sabato 11 settembre 2010

Mosto, petimèzi e moustalevrià


Moustalevrià

Eccomi qua, ieri mattina sono andata al mercatino della frutta e verdura ed ora posso spiegarvi uno dei tantissimi modi per fare, sia il mosto, che il petimèzi alla ellenikà.
Ho chiesto e letto ma ogni ricetta è diversa! Sempre così, mai che capisca qual'è quella tradizionale se non ho a disposizione quella della suocera. C'è chi usa la cenere della legna per ottenere un mosto più limpido, chi il succo lo adopera appena spremuto, chi lo fa bollire...Come sempre ho fatto di testa mia, ascoltando solamente un piccolo parere della cognata, la quale mi ha consigliato la bollitura.
Per provare ho comprato poca uva rosata, ma mi sono pentita dopo aver assaggiato il moustalevrià preparato con il mosto fatto in casa!
Oggi c'è un altro mercatino.... 
Metto come dosi, grazie al mio geniale esperto la bilancia è ritornata a funzionare perfettamente, il mio esperimento, poi regolatevi voi.

Qualche consiglio: per fare un bel petimèzi scuro preferite l'uva nera, succosa e molto dolce. Invece per il fare il moustalevrià potete usare quella bianca sultanina dolcissima o meglio ancora rosata come faccio io. In ogni caso lavatela e asciugatela molto bene. 
 
 
Per circa 750 gr di mosto:

1,500 kg di uva

Per circa 50 gr di petimèzi:

200 gr di mosto

Lavare l'uva e asciugarla, quindi con le mani schiacciare bene tutti gli acini. Raccogliere il tutto in un canovaccio, (mi raccomando che non sia stato risciacquato con ammorbidente) e strizzare sopra una casseruola per far uscire più succo possibile. Mettere il succo ottenuto a bollire per 8-10 minuti togliendo la schiuma che si formerà in superficie. Ritirare la pentola da sopra il fuoco, versare il mosto in una caraffa e lasciare riposare finché non si deposita.

Mosto lasciato riposare una notte

Per il petimèzi prendere il mosto subito dopo il procedimento sopra, senza lasciarlo riposare, e farlo bollire pian piano finché non si riduce ad un quarto e non sarà diventato denso come uno sciroppo. Semplice, semplice! Ma attenzione non fate come me che per qualche secondo di disattenzione è diventato troppo denso! Vi metto le foto così capirete.

Petimèzi fatto da me, troppo cotto

Petimèzi acquistato, la giusta consistenza

Ora per fare il moustalevrià la ricetta base è composta da 1 a 4, cioè se abbiamo 4 bicchieri di mosto ci servirà un bicchiere di farina.
C'è chi sostituisce con l'amido di mais, chi con il semolino ma il classico lo dice anche la parola composta “moust-”(mosto) “alevrià” (farinata).
Dunque per prima cosa, pian piano e magari filtrandolo di nuovo con un canovaccio, prendere il mostro più in superficie, più limpido e misurare a bicchieri. Fare sciogliere ben bene  la farina con un po' di mosto,  per non creare grumi, poi mettere tutto sul fuoco e, continuando a mescolare, fare bollire per qualche minuto.
Quindi sistemare in un piatto, cospargere di cannella a piacimento, noci tritate e aspettare il completo raffreddamento, anzi da frigorifero è ancora meglio.






32 commenti:

  1. mah...stavolta mi trovi perplessa...
    Credo che non sia di mio gradimento, nche se tu sei sempre bravissima!!!

    RispondiElimina
  2. Mosto, il profumo della mia infanzia.E mi piace anche la seconda prepparazione che io non ho mai assaggiato.

    RispondiElimina
  3. Ornella sei un mitooooooo ^__^ Grazie per queste interessantissime spiegazioni. Ci sono alcuni dolci con il mosto che mi hanno sempre incuriosita ma non sapevo dove trovare la materia prima. Adesso so come fare ;)
    Un bacione, buon week end

    P.S. poi mi spieghi il pesto d'origano? Mi hai incuriosita con la focaccia ^__^

    RispondiElimina
  4. Davvero utile e interessante questo post, mi chiedevo appunto l'altra sera come si potesse fare il mosto!
    Ciao e grazie!

    RispondiElimina
  5. che spettacolo davvero!!!!! non sapevo come farlo il mosto e ora eccolo qui :-) ciao Ely

    RispondiElimina
  6. Mh mi ricorda il profumo di mosto che sentivo e adoravo quando mio padre preparava la sua versione un pò gelatinosa ma buonissima del mosto! Complimentissimi :)))

    RispondiElimina
  7. Ornè che meraviglia,a me non pare proprio troppo denso,,sembra gia così una tentazione unica!!Ornè ho un vago ricordo di un dolce che veniva ripassato più volte in un tipo di mosto,sembravano delle lunghe collane che si mettevano ad asciugare!!Tesò fermami..sto delirando?? Avrò sognato,ma no, l'ho visto in un programma in tv e di solito veniva venduto nelle feste,nei mercatini..insomma una vera leccornia!!Se ho fatto confusione,perdonami ma quando mi parte la memoria..aivoglia a fermarla!!UN bacione greca bellisima!

    RispondiElimina
  8. io son passata a piluccare quel grappolo dorato, invece per il mosto mi hai rinverdito i ricordi d'infanzia visto che mia mamma lo faceva tutti gli anni, ma me lo ricordo di colore scuro e col sapore di chiodi di garofano e cannella. Ciao, buon week end!

    RispondiElimina
  9. Sono daccordo con Damiana,non mi sembra assolutamente troppo cotto o troppo denso, me ne mangerei una bella cucchiaiata!! Sei bravissima, hai dato delle spiegazioni da manuale!
    un bacione grande

    RispondiElimina
  10. ornella sei un mito...ma mi sa che che per me ci vuole troppa pazienza!complimenti cara e buon week

    RispondiElimina
  11. Un dulce muy apetitoso, no lo conocía!! Parece muy rico!!
    Besitso!!

    RispondiElimina
  12. Ciao Ornella, che coincidenza...ho acquistato delle buonissime pesche questa mattina ed ora mi accingo a preparare le mie marmellate. Chi ha avuto modo di assaggiarle le ha trovate ottime
    bacino

    RispondiElimina
  13. Molto interessante questa ricetta. Ma il mosto per quanto si può conservare e soprattutto come?
    Grazie carissima. Ti abbraccio

    RispondiElimina
  14. Tu mi lasci senza parole,prepari cose che io nemmeno immaginavo si potessero preparare...le assaggerei tutte!

    RispondiElimina
  15. Che meraviglia il mosto!! Lo trovo assolutamente divino e sublime deve essere il dolce a base di mosto! Complimenti per lo splendido post! Un abbraccio

    RispondiElimina
  16. Une recette que je ne connais pas du tout. Ca doit être délicieux.
    Bon weekend et à bientôt.

    RispondiElimina
  17. @ Carla,
    forse perché non ti piace il succo d'uva? Ti assicuro che è molto buono! Grazie un abbraccio!

    @ Lilly
    ciao, lieta di conoscerti! Invece io non lo avevo mai assaggiato e l'ho conosciuto qui in Grecia per la prima volta!Ciao a presto grazie!

    @ Federica
    grazie carissima,buon w.e. anche ate, bacione!

    @ Meg, Ely
    mi fa piacere farvi conoscere le cose che sto imparando in questa bellissima terra dove vivo! Ciao grazie!

    @ Lunedì
    ciao, sono felice di conoscerti! Ma tuo padre preparava il moustalevrià? Un bacione e grazie!

    @ Damiana
    carissima! Grazie a te ho saputo di questa cosa!! Mio marito dice che c'era l'usanza di preparare il moustalevrià e di appenderlo ad asciugare. Una tradizione che non saprei se ancora esiste, forse sulle isole oppure in qualche villaggio! Un bacione bella tosa!

    @ Chamki
    io mi ricordo che una signora lo faceva aromatizzato con le spezie dalle mie parti in veneto ma non l'ho mai assaggiato! Ciao grazie e buona domenica

    @ Gabri
    @ Lucy
    @ Caro
    @ Gabe
    vi abbraccio, grazie!

    @ Viola
    mia cognata dice che il mosto se è cotto può rimanere in frigo per mesi. Io finora l'ho fatto e utilizzato subito! Però quello che ci portavano da Kalamata ogni anno resisteva davvero mesi nel frigo. Grazie e un bacione grande

    @ Mimì
    @ Lady Boheme
    @ Nadji
    grazie, grazie di cuore buon w.e

    RispondiElimina
  18. Ornella....non ci posso credere abbiamo fatto tutte e due il mosto cotto nello stesso giorno...io l'ho postato adesso, incredibile...adesso è tardi ma domani vorrei fare un dolce per provarlo, sai ancora faccio le cose con qualche scatolone in mezzo....un abbraccio....

    RispondiElimina
  19. Buongiorno cara,hai postato una ricette bellissima.Io il mosto non l'ho mai fatto,ma se avrò l'uva giusta per come hai detto tu,proverò a farlo senz'altro.Bravissima.
    Un bacio da Raffa
    I loukoumades qui sotto sono fantastici
    Buona domenica da Raffa

    RispondiElimina
  20. Mille complimenti in un solo post ho imparato tante cose! ho già fatto anche qualche altra ricerca su google a riguardo. Grazie per aver condiviso con noi tutto ciò!!!
    Buona Domenica
    Terry

    RispondiElimina
  21. Ciao Ornella, piacere di conoscerti... davvero molto utile il tuo post! Complimenti anche per il blog! Un abbraccio

    RispondiElimina
  22. tesoro il mosto fatto in casa ma sei un portento!!!mi hai talmento conquistata che se trovo l'uva giusta la provo al tua ricettta....c'è sempre da imparare e questo è il bello del mondo dei foodblogger!!baci imma

    RispondiElimina
  23. Ornella, gracias por tus apoyos y palabras maravillosas!, es genial concerte!!!!
    Besos!

    RispondiElimina
  24. Sono rimasta affascinata cara Ornella da questa inedita ricettina! Wow il mosto casalingo, veramente super!!!!

    RispondiElimina
  25. la trovo una bella idea per un dessert utilizzare anche lo zucchero dell'uva senza aggiungerlo mi piace

    RispondiElimina
  26. je découvre une délicieuse recette
    remplie de bonnes saveurs
    bonne soirée

    RispondiElimina
  27. Eh già lo preparava il mio papà e io lo adoravo!! Sono anni che non ne mangio quasi quasi... :)))

    RispondiElimina
  28. @ Tamtam
    questo mi fa piacere perché conoscere anche altri procedimenti è bellissimo! Un abbraccio (trasloco finito?) e buon inizio settimana

    @ Raffaella
    ti ringrazio cara, vedrai che è facilissimo da fare in casa! Un bacione e buon inizio settimana

    @ Terry982
    @ Kiarina77
    ciao, sono felice di conoscervi e vi ringrazio tanto! A presto buona settimana

    @ Imma
    grazie cara, hai proprio ragione questo è un mondo ricchissimo di idee tutto da scoprire! Un bacione e buna settimana

    @ Juana
    @ Speedy
    grazie di cuore, vi auguro un bellissimo inizio settimana! Bacio

    @ Carmine
    ciao, lieta di conoscerti! E' proprio questa particolarità che rende questo dolce così amato nella mia famiglia! Buona settimana grazie!

    @ Fimère
    grazie cara, buon inizio settimana!

    @ Lunedì
    se provi vedrai che è di una semplicità; facilissimo! Con un gusto però che conquista! Un bacione e buona settimana

    RispondiElimina
  29. Bastava legger qui :) eh!!!
    ora so!:)
    grazie...sempre ricettine mooolto interessanti!

    RispondiElimina
  30. Grazie per la risposta al post precedente... ed ecco qui il procedimento. Ma dimmi... c'è una cosa che tu non sappia fare?? Naaaaaaaa!!
    (sai che mica me lo tongo dalla testa il tuo lavorone per il contest di Sorelle in Pentola... è fantastico!)

    RispondiElimina
  31. Ci lasci ogni volta delle ricette davvero molto interessanti... sarei curiosa di assaggiarla :Q

    RispondiElimina
  32. e molto affascinante da noi si chiama "mostillo" e è abbastanza simile....io non l'ho assaggiato mai, mà so che si fa e si manggia ancora nei paesi dove si coltiva il vino

    RispondiElimina

Mi piace pensare a questo “giardino” come ad un luogo sereno e spensierato dove pace e armonia regnano sopra ogni cosa...♥
Il vostro pensiero è ben accetto purché non sia offensivo per nessuno.
Tutti i commenti ANONIMI non saranno presi in considerazione.

All ANONYMOUS comments will not be considered.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails