domenica 12 giugno 2016

Quanti modi di fare e rifare Pane e panelle

Oggi, con tutta la tribù della Cuochina di Quanti modi di fare e rifare...
si mangia siciliano!! E precisamente le mitiche pane e panelle
Quante ne ho mangiate nel periodo che andavo e venivo da Marsala! E non appena ho la fortuna di scendere, abbuffate a non finire. Beh a dire la verità faccio il pieno di tutto anche di gelato al pistacchio, che è il mio preferito!
A proporci questo meraviglioso street food è la brava Silvia, del blog Acqua e farina-Sississima. Grazie mille cara per l'eccellente ricetta e per l'ospitalità.
Per fare i panini ho usato l'impasto base nr1 della nostra amata Cuochina, mi sembrava perfetto e a ragione!

Ingredienti per 10 panini:
  • 450 g di farina di forza
  • 150 g di semola di grano duro
  • 250 g di latte (ho diminuito il latte  di 70 g e aggiunto anche gli albumi, pesati)
  • 2 uova
  • 30 g di burro
  • 200 g di licolfico
  • 1 cucchiaio di zucchero
  • 12 g di sale
  • semi di sesamo
per le panelle
  • 750 ml di acqua
  • 250 g di farina di ceci
  • 5 g di sale
  • prezzemolo tritato
  • olio per friggere
  • pepe e limone

Ho rinfrescato licolfico due volte prima di usarlo. 
Inserire nella ciotola della planetaria, licoli, lo zucchero, le uova a temperatura ambiente, il latte tiepido. Mescolare ed aggiungere le farine setacciate. Impastare fino ad incordatura, quindi unire il burro e poi il sale. Incorporare bene, fare una palla, coprirla con un pezzo di carta da forno e poi con la pellicola e metterla a lievitare fino al raddoppio. Io l'ho lasciata per qualche ora a temperatura ambiente, poi siccome il caldo sta iniziando a farsi sentire ed era notte fonda, l'ho riposta in frigo. Al raddoppio pesare 10 pezzi da circa 120 g e formare dei panini tondi oppure a forma di mafalde, come mostra la foto. Non vi so dire se il procedimento è giusto..ma sono riuscite!
Fatto questo, lasciare lievitare i panini coperti, fino al raddoppio. Pennellarli con acqua e cospargeli di sesamo. Cuocere in forno caldo a 200 °C fino a doratura.
Per le panelle, che ho preparato il giorno prima, sciogliere la farina di ceci nell'acqua fredda  e mescolare energicamente per evitare la formazione di grumi. Aggiungere sale e pepe e cuocere a fiamma media per circa 10 minuti mescolando sempre per evitare grumi. Unire il prezzemolo tritato. 
A questo punto io ho seguito un'altra strada..difatti ho bagnato uno stampo da plumcake con acqua e, non appena cotta la farina di ceci, l'ho versata dentro.
Ho lasciato raffreddare, coperta con la pellicola e riposta in frigo. Nel momento di friggere le panelle l'ho tolta dallo stampo e tagliato a fettine di circa 3-4 mm.

Friggere in abbondante olio per qualche minuto, fino a doratura. Metterle sopa la carta assorbente da cucina per togliere l'esubero di olio.
Ho tagliato i panini, in ognuno ho messo circa 10 panelle, pepe appena macinato e qualche goccia di limone
Divine!!
E dove saremo per l'ultimo appuntamento prima della pausa estiva? Da Daniela, del blog Ristorante dai nonni a gustarci lo Scarpazzoun (ovvero erbazzone)! Vi aspettiamo numerosi!

Nel blog di "Quanti modi di fare e rifare" e nella pagina di Facebook della Cuochina si possono visualizzare tutte le versioni proposte oggi e tanto altro! QUI per il menù 2016!

QUI 
per scaricare la prima e seconda parte del pdf 2015
per scaricare la prima e la seconda parte del pdf 2014
per scaricare la prima e la seconda parte del pdf 2013
la prima e seconda parte del pdf anno 2012
ed il pdf intero delle ricette anno 2011

13 commenti:

  1. E la peppa , bellissima la tua versione ,quei panni sono deliziosi,nonostante abbbia appena fatto colazione mi è venuta fame,complimenti,felice domenica

    RispondiElimina
  2. Bellissima questa versione con le mafaldine!!!
    Buona domenica!!

    RispondiElimina
  3. Bellissime le tue mafalde, brava!!!
    Un abbraccio enorme

    RispondiElimina
  4. Qui si va di Sicilia a tutto spiano! Le mafalde con le panelle... sono il massimo!
    Tutto meravigliosamente bello :)
    E anche oggi il nostro sincronismo è stato al massimo, ormai andiamo di volata...
    Grazie Socia carissima
    Baci

    RispondiElimina
  5. che bei panini!!!! sei sempre bravissima!

    RispondiElimina
  6. con quel paninazzo sarei a posto per una settimana :-) meraviglioso

    RispondiElimina
  7. Sono incantata, una mafalda bellissima e perfetta con 10 panelle dentro, come resisto? devo rifarle :-)
    Meravigliosa la tua versione, devo proprio proprio provare gli impasti della Cuochina :-)
    Quante cose impariamo con la Cuochina:-)

    RispondiElimina
  8. grazie, sei stata bravissima anche tu con questi strepitosi panini!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  9. santo cielo Ornella...
    cosa sono le mafalde!!!
    belle crude e cotte...
    per non parlare delle
    tue mafalde imbottite con le panelle!!!
    Sei stata bravissima!
    Un bacio dalle 4 apine

    RispondiElimina
  10. Non ho parole... un pane semplicemente bellissimo, e senza dubbio anche buonissimo! Che dire, questo licoli - licoluva - licolfico.... devo decidermi proprio a sperimentarli. Ma la marcia in più è la cura che metti in ogni cosa! Complimenti come sempre... e GRAZIE.

    RispondiElimina
  11. Grazie a tutti di cuore!! Un abbraccio e alla prossima :-)

    RispondiElimina
  12. Che spettacolo le mafalde con le panelle! Mi viene voglia di rifarle!
    Un abbraccio e alla prossima!

    RispondiElimina
  13. Ma che buone! quando andavo in Sicilia era la prima cosa che azzannavo dai panellari la sera! Brava

    RispondiElimina

Mi piace pensare a questo “giardino” come ad un luogo sereno e spensierato dove pace e armonia regnano sopra ogni cosa...♥
Il vostro pensiero è ben accetto purché non sia offensivo per nessuno.
Tutti i commenti ANONIMI non saranno presi in considerazione.

All ANONYMOUS comments will not be considered.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails