domenica 4 marzo 2018

Manju, dolcetti giapponesi con anko

Manju al vapore
Non mi ricordo più se a Kyoto oppure a Fukuoka, ho mangiato per la prima volta questi dolcetti buonissimi e morbidissimi.
Ho trovato, in questo interessante sito, i Karintō Manjū, manju in versione fritta. Ho avuto la curiosità di assaggiarli e mi sono piaciuti molto, anche se preferisco la versione al vapore (foto sopra).
Manju fritti

Ingredienti per 6-8  Karintō Manjū (fritti o al vapore)
  • 100 g di farina 00
  • 60 g zucchero integrale di canna
  • 10 g zucchero  semolato
  • 1 cucchiaino di olio di semi
  • 5 cucchiaini di acqua
  • 1/2 cucchiaino di backing powder
  • olio per friggere
Mescolare l'acqua con lo zucchero e scaldare sul fuoco finché non si scioglie, non deve caramellare!
Togliere dal fuoco e lasciare intiepidire. Aggiungere l'olio e la farina setacciata con il lievito. Mescolare un po' con il cucchiaio e poi con le mani. Dividere in otto pezzi e tirarli con il matterello. Mettere la confettura di azuki (anko) al centro e chiudere


Disporli sopra dei foglietti di carta da forno e cuocerli a vapore, senza mai alzare il coperchio, per 10 minuti.
Sono pronti da gustare!

Se invece si vuole farli fritti, scaldare abbondante olio (nel sito si parla di iniziare con l'olio a 180°C e poi scenderlo a 160°C, ma sembra che sia troppo alto con il risultato di manju troppo neri) quindi viene consigliato di friggerli a 150°C.
Per anko qui la ricetta di Anna

3 commenti:

  1. Ciao Ornella, dopo molto tempo torno a trovarti e mi scuso della lunga assenza (ti garantisco, giustificata). Questi manjou hanno l'aria di essere un po' come le nostre frittelle, ma sono sicuro che il gusto è differente e, se trovo l'ultimo ingrediente, provo a farli. Un amichevole abbraccio a tutta la famiglia.

    RispondiElimina
  2. Niente male questi manju, anche fritti? E' la prima volta che ne sento parlare, ma si sa che io ci abito solo in Giappone, non sono molto attenta ai cambiamenti delle ricette tradizionali.
    Brava anche a fare anko, è facile trovare azuki da te?
    Un abbraccio carissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono proprio niente male, ma per me i classici sono più buoni! Si trovano tantissimi prodotti giapponesi nei negozi etnici, fra cui anche anko..e ne sono felicissima. Un abbraccio carissima e buon sabato :-)

      Elimina

Mi piace pensare a questo “giardino” come ad un luogo sereno e spensierato dove pace e armonia regnano sopra ogni cosa...♥
Il vostro pensiero è ben accetto purché non sia offensivo per nessuno.
Tutti i commenti ANONIMI non saranno presi in considerazione.

All ANONYMOUS comments will not be considered.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails