sabato 2 luglio 2011

E lo yogurt greco partì per il Giappone..


...fece buon viaggio ed arrivò sano e salvo a destinazione, dove le mani esperte della cara Anna lo hanno pazientemente ed amorevolmente riattivato, regalando una grandissima soddisfazione ad entrambe! Certo che per Anna il lavoro è stato ben più difficile e delicato del mio.. per cui ha tutta la mia ammirazione! Proprio brava! Adesso vi racconto come ho fatto a seccarlo, poi andate nel blog di Anna per scoprire il procedimento di riattivazione! Mi scuso per le foto ma ho avuto giornate molto ventose perciò se lo avessi trasferito in veranda, dove c'è più luce, sarebbe volato via....in anticipo!!

Come potete osservare dalla foto sopra, ho usato il classico yogurt greco, quello che ancora si vende nel contenitore di coccio. Per me è il migliore.
Ed ho iniziato..

 Giorno 1:
Ho preso un po' di yogurt e l'ho spalmato sopra un figlio di carta da forno

Stendendolo così con la forchetta

poi ho messo sopra ad un piatto da portata, tendendo e fissando la carta ai lati con dei fermacarte in modo che fosse un po' rialzata e sotto circolasse aria.

Quindi ho coperto con un coperchio anti schizzi e riposto in una stanza aerata

Giorno 2:
Al secondo giorno lo yogurt si presentava così

Giorno 3:
Il terzo giorno già bello essicato

Con una spatola da cucina l'ho raschiato, ho cambiato carta e..

risistemato, sempre coperto nella solita stanza areata.

 Giorno 4:
Grazie alle alte temperature e giornate ventose, lo yogurt si è essiccato perfettamente in 4 giorni. Ma è un periodo indicativo, sicuramente ne serviranno di più se ad esempio il procedimento verrà fatto in inverno..



Ecco qui la bustina dello yogurt che sta per essere inserito nella lettera e..non vi resta che andare da Anna per vedere la continuazione...

Auguro un bellissimo fine settimana a tutti!

39 commenti:

  1. Ed eccomi a ringraziarti anche qui, grazie per la tua immensa gentilezza.
    Buon fine settimana anche a te.
    Baci

    RispondiElimina
  2. Ma dai!!!!!!!
    Per fortuna che anna ha messo un commento, altrimenti non avrei mai capito di quale blog tu stessi parlando!! Anzi, forse ti conviene inserire il suo link ;)
    comunque, complimenti per il post, non avrei mai pensato possibile una cosa del genere!!

    RispondiElimina
  3. E voi 2 siete troppo forti :-)
    Hofatto lo stesso commento ad "àmbedue" :-D

    RispondiElimina
  4. @ Anna,
    cara, grazie a te ho avuto il grande piacere d'imparare e questo per me è la più grande soddisfazione! Un abbraccio

    @ Giulia,
    hai ragione ma aspettavo che Anna pubblicasse per prendere il link. Grazie e buon fine settimana!

    @ Libera, grazie :-*

    RispondiElimina
  5. Lo yogurt nella busta...cosa insolita,ma davvero ben riuscita. La foto con la busta ti è venuta benissimo!! Ciao, Vale

    RispondiElimina
  6. fantastico...siete state bravissime,
    tu ad essiccarlo e Anna a rigenerarlo
    davvero complimenti!!
    un bacione

    RispondiElimina
  7. Ma che cosa magnifica! Uno yogurt in una busta, dalla grecia al giappone...Ornella sei troppo forte!!
    Mi piacciono questi scambi culturali, mi piace l'idea di un filo che unisca persone in posti così lontani e dia vita a nuova poesia.
    veramente brave entrambe!
    Tanti bacioni

    RispondiElimina
  8. Gioai bella, tu e Anna messe insieme siete incredibili. Sono rimasta a bocca aperta all'idea dello yogurt essiccato. Ne sapete una più del diavolo :) Un abbraccio forte, felicissimo we

    RispondiElimina
  9. Wow che esperimento ingegnoso ragazze ma che brave.....Grecia/Giappone e yogurt essiccato in viaggio...siete mitiche!!!Bacioni imma

    RispondiElimina
  10. meraviglioso!!!!
    e anche la tua amica a rigenerarlo!

    RispondiElimina
  11. ...vengo da te per aggiornarti sul li.co.li, che pubblicasti proprio con i link di Anna, e cosa trovo? un'altra "cosuccia così" proprio da nulla.. ma siete un vulcano!
    Col li.co.li sono TROPPO CONTENTA, è un lievito meraviglioso, non ho mai panificato con tanta soddisfazione come ora. Forse prorpio perché non metto il lievito di birra, sono ancora più felice
    GRAZIEEE!

    RispondiElimina
  12. ....accidenti!Fortunata Anna che godrà dello yogurt greco...na vera deliziaaaaaaaaaaaa!!!!!!

    RispondiElimina
  13. Ma non ci credo!!! Disidratare lo yogurt, fargli attraversare il mondo e poi riattivarlo....c'è qualcosa di magico e di straordinario, non solo nei gesti e nella pazienza, ma anche nell'intenzione dello scambio e della continuità.....caspita, è davvero tutto possibile in questo mondo!!!

    un abbraccio,

    Fabi

    RispondiElimina
  14. une superbe préparation qui donne un excellent résultat
    bravo et bonne journée

    RispondiElimina
  15. @ Valentina,
    grazie è davvero insolita ma veramente una bella soddisfazione. Buon week end!

    @ Enza,
    ti ringrazio! Baci

    @ Luna,
    grazie! A chi lo dici..amo moltissimo anch'io questi scambi culturali! La condivisione, senza null'altro pretendere se non il piacere d'imparare è la cosa più importante per me. Poi è verissimo: è poesia e tiene unite ad un filo magico tante persone, in tanti luoghi sparsi per il mondo! E credimi Anna ed io sappiamo quanto contino questi "fili" anche di amicizia che ci fanno sentire il calore di "casa" anche se siamo lontane.. Baci buon w.e.

    @ Federica,:-***
    @ Imma
    @ Irene
    grazie carissime, bacione

    @ Cinzia,
    che bello, sono felice per il licoli!! Dà veramente grandi soddisfazioni.Un abbraccio buon fine settimana e grazie a te!

    @ Jennifer,
    vuoi provare ad attivarlo anche tu? Baci

    @ Fabiana,
    sembra davvero impossibile ma a noi piacciono molto le sfide che sembrano impossibili!

    @ Fimère,
    grazie! Buona giornata!

    RispondiElimina
  16. Ma Ornella sei troppo avanti!!!lo yogurt greco in busta e chi l'avrebbe mai detto! Bacioni e buona Domenica!

    RispondiElimina
  17. Sono rimasta colpita da questo vostra "magia". Complimenti!

    RispondiElimina
  18. mai visto una cosa del genere, sei geniale.

    RispondiElimina
  19. Vi piacciono le sfide impossibili??
    Concordo.....sennò che gusto c'è, che si impara, come si cresce?!!
    Personalmente vivo di sfide impossibili ....in cucina e non e credo non ne esistano di nessun altro tipo!!

    RispondiElimina
  20. grazie per la risposta.
    ma sai chi hai una bella calligrafia?
    veramente!

    RispondiElimina
  21. @ Ka'
    @ Fr@
    @ Fabiola,
    Vi ringrazio tutte, buona domenica!

    @ Fabiana,
    concordo pienamente! Un abbraccio

    @ Irene,
    di nulla, grazie a te! Ho abbastanza una bella calligrafia lo ammetto ma solamente nella prima riga poi vedessi che scrittura..mi sono disabituata a scrivere a mano! Baci

    RispondiElimina
  22. Ma dai adesso anche lo yogurt per posta !!! Andrò a vedere che fine a fatto ! Tenerissima la foto con la lettera ! Ornella quando hai tempo puoi venire da me ? Ho postato, in fondo, la foto del geranio odoroso , è come il tuo ? Posso metterlo nelle marmellate ??? Ciao, grazie e buona domenica !!!!

