mercoledì 13 luglio 2016

Lomper

Preparare le lomper, tipica ricetta norvegese, non è facile..
L'impasto, simile a quello per gli gnocchi, non è semplice da stendere col matterello e trasferirlo dalla spianatoia alla padella! Durante il "tragitto" si rompe facilmente. La prima sfoglia di 12, è stata un disastro..la seconda è andata meglio poi ho iniziato a sollevarle dal piano lavoro con un coltello lungo e largo ed adagiarle nella padella per cuocerle. Ma sempre con accortezza e senza fretta assolutamente!
Comunque sia, vale la pena farle. Qui in Norvegia, questo tipico pane morbido, viene accompagnato ai wurstel, chiamati, pølser. Ottimo connubio, ma io ho preferito abbinare a degli hamburger di merluzzo.
Ingredienti per 12 pezzi
  • 1kg di patate pesate con la buccia
  • 60 g di farina 0
  • 50 g di farina di segale
  • 1 cucchiaino da the di sale
  • farina per la spianatoia
Mettere  le patate con la buccia, dopo averle lavate, in una casseruola. Coprirle con acqua fredda, far bollire a fuoco medio fino a cottura. 
Togliere la buccia, passarle nello schiacciapatate, mescolarle al sale. Unire le farine ed impastare per qualche minuto. Si può aggiungere ancora un po' di farina ma più se ne mette, più le lomper diventeranno dure. Come accennavo all'inizio il composto è simile all'impasto per fare gli gnocchi.

Con le mani fare 12 palline di circa 72-75 grammi. Con l'aiuto della farina, stendere col matterello delle sfoglie sottili. Io, a dire la verità, mi sono trovata bene a tirarle con le mani. Scaldare una padella antiaderente e cuocere le lomper prima da una parte, girare, e cuocere dall'altra parte. Mettere le lomper una sopra l'altra e coprire con un canovaccio.
Per 10 hamburger di merluzzo:
  • 400 g di merluzzo
  • 1 uovo
  • 2 fette di pane in cassetta
  • 1 patata lessata
  • mezza cipolla
  • prezzemolo e rosmarino
  • sale e pepe
Nel tritatutto ho messo il merluzzo, tagliato a tocchetti, la patata schiacciata (si può omettere la patata, dato che ce ne sono molte nelle lomper, ed aumentare il pane grattugiato) e il pane. Ho frullato grossolanamente  per pochi secondi  poi versato il composto in una terrina. Ho aggiunto la cipolla tritata, l'uovo, le aromatiche, sempre tritate, sale e pepe. Ho fatto 10 hamburger e li ho cotti in una padella con un po' di olio.
Ho accompagnato lomper e hamburger con insalata fresca, appena raccolta nell'orto e una birra ghiacciata :-)
 Arrotolate e gustate!

8 commenti:

  1. Devono essere squisite con gli hamburger e l'insalata appena colta. Tutte le cose buone sono difficili da fare, per questo sono ancora più apprezzate.
    Grazie della condivisione Socia!
    Baci

    RispondiElimina
  2. Non conoscevo questi lomper, ma sono troppo invitanti, delle piadine con le patate!!! Da provare

    RispondiElimina
  3. Ciao cara Ornella, finalmente torno a commentare e non solo a leggere le tue prelibatezze e i tuoi racconti di vita nel profondo Nord.
    Adoro questo pane tipico che hai preparato, proverò a farlo senza glutine, mi attira tantissimo.
    Ottimo il wrap con l'insalata.
    A rileggerci presto e buona panificazione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara Fabiana! Che bello sentirti..Sono sicura che ci riuscirai egregiamente anche senza glutine! Ho visto del pane stupendo sfornato nella tua cucina ultimamente!
      Dal profondo Nord ti mando un abbraccio!

      Elimina
  4. è tanto che non passo dal tuo blog, ti avevo lasciata in Grecia e adesso sei in Norvegia ! Bella ricetta, interessanti queste piadine con le patate !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara Chiara, eh sì, purtroppo abbiamo lasciato la Grecia. Sono ormai 3 anni e mezzo che viviamo qui, come scrive sopra Fabiana, nel profondo Nord.
      Mi sono ambientata abbastanza e non posso di certo lamentarmi. Poi meraviglie che tolgono il fiato ci sono anche in Norvegia..una fra tante, l'aurora boreale che, d'inverno, mi tiene sveglia fino alle due di notte e poi di giorno vado al lavoro come una zombie..Ma ne vale la pena! Grazie per la visita :-)

      Elimina
  5. Queste piadine non le conoscevo, sono fantastiche... grazie della ricetta!!!!

    RispondiElimina
  6. Che interessante preparazione! Ho lasciato un commento al latte di mandorle.. anzi, volevo dirti che fovresti mettere la moderazione ai commenti, così vedi anche quelli scritti sui vecchi post ;)

    RispondiElimina

Mi piace pensare a questo “giardino” come ad un luogo sereno e spensierato dove pace e armonia regnano sopra ogni cosa...♥
Il vostro pensiero è ben accetto purché non sia offensivo per nessuno.
Tutti i commenti ANONIMI non saranno presi in considerazione.

All ANONYMOUS comments will not be considered.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails