domenica 19 dicembre 2010

Dolce di Capodanno: la vasilopita


Si racconta che l'usanza di preparare la vasilopita ebbe origine nella città di Cesarea, in Cappadocia, circa 1600 anni fa, all'epoca del vescovo Basilio il Grande.
Ai quei tempi si viveva in perfetta armonia se non fosse stato per un generale tiranno della zona che pretendeva di avere tutti i tesori della città, altrimenti minacciava di occuparla e distruggerla. 
Basilio il Grande non cessò mai di pregare per evitare questa catastrofe.. Un mattino il generale circondò la città con la sua armata e chiese in consegna tutto l'oro e gli oggetti preziosi ma il vescovo gli rispose che gli abitanti non possedevano assolutamente nulla, erano poveri, allorché fu minacciato di morte. 
Il fedele popolo accorse subito in aiuto dell'amato vescovo portandosi appresso tutti i beni che avevano riposti in un fagotto che lui non esitò a consegnare al generale tiranno.
Come per miracolo, all'atto di aprire il fagotto, un fortissimo bagliore, provocato da San Mercurio assieme agli Angeli, fece sparire il tiranno e la sua armata. Il vescovo Basilio quindi, al fine di ridistribuire in maniera equa ai cittadini ciò che avevano dato, s'inventò di fare impastare i loro beni preziosi in mezzo a dei pani dolci e quindi distribuirli al popolo. La leggenda narra che ognuno ebbe indietro esattamente quello che aveva donato...

La vassilopita si prepara per il giorno di Capodanno. La torta viene tagliata dal capofamiglia e in questo ordine gerarchico: la prima fetta è di Gesù, la seconda è della casa, la terza del capofamiglia, la quarta del coniuge, poi dei figli, nipoti, sempre in ordine di età. Perciò la vasilopita viene tagliata in tante fette quanti sono i componenti della famiglia, più due.
La monetina diventerà il portafortuna di tutto l'anno per colui che la troverà nella fetta! E' ovvio che se la monetina capiterà nella fetta di Gesù o della casa tutta la famiglia sarà benedetta.
Lo sapevate che San Basilio per i bambini greci è Babbo Natale ed arriva la notte di Capodanno?


Ingredienti:
(ricetta dei cuochi di San Basilio.....perciò usare il bicchiere di Nut***a per misurare; come.... c'era anche a i quei tempi??!!). Fra parentesi le mie variazioni.

1 bicchiere di burro a temperatura ambiente
2 bicchieri di zucchero
1 bicchiere di yogurt greco
5 uova
2-3 bustine di vanillina (io, i semi di un baccello)
500 gr di farina auto lievitante
1 bicchiere di noci tritate
1 bicchiere di uvetta lavata ed asciugata
1 pizzico di sale

Sbattere il burro con le fruste finché non diventa bianco e spumoso. Aggiungere le uova, una alla volta, lo zucchero..e tutti gli altri ingredienti. Per ultimo unire le noci e l'uvetta leggermente infarinata. Mescolare bene. Imburrare ed infarinare uno stampo da dolci, meglio se con l'apertura, e versare il composto.
Lavare una moneta ed avvolgerla nell'alluminio. Quindi inserirla a caso ma verso il bordo del dolce. Infornare a 180° per 40-45 minuti (fare la prova stecchino). Una volta raffreddata disporla su un piatto e far cadere un'abbondante nevicata di zucchero a velo.
Si usa scrivere l'anno nuovo sopra il dolce, nel modo che preferite: il più semplice è usare uno stecchino da spiedini!



25 commenti:

  1. Che splendida leggenda, non ci crederai ma mi sono commossa, non lo so, sarà questo paesaggio innevato e silenzioso ma in questi giorni vivo come su una nuvola...che bello, un bacio.

    RispondiElimina
  2. Che bella questa storia...mi ricorda un po' le storie che mi raccontava mio nonno quando ero piccola...
    E questo dolce deve essere prorpio buono!!
    Ciao buona domenica!

    RispondiElimina
  3. Avevo visto una ricetta per Vasilopita qualche giorno fa, e mi aveva incuriosito per la sua semplicità. Non conoscevo la storia, però, è stato molto bello leggerla e imparare qualcosa di nuovo.

    RispondiElimina
  4. Che bella tesoro la storia di questo dolce che non conoscevo ma che dev'essere anche molto buono. La monetina all'interno mi ricorda un po' la "galette de rois" anche se ha un significato completamente diverso. Un bacione grande, buona domenica

    RispondiElimina
  5. Wow!! Questa la potrei fare anche io:) Vasilopita, mai sentita nominare giuro... bella scoperta il tuo blog, thanks:)

    RispondiElimina
  6. ciao passo per un saluto e per augurarti una bella domenica....chissà se nivecherà ancora come hanno detto...io intanto ho la cervicale che non mi da tregua.
    complimenti per i tuoi bei post.
    ciaoooooo

    RispondiElimina
  7. chee bella tradizione! e che bella ricetta, credo che la farò questo natale!

    RispondiElimina
  8. I dolci con le noci mi piacciono un sacco! Quando hanno anche una storia diventano interessanti, indimenticabili. Simpatica l'idea di far trovare la moneta, bell'idea per Capodanno, tengo presente. Ciao!

    RispondiElimina
  9. Qué hermosa presentación!!! Y esa porción se vé maravillosa...Muy tentadora, suave y rica!!! Un abrazo grande!!!

    RispondiElimina
  10. Ma tutti tu li conosci questi dolci natalizi!!! Ma come fai!?! Comunque, sul tuo commento che il bicchiere di Nut... ci fosse già a quei tempi mi sono fatta un sacco di risate ;)))

    RispondiElimina
  11. un dolce e una storia...ecco adoro questi dolci che hanno tanto da raccontare e devo dire che è anche di una delizia tesoro|!!!bacioni grandisssssssimi,imma

    RispondiElimina
  12. Oh cariiiiisma!!!, que bizcocho tan hermoso!, me encanta su historia, mucho!. Es una hermosa tradicion y creo que lo voy a hacer para mis hijas, pero con dos monedas, me entiendes, verdad;).
    Que foto tan bonita has hecho cariño!!
    Hoy si que te escribo seguro!!!
    Mil besitos llenos de cariño para ti!

    RispondiElimina
  13. Che belli questi dolci che hanno un storia, che scaldano il cuore ogni anno nel riproporli ! In Francia per befana fanno una ciambella con dentro una sorpresina che è di buon augurio per chi a trova. Il gioco in cucina mi affascina sempre ! Un abbraccione !!!

    RispondiElimina
  14. Che bellissimo dolce!!
    Complimenti è davvero troppo goloso!!
    un bacione Anna

    RispondiElimina
  15. il racconto è molto bello, come sempre queste leggende, e il dolce splendido.
    questi dolci natalizi, in cui si legge come in trasparenza, nella trama della ricetta, la povertà di una volta, quando spezie, canditi e simili si mangiavano una volta l'anno, mi commuovono...

    grazie per aver condiviso con noi tutto ciò!

    RispondiElimina
  16. Sono felice che la vasilopita vi piaccia; è bello condividere le tradizioni e con esse miti e leggende! Grazie a tutte!

    @ Veru
    @ IsA, spero che la cervicale sia già un ricordo!
    @ Dana
    lieta di conoscervi!
    Un abbraccio a tutte e buon inizio settimana!

    RispondiElimina
  17. Un dolce meraviglioso pieno di fascino e di storia!!!Baciotto!

    RispondiElimina
  18. Che storia bellissima Ornella.
    Mi piace quando ci racconti le tradizioni del tuo paese d'adozione. Io delle mie ne so così poche di storie :(
    E' un peccato.
    Comunque, fantastico questo dolce e bello che ci sia una sorta di rituale al momento di mangiarlo. Lo rende speciale e molto simbolico.
    Un bacione

    RispondiElimina
  19. Ornella queste sono le ricette che mi fanno impazzire...Che bella! Farò una sorpresa ai miei amici proponendo un pezzettino di Grecia anche a natale :-) un abbraccio e complimenti davvero s

    RispondiElimina
  20. Racconti e dolci: questo è Natale!
    Sei sempre un pò magica, amica mia.
    un bacio

    RispondiElimina
  21. leggere di tradizioni e pensare di assaporare il profumo dei dolci, fa subito natale... auguri!

    RispondiElimina
  22. bellissimo leggere delle tradizioni altrui e questa poi da come distingue l'ordine dei presenti nel distribuire la torta è sicuramente molto antica.....e sicuramente buona, buon lavoro biscottiero, :-) ciauzzzzzzz

    RispondiElimina
  23. Tutto favoloso: leggenda e dolce! :-)

    RispondiElimina
  24. Una leggenda bellissima e un dolce che deve essere squisito. Assolutamente da rifare, bacioni e buone feste

    RispondiElimina
  25. Grazie Ornella..per avermi fatto
    conoscere questo buonissimo dolce
    e le sue leggendarie origini..
    Augurissi a te e famiglia..
    BUON NATALE!!
    un abbraccio
    Enza

    RispondiElimina

Mi piace pensare a questo “giardino” come ad un luogo sereno e spensierato dove pace e armonia regnano sopra ogni cosa...♥
Il vostro pensiero è ben accetto purché non sia offensivo per nessuno.
Tutti i commenti ANONIMI non saranno presi in considerazione.

All ANONYMOUS comments will not be considered.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails