venerdì 10 febbraio 2012

Pane in cassetta


Non so voi, ma io vivrei di solo pane...E da quando lo preparo in casa provo ancora più gusto a mangiarlo! L'unico neo è che lievito anch'io come i miei impasti!
Però se mi ponessero davanti un dolce ricco di creme, cioccolato..e un panino con la sopressa veneta o la mortadella, sicuramente sceglierei quest'ultimo! Sarebbe quasi a pari opportunità se il dolce fosse una torta di mele!
Per fare questo pane in cassetta non ho seguito una ricetta precisa ma mi sono ispirata un po' qua e un po là e ovviamente ho usato il licoli, lievito liquido a coltura liquida. Ringrazio Anna per il solito prestito-link :)

Ingredienti per 2 pani:
  • 640 g di farina bianca (metà manitoba e metà normale)**
  • 244 g di licoli molto attivo
  • 284 g di latte parzialmente scremato
  • 44 g di purea di patate***
  • 3 g di sale
  • 1 uovo
  • 60 g di burro
  • 12 g di miele e un cucchiaino da tè di zucchero

** Io ho usato metà manitoba e metà della stessa farina che uso per fare il pane.

*** Il purè lo faccio sempre solamente con patate, latte, sale ed un pizzico di noce moscata. Niente burro. Per cui potete cuocere la patata, frullare con un po' di latte caldo, un pizzico di sale...come di solito si fa con il purè.


Procedimento:

Ho iniziato al mattino presto e alla sera ho infornato.
Nella ciotola della planetaria (con il gancio a foglia) ho inserito il licoli e fatto sciogliere con il latte tiepido. Ho unito l'uovo un po' sbattuto, la purea di patate, zucchero e miele e 25 g del burro totale sciolto ed intiepidito. Ho avviato la planetaria aggiungendo 2-3 cucchiai di farina dal peso totale, fatto amalgamare bene a velocità 3 e poi fermato la macchina per una decina di minuti. Trascorso questo tempo ho inserito il gancio per impastare, riavviato e unito la farina setacciata a cucchiaiate.
Ho aggiunto il sale. Dopo qualche minuto ho unito anche il resto del burro morbido, precedentemente lasciato a temperatura ambiente.
Ho fatto impastare a lungo finché la pasta non è diventata elastica e ben incordata, quindi l'ho lasciata mezz'ora a riposare, sempre nella ciotola della planetaria con un coperchio sopra. Ho riavviato e di nuovo impastato per circa 5 minuti.
Ho raccolto l'impasto a palla in una ciotola infarinata e messo a lievitare al caldo (ho acceso il forno per qualche minuto e spento) coperto con la pellicola trasparente finché non è lievitato il doppio e anche più. Ho fatto il conto, più o meno 4-5 ore. 

Dopodiché nel pomeriggio ho ripreso delicatamente la pasta, tagliata in due parti e stesa a rettangolo con le mani. Quindi l'ho arrotolata su se stessa e poi..avete presente come quando si strizza un panno appena lavato a mano? Ecco la stessa cosa ma naturalmente con meno forza (un metodo visto da qualche parte ma non ricordo dove..) e l'ho inserita negli stampi da plumcake. Io ho usato quelli usa e getta di alluminio ma se si adoperano gli altri, si devono rivestire di carta da forno.
Ho cotto e qui mi sono dimenticata di inserire il timer..ma pressappoco per 40 minuti a 190°. A cottura avvenuta l'ho lasciato raffreddare tutta la notte e al mattino seguente l'ho tagliato a fette e preparato toast. Una bontà!! Il resto l'ho messo in sacchettini di plastica e lo conservo in congelatore.
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Da tanto, troppo tempo, si sente parlare della Grecia come ad un moribondo che sta emettendo l'ultimo respiro..io non voglio nemmeno pensare che ciò possa accadere, amo troppo questa terra. Forza e coraggio fratelli greci, siete un GRANDE popolo che ha sempre saputo combattere e vincere le proprie battaglie. Η Ελλάδα ποτέ δεν πεθαίνει....

23 commenti:

  1. I nostri gusti sono i sintonia. Io amo tantissimo sfornare dolci (e per fortuna c'è la talpa golosa che pensa a spazzolarli via) ma se dovessi scegliere andrei sul panino al prosciutto o trancio di focaccia/pizza. E' talmente soffice e morbidoso che è un peccato chiamarlo pane in cassetta. Almeno per quella che comunemente è l'immagine del pane in cassetta confezionato! Con questo sì che vengono dei SIGNORI TOASTS, è splendido ^_^ Un bacione tesoro, buon we

    RispondiElimina
  2. Ciao Ornella, ma lo sai che da quando ho saputo che il pane in cassetta è trattato con l'alcool per evitare le muffe non lo compro più? Io lo faccio sempre con il water roux, conosci questo metodo? Non ho avuto ancora modo di postarlo sul mio blog, baci e buona giornata!

    RispondiElimina
  3. Sai che con licoli e pasta madre non ho dimestichezza ma mi piacerebbe provarlo con il lievito di birra anche se certamente non avrò gli stessi risultati. Sforni sempre delle meraviglie!
    I Greci sono grandi guerrieri e sapranno vincere anche questa battaglia.
    Un abbraccio a voi tutti!

    RispondiElimina
  4. que bello e che morbido !! complimenti!!

    RispondiElimina
  5. Ma che bel pane invitantissimo, anche a me il pane piace tantissimo, se è buono mi piace mangiarlo anche senza condimento...Il tuo è perfetto e splendido! Bacioni!

    RispondiElimina
  6. mi trovi daccordo sulla preferenza del pane! fatto in casa è veramente una droga troppo buono e se ne mangia sempre tanto :D io ho intrapreso da poco l'avventura del lievito madre magari proverò ad utilizzarlo per fare questo pane magnifico :-) mi dispiace tantissimo per le notizie che giungono dalla Grecia, una terra ricca di storia, cultura e da grandi guerrieri vedrai che riusciranno a vincere anche questa battaglia ritornando vittoriosi! buon WE cara :-)

    RispondiElimina
  7. Sono stata ferma ed attenta a vedere il filmato, è stupendo come il tuo pane ;-)
    E' un bellissimo e sacrosanto grido rivolto al mondo che sembra sordo ma che, secondo me, fa finta di essere sordo per un suo tornaconto.
    Spero e voglio che la Grecia riesca ad alzarsi da questa china, come ha sempre fatto. Se la spinta è data da tutti, si rialzerà sicuramente.
    Un abbraccio ed un "Forza" a tutti i greci di nascita e di adozione.
    :D ... :D ... :D ...

    RispondiElimina
  8. Come te amo tantissimo il pane,il solo profumo riesce a rasserenarmi l'animo!Questo pane in cassetta è un vero trionfo,anche da solo dev'essere una meraviglia!!Baci tesoro e un abbraccio grande a tutti i greci che sapranno affrontare questo brutto periodo!!
    p.s qui la situazione all'apparenza è meno tragica,ma il malcontento del popolo è innegabile!!

    RispondiElimina
  9. Il tuo pane e meravigloso come te,carissima Ornella!Ti ringraziamo di cuore per il tuo affetto!La situazione e tragica e siamo tutti i Greci vittime innocenti di una crisi senza precedente!Speriamo che ce la faremo!
    Un bacione forte!Sei veramente dolce:)))

    RispondiElimina
  10. cara di solo pane vivremmo anche noi, se non fosse x la linea, ma soprattutto adoriamo prepararli...ottimo e morbidone questo pane che hai fatto...bravissima

    RispondiElimina
  11. meraviglioso!!!!!!!!!!!!davvero bellissimo.

    RispondiElimina
  12. GRAZIE, a tutti!

    @ Stella, non conosco questo metodo ma grazie vado subito a scoprirlo!

    Buon fine settimana ad ognuno di voi!

    RispondiElimina
  13. Bellissimo pane più è morbido più lo preferisco!!
    sempre brava Ornella
    Buon fine settimana un'abbraccio!!
    Anna

    RispondiElimina
  14. Anche io preferisco il salato. Prenderei con piacere una bella fetta del tuo pane.

    Bello il video, è un "grido" di orgoglio di un grande paese.

    RispondiElimina
  15. Anch'io vivrei di pane. Mi piace prepararlo, vederlo lievitare, sentire il profumo che sprigiona durante la cottura e come te, fra un panino ripieno e un dolce non avrei esitazione.
    Il tuo è magnifico, ti è venuto veramente bene!
    Un bacione grandissimo e buon fine settimana

    RispondiElimina
  16. wao, anch'io amo il pane, poi questo!!!!!! baci.

    RispondiElimina
  17. Ciao Ornella, ottima la ricetta del pan carré, ma per la sopressa, invece che nel panino, la passi leggermente in padella con un po' di aceto e l'accompagni con una polentina molto tenera. Buon appetito.

    RispondiElimina
  18. bellissimo pancarré, di cui mi viene subito voglia di fare la versione gluten free

    ma soprattutto mi piace il tuo orgoglio di greca acquisita.
    io in questo periodo sono presa da mille domande, e soffro per quello che sento e vedo del vostro paese, sul quale vedo uno strozzinaggio senza pietà da parte di tutti.
    siamo con voi!

    RispondiElimina
  19. Ciao, il mio Contest per le Ricette senza lievito è terminato: passa a trovarmi a Bryce’s House per un affettuoso ringraziamento! A presto!

    RispondiElimina
  20. Quante delizie nel tuo blog! E quanto bel pane e focacce!! Proprio il "pane" per i miei denti!! Sono uno spettacolo solo a vedersi!! Bel posticino dove ritornare volentieri!!

    RispondiElimina
  21. meraviglia!
    era un po' che pensavo di fare il pane in cassetta con la pasta liquida. speriamo non mi sappia di acido come il panettone fatto a natale...
    quando dici che hai impastato "a lungo" quanto sara' stato? intorno ai 10 minuti o intorno ai 20?

    RispondiElimina
  22. ciao Ornella.
    si che uso il lievito liquido (licoli come lo chiamate tu e anna) e mi fa del pane buonissimo e niente affatto acido. pero' il panettone mi e' venuto acidissimo... io me lo spiego con il fatto che il mio lievito liquido, quando passa il periodo giusto di fermentazione tende ad inacidirsi. cercherò' di non farlo con questo pane in cassetta che cercherò' di rifare prestissimo. sembra troppo buono!
    sia Grecia che Italia hanno sempre saputo come risorgere dalle ceneri e le disfatte. Non per niente siamo in piedi da 3000 anni, più' o meno, no?
    bacionissimi

    RispondiElimina

Mi piace pensare a questo “giardino” come ad un luogo sereno e spensierato dove pace e armonia regnano sopra ogni cosa...♥
Il vostro pensiero è ben accetto purché non sia offensivo per nessuno.
Tutti i commenti ANONIMI non saranno presi in considerazione.

All ANONYMOUS comments will not be considered.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails