mercoledì 8 settembre 2010

Moustokouloura



In questi ultimi giorni avevo assoluto bisogno di pasticciare in cucina. Non c'è miglior modo per me di questo amato luogo per scacciare l'ansia in attesa di buone nuove. Ma la bilancia ieri si è rifiutata di accendersi. Ho provato a togliere le batterie a rimetterle ma non voleva saperne di ripartire! Nemmeno le abili mani del mio esperto in elettronica sono riuscite a farla rivivere ieri sera! Stamattina è partita assieme a lui infilata tra progetti e calcoli strutturali...sono fiduciosa. Sono affezionata a questa bilancia, perché pesa perfetto.
Allora ieri che ho combinato di mangereccio? Ho tirato fuori una delle ricette della suocera che non necessitano di aggeggi elettronici ma di un bicchiere per pesare e ho fatto dei biscotti con lo sciroppo d'uva, tipo melassa, che qui chiamano petimezi: i moustokouloura.
Lo so, anche questo potrebbe sembrare impronunciabile, ma se io vi dicessi che la “ou” si pronuncia “u”, vi sembrerebbe più facile da memorizzare? Mustokulura....Lukumades...ma non ve lo avevo già detto?? No? Oppsss... scusate chissà quanti bei..mannag a te...sentirò in questo momento, mi fischieranno le orecchie!!
Ma vi voglio bene lo stesso...


Moustokouloura 
(usate un bicchiere tipo quelli della nutella)

1 bicchiere tra burro, olio evo e margarina
2 bicchieri di petimezi
1 ½ bicchieri di zucchero
1 uovo
1 cucchiaio di miele
il succo di mezza arancia
qualche goccia di limone
1½ cucchiai di ammoniaca per dolci
½ bicchiere di Metaxa (brandy)
1 ½ farina circa (metà 00 e metà 0)
1 cucchiaino di cannella e mezzo di chiodi di garofano in polvere
sale

Non avevo mai preparato questi biscotti assieme alla suocera, perciò non sapevo che consistenza doveva avere l'impasto. Nella ricetta c'è scritto morbido....
Allora, ho versato nella planetaria tutti gli ingredienti liquidi, compreso l'uovo sbattuto un po'. Ho unito l'ammoniaca. Quindi ho setacciato le farine ho aggiunto a cucchiaiate assieme alla cannella e al chiodo di garofano e lasciato impastare per qualche minuto. L'importante è che l'impasto deve risultare morbido, appiccicoso alle mani, altrimenti i biscotti dopo cotti diventeranno troppo duri.


Per riuscire a maneggiarlo ungere il tavolo da lavoro e le mani con un po' d' olio. Fare dei cordoncini e unirli a ciambellina. Infornare per circa 12-15 minuti a 180° avendo l'accortezza di mettere la placca un po' più in alto della metà forno perché tendono a scurirsi sotto.
Alla prossima ricetta con il petimezi....devo scoprire: primo come si fa questo sciroppo d'uva, perché è costosissimo...secondo enigma da risolvere, cosa usano i fornai nei dintorni per far diventare il loro moustokouloura così scuri, colore dell'uva!



Inoltre volevo fare tantissimi auguri alla dolce e brava Imma, una persona speciale, solare e che ammiro con tanto affetto, per il secondo anniversario del suo fantastico blog! E vi invito anche a partecipare in molti.... ma che 'sto a dì...tutti al suo Blog Candy!





..non ho finito! Un grande grazie va anche a Gabe, una bravissima artista, per il graditissimo premio! Ammirate che bella tartarughina fatta a mano!



45 commenti:

  1. Ornella ogni nome di ricetta scritto in greco vado in visibilio, così sulla fiducia! Poi vedo le cose che fai e capisco che ho ragione! Che belle queste ciambelline mi pareva di sentire il sapore e la consistenza! Bacioni!

    RispondiElimina
  2. Ciao Ornella, che bello rileggerti! Bè a parte il nome impronunciabile queste ciabelline sembarno deliziose... vorrei tanto rifarle, ma chissà se troverò qui lo sciroppo d'uva... Intanto un abbraccione grandissimo! ^____^ Any

    RispondiElimina
  3. Ciao tutto bene??? e da un pò che non ti sento, buoni questi biscottini.

    RispondiElimina
  4. Anch'io quando vedo una ricetta greca vado in visibilio...sulla fiducia! queste ciambelline sono così invitanti che mi sembra di sentirne il profumo da qui...Ma come potrei sostituire lo sciroppo d'uva? Con la creme de cassis?
    bacio
    simona

    RispondiElimina
  5. Troppi ingredienti irraggiungibili. . .ma ti faccio una visita virtuale di apprezzamento! Ciao!

    RispondiElimina
  6. Ornè e come la mettiamo con sto sciroppo???Insomma dammi un'alternativa o ti faccio fischiare veramente le orecchie!!!Paura???Ah ah ah tesorù,i biscottini sono una meraviglia,perfetti come hai fatto a farli così uguali!!Di la verità la bilancia ti serviva per il peso dei biscottini,non sarai mica una pignolona????UN bacio bella guagliò!!

    RispondiElimina
  7. Complimenti tesoro per queste delizie sopraffine!!! Un abbraccio, a presto

    RispondiElimina
  8. Eccomiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii!!!Rientrata a pieno ritmo, ma che bello leggo di biscotti dal tuo blog???copio copio Natale si avvicina e devo far scorta di ricette!
    Un bacione

    RispondiElimina
  9. Ciao ornella,che bei biscottoni che hai sfornato,deliziosi per colazione!!!Ringrazia anche tua suocera per la ricetta,a me piace molto la ncotra cucina tradizionale ma allo stesso tempo quella internazionale e sono molto scuriosa di scoprire qulacosa di nuovo!grazie e buona serata

    RispondiElimina
  10. @ Ka
    grazie se potessi ti spedirei all'istante ogni cosa che preparo!!Bacioni

    @ Anastasia,
    carissima anche per me è bello ritrovarti! Sto cercando informazioni anche per farlo questo petimezi ti saprò dire! Anzi farò un post se riesco nell'intento! Bacie e grazie!

    @ Fabiola
    carissima, sta ritornando lentamente tutto alla normalità speriamo.Grazie. Sto cercando di recuperare e passare a salutarvi tutte, scusatemi se sono un po' lentuccia..bacione grande

    @ Simona,
    aspetta un paio di giorni che dovrei sapertelo dire! La creme de cassis se non sbaglio è un liquore al ribes o no?
    Questo è proprio succo d'uva cotto ma ci aggiungono qualcosa dentro! Un abbraccio

    @ Damiana
    sono in ricerca vedrai che trovo la ricetta..la bilancia mi serviva per fare una certa focaccia con il kamut che ho finalmente trovato dopo mesi di pressione alla commessa del negozio..Bacione bella tosa...
    P.S. la prima volta che sono salita sull'aereo anni fa ho dovuto prendere un calmante, mi vedevo già pasto per i pesci... poi mi sono abituata ed ora amo volare, anzi preferisco l'aereo che l'auto!

    @ Lady Boheme,
    grazie un abbraccio a te carissima! Buona serata

    @ Lia
    bentornata carissima mi sei proprio mancata! Sai quante ricette prelibate ci scambieremo tutte fino a Natale!! Wow che bello! bacioni buona serata

    @ Antonella
    ti ringrazio tanto! Anche a me piace moltissimo la cucina tradizionale e adoro scoprire i sapori della nostra amata Italia attraverso il tuo blog! Un abbraccio

    RispondiElimina
  11. Chamki ti ho saltata ;) scusami oltre che lenta sono pure "orba"... Bacione e grazie

    RispondiElimina
  12. Mmmmmmmmmmmmm....ma che è il petimezi?
    Non ne ho idea. Ho letto tutto ma non trovo spiegazioni......forse tutti lo conoscono a parte me?
    Boh...comunque Ornella, se ti capita me lo fai sapere?
    I biscotti sono deliziosi ma se comincio a sostituire il petimezi con qualcosa che non c' entra niente non so come potrebbero venire......
    Baci carissima e a presto

    RispondiElimina
  13. Cara Ornella, la tua cucina greca, mi fa letteralmente impazzire: mi segno anche questa golosa ricetta!!!! Grazie!

    RispondiElimina
  14. Anche per me tesoro pasticciare in cucina è il modo migliore per scaricare lo stress e rilassarmi, a patto di nn combinare disastri! Queste ciambelline sono strepitose, mi ricordano nella forma le nostre ciambelline al vino ma sono motlo più aromatiche vista l'aggiunta delle spezie (edella mia adorata cannella). Mi stuzzicano così tanto. Ma il petimezi con cosa si può sostituire, succo d'uva per caso? Un tesoro, spero vada meglio

    RispondiElimina
  15. carissima, mi è capitato anche a me di voler pasticciare e di trovare in sciopero la bilancia. Hai risolto brillantemente perchè qs ciambelline sono buonissime! complimenti

    RispondiElimina
  16. La cucina rilassa e fa pensare!!! Bravissima biscottini dal nome impronunciabile stupendi!!!

    RispondiElimina
  17. @ Viola
    @ Federica
    @ TUTTE voi che mi avete chiesto cos'è il PETIMEZI

    un'amica mi ha fatto notare che in Italia potrebbe essere il mosto cotto. Io non lo conosco, ma guardando in google immagini mi sembra proprio uguale! Poi se il procedimento per prepararlo è lo stesso non so..sto facendo ricerche! Un abbraccio e grazie!

    @ Speedy70
    @ Puffin
    @ Francesca
    vi ringrazio un abbraccio!

    RispondiElimina
  18. Anche a me risulta sconosciuto...
    Non so proprio cosa sia il pitimezi ....(veramente non ho mai usato neppure il mosto cotto).
    A parte questo sei veramente un fenomeno in cucina...eh brava Ornella.
    un abbraccio

    RispondiElimina
  19. Ay Ornella!!!!, gracias por tu comentario tán amable, es un placer tener un blog para encontrar gente como tu. Espero de verdad que tus preocupaciones se pasen bien.
    Mil besos mi gran cocinera greca!!!

    RispondiElimina
  20. Mi sembra di sentirne l'odore,complimenti Ornella

    RispondiElimina
  21. Qué ricas rosquitas, las fotos son muy buenas y tentadoras!
    Te sigo visitando, cariños

    RispondiElimina
  22. Avevo già sgranato gli occhi sul "petimezi", poi ho letto...per scurire queste ciambelline forse usano la melassa? O lo zucchero muscovado? O il malto d'orzo?...Chi può dirlo...:-) Buona giornata Ornella, salutami la Grecia.

    RispondiElimina
  23. Che bella "faccia" che hanno! Non li conosco (sì, dopo le lezioni di lingua sono più pronunciabili!! :) e quindi leggo gli ingredienti per capire, ma me ne sfugge uno: il petimezi. Sì, potrei chiedere a zio google, ma... mi piace di più deto da te! :)

    RispondiElimina
  24. Tesoro, come mi invogliano queste ciambelle!!!Sono una vera delizia!!!Chisseneimporta del nome...io le metto in bocca!!!!Bacio

    RispondiElimina
  25. Come vorrei uno dei tuoi biscotti così genuini e gustosi. Lo sciroppo d'uva non credo di trovarlo da noi.. e.. al èposto della'ammoniaca per dolci va bene anche il lievito o il cremor tartaro? grazie! bacio

    RispondiElimina
  26. Buoni!^_^...un abbraccio cara...buon giovedí!

    RispondiElimina
  27. Non li conosco ma credimi sono di un invitante!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  28. grazie tesoro per aver parlato del mio blogcandy sei stata gentilissima e concordo con te...la pasticceria è un potente antistress e queste ciambele da nome impronunciabile:D sono davvero deliziose e poi super rapide visto che si pesa tutto con un bicchiere:D!!!bacioni grandi,imma

    RispondiElimina
  29. Queste ciambelline sono deliziose! Ma Ornellina...qualche alternativa a certi ingredienti ce la devi dare, oppure in alternativa veniamo tutte a casa tua per assaggiarle!!Tanti bacioni e tanti abbracci ...anche per me la cucina è un meraviglioso antistress

    RispondiElimina
  30. Qué tentadoras esas galletitas!!!
    Te felicito. Un beso grande!!!

    RispondiElimina
  31. io prendo appunti ad ogni tua ricetta come una bambina coscienziosa e attenta a non perdersi la lezione della maestra(che paragone inusuale per me!).Baciotti.

    RispondiElimina
  32. Che bei biscotti Ornella!!! sono davvero invitanti. Mi piacciono davvero tanto le tue ricette greche, pensa che prima di conoscerti a parte la moussaka (si scrive così?^-^) non avevo provato altro! pian pianino me le segno tutte e le provo.
    Grazie, ciao!!!

    RispondiElimina
  33. Merci mon amie, avec toi, on découvre la pâtisserie grecque et c'est très bien.
    J'aime beaucoup.
    A bientôt.

    RispondiElimina
  34. @ Carla
    grazie, troppo gentile! Dopo aver tanto letto in questi giorni mi sono convinta che è proprio mosto cotto! Un abbraccio

    @ Juana
    carissima, grazie di tutto! Spero che anche per te ritorni presto un po' di serenità! Un abbraccio

    @ Gina
    @ Cris
    vi ringrazio tantissimo! Un caro saluto

    @ accantoalcamino
    la Grecia ricambia! Non so proprio cosa usano questi pasticceri io ho provato ad aggiungere cacao a qualche biscotto, il colore era uguale ma il gusto proprio no! Bacione, grazie!

    @ (parentesiculinaria)
    è il mosto cotto. Sabato farò scorta d'uva e poi proverò a prepararlo ti terrò informata sugli sviluppi del mosto..chissà che mi vada fuori per il frigo perché fermenta..bacione e grazie

    @ Ambra
    tesoro ti ringrazio! Bacione

    @ Zucchero e Farina
    non saprei proprio dirti e nemmeno la quantità da usare perché l'ammoniaca è tutta un'altra cosa! Se non sbaglio avevo sentito che in Italia vendono l'ammoniaca per dolci in farmacia o me lo sono sognato? Mah..un bacione grazie

    @ Tonia e marifra79, Imma
    grazie carissime un abbraccio!

    @ Gabri
    sabato proverò a farlo in casa ma ormai sono certa che è mosto cotto! Dalle nostre parti, non si usava, l'ho visto qui per la prima volta! Bacione grande fino a Trieste!

    @ Caro
    grazie, un bacio grande anche a te!

    @ Mimì
    nemmeno io mi sogno di perdere le tue lezioni, manco una!! Bacione

    @ Meg
    grazie! Ed io sto imparando tantissime cose preziose da te! Amo i fiori, le piante...Sai che questi giorni pensavo di rifare il moussaka (così è stato tradotto maggiormente e noi ci adeguiamo, ma corretto sarebbe con una sola"s") col metodo classico e cioè: melanzane fritte e uova nella besciamella, ma non ho avuto tempo! Bacione

    @ Nadji
    cara,ti ringrazio di cuore! A presto

    RispondiElimina
  35. ma che belle queste ricette della tua tradizione.come sempre vado in visibilio a vedere le ricette di una cucina che considero tra lemigliori del mondo e mi prende nostalgia di questa terra! un bacione!

    RispondiElimina
  36. Ciao,
    grazie per gli auguri, mi ha fatto piacere!!!
    Molto carina questa tartarughina...
    Ti mando un bacino
    Elisa

    RispondiElimina
  37. Dopo 15 gg in grecia ... il greco non ha piu' segfreti per me !! ahhahah :D magari..!!!!
    Buonissime le ciambelline e poi cannella cannella.. insomma senti il èprofuno fin qui..
    Un Abbraccio ALessandra

    RispondiElimina
  38. Ciao, Ornella!
    Lietissima di conoscerti. Grazie per aver risposto all'appello e pubblicizzato la mia iniziativa sul tuo blog.
    Ogni contributo è gradito ed importante.
    A presto, Anna Lisa

    RispondiElimina
  39. Eccomi, sono appena diventata una tua nuova fan! Adoro la cucina greca per "colpa" di mia mamma che è innamorata della Grecia e di tutto ciò che le riguarda (musica, lingua, ha tanti amici greci) e perciò non posso che amare il tuo blog! Sappi che proverò tutte le ricette possibili tra quelle che consigli! Un bacione
    Ester***

    RispondiElimina
  40. Ciao carissima Ornella, a parte il nome impronunciabile, queste ciambelline sono fantastiche!!! assomigliano tanto a dei biscotti caserecci che mangiavo da piccola, solo che queste sono più saporite e aromatiche!!! ricche di tante preziose e profumate spezie!!! bravissima tesoro!!! buon fine settimana...ti abbraccio, :-))

    RispondiElimina
  41. Ciao Ornella, questi biscotti sono dolcissimi!Li adoro, perfetti da inzuppare nel latte, bravissima!Anche perchè non servono dosi precise, proprio come piace a me!Un bacione!

    RispondiElimina
  42. je découvre ce beau et délicieux gâteau
    magnifique recette
    bonne soirée

    RispondiElimina
  43. I love your blog!

    Have a nice time!
    Paula

    RispondiElimina
  44. Che buoni!!! ora devo solo capire cosa sono i petimezi e dove travarli/o! :)
    c'è sempre da imparare!:)

    RispondiElimina

Mi piace pensare a questo “giardino” come ad un luogo sereno e spensierato dove pace e armonia regnano sopra ogni cosa...♥
Il vostro pensiero è ben accetto purché non sia offensivo per nessuno.
Tutti i commenti ANONIMI non saranno presi in considerazione.

All ANONYMOUS comments will not be considered.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails