ci porta sia in Giappone che in Norvegia!
Oggi insieme alla nostra Cuochina, Anna e Ornella, prepareremo per
Avevo alcuni semi di shiso ricevuti anni fa per posta dalla mia cara Socia Anna ma non sono riuscita a farli germogliare. Probabilmente troppo vecchi. 
Così ho cambiato verdura. Li ho rifatti già due volte, con due differenti erbe aromatiche e devo dire che questi involtini sono sempre ottimi!

Ingredienti per 2 persone
per i rotoli
  • 250 g fettine di maiale
  • 2 cucchiai di farina
  • 1 cucchiaio di olio di semi
  • 1 cucchiaio di sake
  • salsa di soia 2 cucchiai
  • mirin 1 cucchiaio
  • zucchero 1 cucchiaio
    verdure saltate
    • 200 g fagiolini freschi
    • mezza cipolla rossa
    • sale e pepe
    • mezzo peperoncino chili fresco
    • burro
    per accompagnare
    • patate cotte al vapore
    • burro
    • erba cipollina
    • sale e pepe
    ***Non ho trovato in commercio le fettine di maiale tagliate finissime così le ho usato il batticarne per diminuirne lo spessore.
    Battere le fettine fino a farle diventare il più sottili possibile. Metterle sul tagliere (io ne ho allineate tre), infarinare un po' la superficie e disporre sopra le foglie di basilico e rametti di timo. Arrotolare e mettere da parte.
    Rifare il procedimento con un altro strato di fettine ed erbe aromatiche, avvolgerlo attorno al primo rotolo.


    Per evitarne l'apertura durante la cottura, io ho legato attorno un po' di spago da arrosti. Infarinare leggermente entrambi.

    Soffriggere in una padella con un cucchiaio di olio, far dorare da tutti i lati.
    Unire il sake, abbassare al minimo la fiamma, coprire e cuocere fino a cottura. I rotoli che ho preparato io erano abbastanza grossi per cui li ho fatti cuocere per circa 50 minuti, aggiungendo un po' di acqua se si asciugano troppo.
    A cottura avvenuta, aggiungere soia, mirin e lo zucchero, far addensare un pochino e servire.
    Per le verdure ho usato solo fagiolini, gli spinaci purtroppo non sono graditi dal consorte..
    Mondare e lavare i fagiolini, cuocerli al dente in acqua bollente leggermente salata.
    Rosolare la cipolla con un cucchiaio di burro, unire il chili a rondelle, i fagiolini, sale e pepe. Cuocere per qualche minuto e servire.
    Per le patate alla norvegese..togliere la buccia alle patate, lavarle e tagliarle a pezzi. Cuocere a vapore. Condire ancora caldissime con un po' di burro, sale pepe e erba cipollina.

    E con questa golosissima ricetta siamo arrivati alla pausa estiva!
    Buona estate a tutti!! 

    Ci ritroveremo l'8  settembre con un altro bellissimo piatto giapponese:(Niwatori mune niku to pīman no hiyashi chūka) Ramen freddi con petto di pollo e peperoni verdi. Vi aspettiamo numerosi!

    Ricordo che
    da sfogliare, oppure da richiedere (vedere qui
    e che ci possiamo incontrare su Facebook
    e su twitter

    6 commenti:

    1. Cara Ornella, che bontà devono essere i tuoi rotoli con basilico e timo, abbinamento perfetto con le verdure saltate e patate al vapore, un abbraccio buona domenica e alla prossima!

      RispondiElimina
    2. Doppio contorno di verdure, che buoneeee! Rotolo perfetto e godurioso. Con basilico e timo poi, mi immagino il profumo!
      Anche oggi, in qualche modo, ce l'abbiamo fatta. Grazie!
      Baci

      RispondiElimina
    3. Ottima versione cara Ornella molto simile alla mia, meno male, cominciavo a sentirmi un pò in colpa per aver rivoluzionato la ricetta. Ciao un abbraccio e buone vacanze.

      RispondiElimina
    4. ciao Ornella
      belli E BUONI ..un piatto che è proprio da fare e rifare!!
      Passa delle belle e serene vacanze
      Un bacio dalle 4 apine

      RispondiElimina
    5. Un tipo di cucina che non conosco affatto, ma mi piacerebbe molto approfondire intanto assaggerei volentieri la tua preparazione

      RispondiElimina
    6. Vengo dall'aver visitato Anna e mi sono detto "Vai anche da Ornella". Quindi eccomi qui. Mi piace molto vedere come adattate le varie ricette servendovi di prodotti locali e questa in particolare mi ricorda i fagottini di vitello che faceva mia madre. Prendo nota del tutto e cercherò di rifarla. Allora, arrivedersi a settembre e buona vacanza.

      RispondiElimina

    Mi piace pensare a questo “giardino” come ad un luogo sereno e spensierato dove pace e armonia regnano sopra ogni cosa...♥
    Il vostro pensiero è ben accetto purché non sia offensivo per nessuno.
    Tutti i commenti ANONIMI non saranno presi in considerazione.

    All ANONYMOUS comments will not be considered.