    RispondiElimina
  23. Rossella cara, grazie! Ho risposto neltuo blog :-) Baci buona domenica

    RispondiElimina
  24. un viaggio insolito!!!Che storia!Un bacione,cara Ornella!

    RispondiElimina
  25. te l'ho già detto vero che sei un genio? Ma te lo ridico. Ma io non ne sapevo niente di questa storia di far esiccare lo yogurt. Siete troppo avanti ragazze! Brava Ornella, quante ne sai......
    Un bacione

    RispondiElimina
  26. Wow, questa dello yogurt essiccato è davvero una trovata geniale, curiosa e pratica!!! bravissime ad entrambe ragazzuole...e buona Domenica :)

    RispondiElimina
  27. Ornella cara ma sei una forza della natura.
    Lo yogurt via posta è una cosa eccezionale.
    Grazie anche per avermi fatto conoscere Anna, è fortissima proprio come te.Un bacio a presto.

    RispondiElimina
  28. Ornella grazie! penso anche io che sia lo stesso geranio. Non ti disturbare, non occorre che tu mi mandi una talea dei tuoi. Certo sarebbe bella poterla inviare come hai fatto tu con yogurt in Giappone ! Quella strisciante è una passiflora e ...da frutto! Per adesso niente frutti ma è stata messa lo scorso anno... Chiamerò anche io l'agapanto "fiore d'artificio", mi piace !!!

    RispondiElimina
  29. Lo yogurt nella busta: che piacevole diavoleria! CIAO SILVIA

    RispondiElimina
  30. Fantastico! Ma te la sei pensata tutta da sola o conoscevi già il trucco? ;)

    RispondiElimina
  31. @ Grazie a tutti e buon inizio settimana!

    @ Rossella mi sa che essiccata farebbe poco..ma te ne faccio una piantina e la prima volta che verrò in Italia te la porto!

    @ Dona,
    è Anna che mi ha fatto conoscere questa tecnica e poi ho letto qui
    Grazie, buona settimana!!

    RispondiElimina
  32. Hai indovinato, wordpress fa le bizze :-( vediamo se dopo il post di oggi me lo aggiorna (partecipi veo alla raccolta WHB vero? :- )

    RispondiElimina
  33. Ornella....mi tenti....ma ahimè faccio fatica a star dietro al kefir....non vorrei farti perdere del tempo x niente!Xò grazie del pensiero!Oggi tzatziki :-)

    RispondiElimina
  34. E' proprio vero lo yogurt greco in grecia è diverso da quello che si compra in Italia...ed ora scopro che c'è chi lo liofilizza!!!!Geniale , non ci avevo pensato anche perchè non posseggo la giusta materia prima...Potrei comprarla da te??
    SabrinaT.

    RispondiElimina
  35. Andiamo per ordine. Lo yogurt mi piace tantissimo, quello greco lo trovo fantastico, il migliore in assoluto, almeno per me. Che lo yogurt si potesse preparare in casa lo sapevo, molti, molti anni fa, lo facevo anch'io. Ma che si potesse essiccare davvero non lo immaginavo. Il tuo post è stato molto interessante, vado a leggere cosa è successo allo yogurt una volta giunto a destinazione...

    Baci e buona settimana

    Giovanna

    RispondiElimina
  36. Ma che storia, corro da Anna a vedere un po' la riattivazione!

    RispondiElimina
  37. Ciao Ornella, peccato che non amo molto lo yogurt, altrimenti ti avrei chiesto di mandarmene una bustina. Andrò ugualmente da Anna per vedere il seguito. Ciao e buona serata.

    RispondiElimina
  38. ......scrivi un pò quasi come me :-)

    RispondiElimina
  39. Ornella trvo che sia un idea fantastica, innanzi tutti bravissime per aver realizzata e adesso vado a vedere da Anna il risultato finale ciao Luisa

    RispondiElimina

Mi piace pensare a questo “giardino” come ad un luogo sereno e spensierato dove pace e armonia regnano sopra ogni cosa...♥
Il vostro pensiero è ben accetto purché non sia offensivo per nessuno.
Tutti i commenti ANONIMI non saranno presi in considerazione.

All ANONYMOUS comments will not be considered.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails