lunedì 23 maggio 2011

Finalmente posso chiamarla ciabatta! E un regalo speciale..


Riuscire a fare questo tipo di pane mi sembrava un traguardo irraggiungibile, anche perché ho tentato parecchi esperimenti molto poco riusciti. Questa ricetta l'ho scoperta girovagando qua e là in cerca di ispirazione ed ho deciso di provarla. Per leggere l'originale andate qui, nel bellissimo sito BREAD CETERA
Premetto che non sono una cima in inglese, me la cavo molto per intuito perciò non sarà tradotto perfetto ma quello che conta è il risultato, vero? E mi sembra che non sia per nulla male! Mi scuso con il bravo cuoco che ha inventato questa ricetta, sia per la traduzione che per le variazioni (in rosso e non...), ma ognuno si arrangia con quello che ha, che conosce e soprattutto con ciò che gli piace!


Poolish
  • 190 g di King Arthur Flour Organic Seleziona Artisan (io manitoba)
  • 190 g di acqua
  • 1 / 8 cucchiaino. Lievito (io 2,5 g di fresco)
Impasto finale
  • 310 g di King Arthur Flour Organic Seleziona Artisan (io farina 0)
  • 190 g di acqua
  • 10 g di sale
  • 1 / 8 Tsp. Lievito (io 2,5 g di fresco)
  • 15 g di olio d'oliva (io extravergine di oliva)
  • 380 g (tutto quanto sopra) poolish
Ore 20 del giorno prima:
Preparare il poolish. Sciogliere il lievito nell'acqua ed incorporare alla farina. Coprire la ciotole con la pellicola trasparente e lasciare lievitare per circa 12 ore a 21°.
Ore 8, mattino seguente:
Nella planetaria inserire il poolish e 150 g di acqua (il rimanente 40 g si aggiungerà più tardi). Avviare la macchina, inserire il gancio a foglia e, a bassa velocità, unire l'olio. Impastare fino ad ottenere un composto omogeneo, circa 2 minuti.
Cambiare il gancio con quello adatto ad impastare, aumentare la velocità a 3 ed aggiungere 20-30 g di farina, tolta dai 310 g totali. Impastare per un paio di minuti. Fermare la macchina ed aggiungere quindi il lievito (io l'ho sciolto in un pochino d'acqua dei 40 g, ma pochissima veramente) e la restante farina.
Riaccendere e passare a velocità 2 per altri 2 minuti per far idratate la farina.
Ricoprire la ciotola dell'impasto e lasciare riposare per 30 minuti: autolisi.
Trascorso questo tempo, unire il sale e a velocità 3 impastare per 10 minuti.
Quindi aggiungere l'acqua rimanente ( 40 g circa e calcolando circa 10 minuti di lavorazione dell'impasto) a piccole dosi, ognuna delle quali deve essere perfettamente incorporata prima di versarne dell'altra. Mettere l'impasto in una terrina ben oliata e ricoprire con la pellicola. Lasciare lievitare a temperatura ambiente per 3 ore.
Dopo le 3 ore mettere l'impasto sulla spianatoia ben infarinata e dividerlo a metà. Ad ogni pezzo, dare allungandolo un po', la classica forma della ciabatta.
Poi io ho fatto così: per ogni ciabatta ho tagliato un foglio di carta da forno un po' più grande, l'ho infarinato per bene ed ho collocato sopra la ciabatta. Ho fatto lievitare così coperte. Trascorsa un'ora di lievitazione a 25° circa, dopo averle spolverizzate di farina, ho preso la carta dagli angoli ed ho capovolto le ciabatte sopra un altro pezzo di carta, sistemata sulla placca del forno. Tutto questo perché e' facile che si affloscino maneggiandole, così ho pensato che fosse meglio capovolgerle aiutandosi con la carta.
Cucinare a 230° per 35 minuti ma i primi 15 minuti inserire nel forno un pentolino d'acqua bollente.



Poteva mancare il panino? Nooooo!!



Ci tenevo molto a mostrarvi le originalissime meraviglie che Tiziana, del blog Pecorella di Marzapane, crea con tanta fantasia!
Questa collana è un gentilissimo e graditissimo modo di ringraziarmi di aver fatto da "giudichessa" al suo contest "I golosi anni '80".
I miei complimenti cara Tì e un grande affettuoso GRAZIE!



55 commenti:

  1. sono felice di postare per prima un commento. pieno di invidia (chiedo perdono)
    che meraviglia!!!!!!!

    RispondiElimina
  2. è fantastico, l'alveolatura della mollica davvero stupefacente! ti copierò la ricetta! un bacione

    RispondiElimina
  3. sono golosa di pane,ma farlo è tutta un'altra cosa,magari ne prendo un po' del tuo.Buona serata

    RispondiElimina
  4. Ornella sono bellissime, un'alveolatura spettacolare, una fotografia splendida, brava davvero, stasera parto con il poolish...bacioni

    RispondiElimina
  5. Non ho parole, hai fatto questo pane con solo 5 gr di lievito!!!!!
    Che brava, io me lo posso sognare di fare una ciabatta così bella, però ci voglio provare, grazie della ricetta.
    ciao.

    RispondiElimina
  6. Una ciabatta insuperabile, mai vista un'alveolatura così perfetta!!! Sei bravissima, un bacione e buona serata

    RispondiElimina
  7. lieta di conoscerti anch'io! complimente anche a te per il tuo blog e le tue ricette

    RispondiElimina
  8. Ornella ma che ciabatta hai fatto è bellissimissima, ma mette una voglia di addentarla!!!Al pane fatto bene non so resistere...Bacioni!

    RispondiElimina
  9. Quando vorrei addentarla quella ciabbatina così croccantina.
    Che bella la collana fatta da Tiziana.

    Un bacio :)

    RispondiElimina
  10. Vedi! Con questa ricetta con il lievito di birra potrei anche scapricciarmi! Magari ci provo!
    Quando vuoi venire a vedere il museo io sono qui. Chi gestisce questo comune un po' per ignoranza e un po' per mancanza di soldi non riesce a renderlo pubblico. Occupa 300 metri quadri del terzo piano della casa dove abitiamo e quindi con evidenti barriere architettoniche che non lo rende fruibile a tutti. E' molto visitato dalle scuole ma non c'è niente di ufficiale e tutte le spese sono accollate a mio suocero. Stiamo sperando nella Regione che invece ha apprezzato molto.
    Per i malloreddus si può utilizzare anche un riga gnocchi.
    Ti abbraccio!

    RispondiElimina
  11. Che ciabatta splendida. Solo a vederla mi viene voglia di provare a farla... sperando naturalmente che mi riesca così bene.

    RispondiElimina
  12. Ornella, sono senza parole, però salvo la ricetta e la provo; sono ancora ferma a crearmi il famoso LICOLI che hai citato qualche post fa, che veramente mi ha attizzato un sacco. Unica cosa, non ho un kenwood per impastare, quindi mi arrangio col bimby.. di solito me la cavo ed i risultti sono piuttosto buoni. Qui l'idratazione dell'impasto mi pare abbastanza alta, speriamo.
    però che meraviglia quelle bolle.
    Brava davvero

    RispondiElimina
  13. <e QUESTA SI CHE è UNA CIABATTA!!nON SARAI UNA CIMA IN INGLESE MA HAI SAPUTO CARPIRE TUTTI I SEGRETI DEL MAESTRO!!bRAVISSIMA TESò..ANCHE IL RIPIENO MI PIACE,E TI PAREVA!!!
    Guarda che scrittura..sono la solita "mbranata!!

    RispondiElimina
  14. Che invitante la tua ciabatta, è semplicemente perfetta! Complimenti!

    RispondiElimina
  15. che meraviglia... DEVO provarci!

    RispondiElimina
  16. La ciabatta???Ma tesoro stai diventando bravissimissima!!!!Ce l'ho anche io la collana di Tiz...davvero bellissima!!Bacio bacio

    RispondiElimina
  17. Beh traduzione alla lettera o no mi sembra che il risultato sia ottimo! Io non mi ci metto neanche con ricetta in italiano perfetto. Un abbraccio Sonia

    RispondiElimina
  18. Sembra proprio quello comprato dal panettiere, domani ci proverò :)

    RispondiElimina
  19. una ciabatta perfetta!!bellissima la collana!!

    RispondiElimina
  20. ma questo è un capolavoro cara Ornella, io non ho mai provato a fare la ciabatta, ma dubito che mipossa venite tanto perfetta!
    Tu sei bravissima anche coi lievitati ( hai notato l'anche ? ;)
    Un bacione
    Smack

    RispondiElimina
  21. Che ciabatta irresistibile!Bravissima carina!Un abbraccio forte:)

    RispondiElimina
  22. Tesoro mio sono IN-CAN-TA-TA! Questa sì che è una signora ciabatta! Tu vedessi quelle che qui nei forni chiamano "ciabatte"...delle "sole" altrochè!!!!!! Se poi me la fai vedere pure farcita...ho gli occhi sgranati davantia quel panino! Complimentissimi. Un baciottone, buona giornata

    RispondiElimina
  23. GRAZIE infinite a tutte e buona giornata!!

    @ Dana,
    prima o poi spero tanto di poter visitare la tua meravigliosa isola e sicuramente verrò ad ammirare il museo! Vi auguro che abbia l'attenzione che merita! Gli gnocchi li faccio con la forchetta...ma troverò un sistema :-) Baci, grazie carissima!

    RispondiElimina
  24. Quelle ciabbatte sono meravigliose, oserei dire perfette...complimenti...ciao.

    RispondiElimina
  25. Ornella mamma mia che bella ciabatta questa me la segno!! me la immagino con la mortazza appena tagliata gnammmmmmmmmmmmmm sono le sette di mattina O_O che fame!!
    la collana è favolosa complimenti!!
    buona giornata carissima baci
    Anna

    RispondiElimina
  26. Che meraviglia viene voglia di addentarle. Bravissima!
    Bella la collana di Tiziana.

    RispondiElimina
  27. Ornella, ti dirò, non ho mai visto in giro ciabatte così ben fatte, alveolatura perfetta, crosta sublime (il mio ello ne va matto), se le tue "variazioni" hanno portato a questo risultato allora il "panettiere" non avrà nulla da eccepire e, secondo me, la prossima volta ti "copia" lui :-)
    Buona giornata...

    RispondiElimina
  28. Che meraviglia Ornella! questa ciabatta fa davvero venir voglia di addentarla ^-^ complimenti!

    RispondiElimina
  29. un lungo lavoro ma il risultato è stato strepitoso, quando ho letto King Arthur Flour Organic Seleziona Artisan ero così O_O ma fortunatamente hai reso la ricetta alla portata nostra...grazie Ornella grande come sempre ;)

    RispondiElimina
  30. Bravissima Ornella. Un pane eccezionale dall'aspetto fragrante e profumato.Mi sono piaciute tanto le tue ' correzioni " in rosso della serie ci si arrangia come si può.Se si potesse mandare il tuo panino online sarebbe il massimo.Un bacio a presto.

    RispondiElimina
  31. Splendido risultato!!! E chissà che buono dev'essere.. sembra di sentirne il profumo! Un abbraccio

    RispondiElimina
  32. Meravigliosa ciabatta...un morso le dareiiiii....
    baciotti

    RispondiElimina
  33. bravissimaaaaa hai fatto uno spettacolare pane...anzi ciabatta! davvero sublime, te la copio sicuro

    RispondiElimina
  34. Che meraviglia questa ciabatta Ornella! Complimenti!

    RispondiElimina
  35. Ornella nenache io sono una cima con l'iglese, per fortuna ci sono i traduttori e con un po di intuito si riesce a capirci qualcosa. La tua ciabatta è deliziosa, io e i lievitati facciamo a botte..però li mangio...^__^Un bacio Ale.

    RispondiElimina
  36. mmm che spettacolo di ciabatta... mi viene giusto fame... e non ho più niente in casa perchè tra 2 gg... parto per la Grecia! :) evviva non vedo l'ora :)
    complimenti per l'ottima riuscita :)

    RispondiElimina
  37. Sono a bocca aperta, mai potro` fare una ciabatta cosi perfetta, che invidia!

    RispondiElimina
  38. semplicemente divina la copio al volo e la condivido bacio simmy

    RispondiElimina
  39. Bastava passare da qui per vederla.
    Avevi ragione, è stupenda!
    In questi giorni non riesco ad accorgermi neanche dei nuovi inserimenti fatti dai blogger amici che si evidenziano nelle icone laterali del mio blog, pensa tu!
    Un bacio cara e Ευχαριστώ πολύ

    RispondiElimina
  40. OOOOOHHH!!:) que belleza Ornella!..yo no se si entiendes bien el ingles, pero la elaboracion del pan es perfecta y daria lo que fuera por hacer algo tan bonito amiga!!!!
    Voy a pasar a ver ese blog que mencionas!
    Buona setimana amiga!!! :)

    RispondiElimina
  41. Ad ognuno di voi, GRAZIE!!

    @ Anna...有難うございます a te ;-)

    RispondiElimina
  42. mamma mia che splendore Ornè!!!=D
    complimenti sembra quella del mio panificio preferito a trenno....se non meglio guarda con quelle stupende ed infinite bolle d'aria!!=)))
    bravissima come sempre!!=))
    bacione vale

    RispondiElimina
  43. Ciao Steve, che graditissima sorpresa!! Grazie! innanzi tutto per la splendida ricetta, e poi per il commento! A presto!

    RispondiElimina
  44. Cara Ornella!
    questo pane non è bello ed invitante solamente ma è PERFETTO e mi mette fame, e poi le tue foto sono meravigliose!
    Bacio, barbaraxx

    RispondiElimina
  45. Tesoro, rielggendo il procedimento mi è venuto un dubbio. Perchè capovolgere le ciabatte dopo la lievitazione, c'è un motivo "tecnico"? Non sarebbe più facile lasciarle lievitare sulla placca e infornarle direttamente? Grazie, un bacione

    RispondiElimina
  46. @ Grazie a tutte!

    @ Federica,
    sinceramente non saprei darti spiegazioni tecniche, perché la maggior parte delle ricette per questo pane prevede il capovolgimento prima di infornare. M'informo, perché adesso mi hai incuriosita! Certo che l'ho pensato anch'io: se si infornasse senza capovolgerla quelle belle bolle rimarrebbero tutte! Baci

    RispondiElimina
  47. complimenti infatti la ciabatta è proprio cosi con tutte quelle bolle dentro, bravissima anche per fare vedere il procedimento

    RispondiElimina
  48. Ornella è davvero stupenda immagino come sarà croccante proprio una vera ciabatta complimneti ciao Luisa

    RispondiElimina
  49. ESTASIATA, INCANTATA, ESTEREFATTA, SBIGOTTITA, INSOMMA MI LASCI SENZA PAROLE... Ornella!!! Sei troppo magica coi lievitati tu! Questa ciabatta è un vero incanto!!!! Altro che panettiera sei!! Ma perchè la Gracia è così lontana mannaggia?!! Mmmmmh, quanto mi piacerebbe averti vicina di casa... (poi però ingrasserei di 30 kg!!!!!^____^) Un abbraccio enormissimo! Any

    RispondiElimina
  50. Ornella que hermoso blog y que ricas se ven tus recetas
    besos

    RispondiElimina
  51. Scusate ma qualcuno l'ha provata la ricetta?

    RispondiElimina

Mi piace pensare a questo “giardino” come ad un luogo sereno e spensierato dove pace e armonia regnano sopra ogni cosa...♥
Il vostro pensiero è ben accetto purché non sia offensivo per nessuno.
Tutti i commenti ANONIMI non saranno presi in considerazione.

All ANONYMOUS comments will not be considered.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails