giovedì 8 luglio 2010

Un po' di Venezia e zaleti





Scommetto che nessuno di voi conosce questa città ;-)
Beh, in un certo senso nemmeno io bene, perché ogni volta che ci vado scopro sempre angolini sconosciuti, nascosti, magari lontani da Piazza San Marco!
L'ultima visita a questa bellissima città è stata in maggio di quest'anno. In venti giorni che sono rimasta in Italia, diciotto ha piovuto e due, uno il giorno della gita a Venezia e l'altro il ritorno a casa, il sole splendeva. Ed è per questo che abbiamo trovato, oltre un po' d'acqua alta, una Venezia che aveva steso tutti i panni che aveva in casa fuori ad asciugare..e noi abbiamo fotografato! Ad un certo punto ho guardato Laura (mia figlioccia) intenta, con il suo "giovane" obbiettivo, a cogliere ogni sfumatura di calle, palazzi...e le ho detto: "Beh possiamo anche andare ora abbiamo fotografato tutti i calzini dei veneziani!!". Ma era troppo fantasmagorica la scena, non abbiamo potuto resistere!








E per restare in tema mi sono cimentata con i "zaleti" , dolci tipici veneziani...e per la gondola ....non tutte le ciambelle riescono col buco!


Ingredienti per 20 circa

120 gr di farina 00
100 gr di farina gialla di mais
20 gr di maizena
100 gr di burro
100 gr di zucchero
1 uovo intero + 1 tuorlo
80 gr di uvetta
la scorza grattugiata di un limone bio
un pizzico di sale


Mettere a bagno l'uvetta nell'acqua tiepida oppure se preferite con del rum. Setacciare le farine, mescolare assieme lo zucchero. Aggiungere il burro a pezzettoni e con le mani impastarlo velocemente creando delle briciole. Unire le uova, l'uvetta strizzata, il sale e la raspatura di limone. L'impasto risulterà abbastanza morbido. Fare 3-4 palline e metterle in frigo coperte per una mezz'oretta. Quindi togliere dal frigo una pallina alla volta e modellarle tipo foglia allungata. Mettere sopra carta antiaderente ed infornare a forno già caldo a 180°per 30-35 minuti, non devono prendere molto colore.










26 commenti:

  1. Ah ah oggi ci diamo tutte alle foto!!... e che buoni devono essere questi biscottini!! ho tutti gli ingredienti mi manca la maizena con cosa si può sostituire?
    ciao ciao buona serata!!

    RispondiElimina
  2. Bellissimo il tuo blog..ci sono approdata x caso e sono estasiata...soprattutto dalla cucina greca che adoroooooo!!!!L'anno scorso a Santorini ho avuto la tua stessa fortuna meteorologica:su 7 giorni di vacanza 2 mezze giornate di cole:che c...fortunaaaaaaaa!!!!Ti metto nei preferiti,mi piaci!!!!Jennifer

    RispondiElimina
  3. @ Gabri
    hai visto oggi si viaggia!! Ho visto tante ricette anche senza maizena, a me piace metterla, puoi sostituire con fecola o frumina. Grazie un abbraccio

    @ Jennifer
    lieta di conoscerti! A me è capitata una sfortuna ma è prevedibile la pioggia al nord Italia..a Santorini però è proprio jella nera!!Ti ringrazio della visita a presto!

    RispondiElimina
  4. Venezia è davvero una città affascinante. Ci sono stata solo una volta, un bel po' di tempo fa, ma ci tornerei molto volentieri. Bellissime le foto, soprattutto quelle fiel di panni stese da un palazzo all'altro sono parecchio scenografiche :))
    Mi segno la ricetta di questi biscotti, mi piacciono troppo (adoro la farina di mais). Un bacione cara a presto

    RispondiElimina
  5. bellissime foto, sopratutto quella con i panni stesi!
    ale

    RispondiElimina
  6. Tesoro...quello è il palazzo dei Dogi...se non sbaglio......amo Venezia...la città dell'amore, degli incontri clandestini, della pioggia, dell'umidità, del caldo, però con mio marito non ci sono stata!!!! un abbraccio....

    RispondiElimina
  7. Ornella sono sempre io...come hai fatto a mettere le foto delle ricette dei blog che segui? mi piacerebbe farlo anche a me...se non è troppo complicato... ciao...

    RispondiElimina
  8. ...gia',me l'hanno detto tutti...grrrr!Quest'anno,99% tocca Mykonos...speriamo bene ;-)

    RispondiElimina
  9. @ Federica
    grazie! Io per quanto riguarda Venezia ero fortunata perché da dove sono nata dista un'ottantina di km, perciò ci andavo spesso. Tanto che è diventata un'abitudine e ogni volta che ritorno in Italia devo farci una capatina!Un bacione e buon fine settimana!

    @ Ale
    ti ringrazio! Ho una collezione di panni stesi veneziani...come sempre esagero con il clic! Ma hai visto quei bambini stranieri dove giocavano? Ciao buon w.e.

    @ Tam
    ciao cara, Venezia è bellissima ed è vero è considerata città dell'amore, ma
    c'è troppa gente, troppa ressa...
    Bacioni.
    Ti mando una mail per le foto

    @ Jennifer
    beh se quest'anno toccherà a Mykonos, ce ne saranno parecchi di jellati perché qui in televisione dicono che è una delle poche isole che ha fatto il pienone di prenotazioni! Ciao!

    RispondiElimina
  10. Che carina la presentazione nella barchetta di carta!E che delizia questi biscottini che conosco bene!Adoro Venezia..è una città davvero magica!I canali, le persone, i turisti stessi (anch'io però preferisco avventurarmi in nuovi angolini ben lontana dalla massa).Un bacione ornella e buon week end

    RispondiElimina
  11. Urcaaaa!!!Grazie x avermi avvisato...proporro' un'altra delle isole del circondario...a me troppa ressa non piace(si,lo so che Mykonos non e' un'isola x eremiti ;-D)!!!!PS:io sto a 20km da Venezia...ma mi sa che l'hai vista piu' tu di me!!!!!

    RispondiElimina
  12. Foto stupende e ricetta golosa.
    La faccio e, penso di proporla anche in una lezione di cucina regionale che faccio una volta al mese ^-^!
    Grazie!

    RispondiElimina
  13. Che buoni i biscotti,io farei sempre biscotti,un po' perchè mi piacciono e un po' per l'odore di buono che mandano per casa mentre li cuoci.E che buffe le foto di una Venezia stranamente simile a Napoli con tutti quei panni messi a stendere.Un bacio e buona giornata.

    RispondiElimina
  14. @ Meggy
    grazie...cercavo il modo di fare una "gondoeta"invece mi è venuta una barchetta!! Bacione anche a te e buon fine settimana..spero per voi senza traslochi ;-)

    @ Jennifer
    Mykonos, il capoluogo dell'omonima isola è un posto per divertirsi senza sosta da mattina a sera. Io ci sono andata in crociera, in aprile di due anni fa ed era già strapieno! Comunque può essere che per tv dicano così per invogliare la gente ad andare anche su altre isole...la crisi si sente molto qui. Comunque l'isola è grande e ci sono altre spiagge certamente meno affollate! Jennifer hai un blog?

    @ Anna
    grazie a te! Se le cose sono belle è così facile fotografarle! Mi fa piacere che ti piacciano i zaleti! Ci sono migliaia di ricette..ma ognuno la perfeziona a proprio gusto e a memoria di nonne..ed è questo il bello delle ricette regionali! Un abbraccio e buon fine settimana!
    P.S.Ieri ho fatto le friselle di nuovo e questa volta le ho contate!!

    RispondiElimina
  15. Ah Mimì come vorrei fotografare i panni di Napoli un giorno! Della tua città ho solamente foto dall'alto con il Vesuvio che ho scattato in aereo. Comunque mia mamma con i suoi proverbi ha sempre ragione: "tutto il mondo è paese!"
    Bacioni biscottosi!

    P.S. Mi sono fatta un google-map-tour di Pennadomo: è fantastico, bellissimo....

    RispondiElimina
  16. le foto sono fanatstiche e se tu dici che i biscottini non sono riusciti perfetti non ci credo e poi mi fa impazzire la presentazione nella barchetta di carta!!buon week

    RispondiElimina
  17. Grazie cara Lucy, ogni tanto la fantasia mi assiste!! Buon w.e. anche a te!

    RispondiElimina
  18. UUUU che buoni i biscotti di farina gialla! Li ho fatti anche io i zaleti, ma li ho chiamati rustichelli. Qui in Piemonte abbiamo le paste di meliga, ma fatte con la farina gialla fine, il fumetto. A me la consistenza rossolana non dispiace affatto!

    RispondiElimina
  19. de superbes photos, merci pour ce partage
    ps: j'ai des prix pour toi sur mon blog
    bonne journée

    RispondiElimina
  20. @ parentesiculinaria
    a me piace molto la consistenza grossolana del mais...al nord Italia la farina per la polenta la sappiamo sfruttare al meglio vero? Un abbraccio

    @ Fimère
    carissima ti ringrazio di cuore anche per il premio! Buon w.e

    RispondiElimina
  21. Ciao!Eh no,niente blog...non ho nemmeno il tempo x respirare,non riuscirei a seguirlo come dio comanda!!!!!

    RispondiElimina
  22. Ciao Jennifer te lo chiedevo per seguirti ma ci teniamo in contatto lo stesso, vero? Quanto caldo fa da quelle parti in questi giorni? Buon inizio settimana!

    RispondiElimina
  23. Da morireeeeee...ed io che,da brava veneta,lavoro il vetro(perle veneziane),ne soffro ancor di piu' lavorando col fuoco....!certoche ci teniamo in contatto...!Sbircero' il tuo blog spessissimo,mi piace molto!Ah,pare che ora l'interesse x le ferie si sia spostato su Rodi....che ne pensi?Casomai dimmi dove ti posso scrivere se questo non e' il posto adatto!

    RispondiElimina
  24. Ciao Jennifer...mamma mia certo che avrai caldo!! Proprio ieri sera mio marito leggeva qualcosa di Rodi ma non l'ho seguito... Io ci sono andata ma ho visto solo il capoluogo. Mi è piaciuta molto la città vecchia ma quanto a spiagge non saprei dirti lo chiederò stasera al mio greco..Questa è la mia e-mail scrivi pure quando vuoi mi farà piacere!
    oriettaeornella@gmail.com

    RispondiElimina
  25. Adoro Venezia...e questa ricetta mi piace moltissimo!

    A presto!
    Ely

    RispondiElimina
  26. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina

Mi piace pensare a questo “giardino” come ad un luogo sereno e spensierato dove pace e armonia regnano sopra ogni cosa...♥
Il vostro pensiero è ben accetto purché non sia offensivo per nessuno.
Tutti i commenti ANONIMI non saranno presi in considerazione.

All ANONYMOUS comments will not be considered.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails