domenica 5 novembre 2017

Pane con zucca e grano parzialmente macinato

Io adoro la zucca ma, per mia sfortuna, piace solo a me..
Così capita che se ne acquisto una troppo grande, non so più come usarla tutta! Un po' la congelo però spesso è davvero tanta!
Ecco questo pane è nato per usare l'ultima zucca che stazionava in frigo. E assicuro tutti che nessuno si è tirato indietro al momento di mangiarlo!
Ho optato la tecnica dello skålding, usata per preparare anche questo ottimo pane . Per il resto ho fatto ricorso, come spesso accade, ai meravigliosi impasti base della Cuochina! Questo è l'impasto base nr 3, triplicato.
Ancora una volta metto la foto del grano parzialmente macinato che usiamo qui

Ingredienti per lo skålding
  • 50 g farina di segale
  • 50 g grano parzialmente macinato
  • 150 g di acqua bollente

Mettere le farine in una ciotola, versare sopra l'acqua bollente. Mescolare bene e lasciare riposare fino a raffreddamento.
per l'impasto
  • tutto lo skålding
  • 630 g di farina di forza
  • 270 g licolfico
  • 305 g di acqua
  • 15 g di malto
  • 16 g di sale
  • 100 g di zucca cruda grattugiata

Nella ciotola della planetaria inserire licoli, l'acqua, lo skålding ed il malto d'orzo. Mescolare con una frusta per qualche minuto per far sciogliere il tutto e aggiungere la farina. Avviare la planetaria e far impastare. Unire la zucca. Aggiungere il sale e lasciare impastare fino ad incordatura dell'impasto.
Trasferire sopra il piano di lavoro infarinato, fare una palla e metterla in una ciotola.


Coprire con un foglio di carta da forno e successivamente la pellicola. La carta da forno serve a trattenere l'umidità e a evitare che l'impasto si bagni durante la lievitazione.


A raddoppio dell'impasto, dividere in due pezzi grandi dello stesso peso e due pezzi piccoli sempre uguali di peso.
col matterello ho schiacciare da una parte
e poi dall'altra parte, a croce
Iserire il pezzo piccolo in mezzo schiacciandolo leggermente.
Mettere e lievitare coperto.
Pronto per essere infornato!
Cuocere per circa 40 minuti a 200 °C.

L'interno, soffice e molto buono, pronto per essere gustato sia per colazione ma ottimo per accompagnare sia pranzo che cena

4 commenti:

  1. Ma è perfetto questo pane! Bella forma e alveolatura impeccabile 😀

    RispondiElimina
  2. Mamma mia che meraviglia... ricco profumato saporito... ha tutto quello che si può volere da un pane! A presto LA

    RispondiElimina
  3. Che dire, è veramente un signor pane! Tutti gli ingredienti sono di mio gradimento e lo mangerei a colazione, pranzo, cena ed anche a merenda. Oltre che buono è anche bello da vedere, complimenti carissima Socia dalle mani d'oro :)

    RispondiElimina
  4. non conosco questo grano ma uhhhhh..... come vorrei provarlo nei miei pani!!! dev'essere una meraviglia, ora mi hai messo la pulce nell'orecchio :-)
    il primo passaggio è un prefermento-autolisi che uso spesso anche io (ma con acqua a t.a.) proverò a leggere qualcosa della tecnica di adoperare acqua bollente, mi incuriosisce molto Brava ottimo risultato!

    RispondiElimina

Mi piace pensare a questo “giardino” come ad un luogo sereno e spensierato dove pace e armonia regnano sopra ogni cosa...♥
Il vostro pensiero è ben accetto purché non sia offensivo per nessuno.
Tutti i commenti ANONIMI non saranno presi in considerazione.

All ANONYMOUS comments will not be considered.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...