domenica 21 marzo 2010

Moussaka


Sono certa che questo piatto non necessita di presentazione, dato che è forse uno dei simboli più conosciuti nel mondo per quanto riguarda la cucina greca, assieme alla feta, all'ouzo...



 
Ingredienti:

600 gr di carne macinata di agnello (o 400 manzo e 200 maiale)
3 patate medie
2 melanzane
1 cipolla e 1 spicchio d'aglio
3-4 pomodori freschi maturi o 250 gr di passata di pomodoro
1 stecca di cannella
1 foglia di alloro
½ bicchiere di vino (bianco se agnello, rosso se manzo e maiale)
sale e pepe
un po' di prezzemolo
un po' di origano fresco o secco
¾ di una tazza da the di olio extravergine di oliva
  
per la besciamella:

80 gr di burro
100 gr di farina
1 litro di latte
sale
noce moscata grattugiata

Il giorno prima di preparare il moussaka, metto le patate, lavate bene e con la buccia, in acqua fredda salata e faccio bollire fino a cottura. Le tolgo dall'acqua e le lascio così fino al giorno dopo.
Tutto ciò per tagliarle a fette quasi perfette, cosa che sarebbe impossibile da calde.
Innanzi tutto premetto che cerco di preparare questa, ma in genere ogni pietanza, usando il minimo indispensabile sia di olio che di burro e preferisco non friggere per non ritrovarmi con due dita di unto nella terrina dopo la cottura.
Questo vale soprattutto per le melanzane che taglio dello spessore di circa ½ cm e quindi non friggo ma cucino alla piastra o al forno, come preferite, ma senza olio.
Non le metto nemmeno sotto sale per far perdere il liquido amarognolo perché a me piacciono così, con il loro sapore naturale piccantino. L'importante è che siano ben cotte e asciutte.
Andiamo con la preparazione del moussaka.
Tritiamo la cipolla e uno spicchio d'aglio e rosoliamo nell'olio caldo (tenendone da parte un po' per ungere la teglia e per condire le melanzane), aggiungiamo la carne tritata e facciamo rosolare anche questa per bene. Bagniamo con il vino e lasciamo evaporare. Insaporiamo con il sale, il pepe, l'alloro e la stecca di cannella, quindi i pomodori freschi, senza la buccia, tritati o la passata di pomodoro. Aggiungiamo acqua calda quanto basta ( se si asciuga troppo durante la cottura aggiungere ancora liquido) e lasciamo cuocere il ragù per circa un'ora e mezza a fuoco basso finché non sarà ben asciutto.
Ungiamo con un poco d'olio una pirofila da forno, per primo mettiamo uno strato di patate tagliate a fettine, cospargiamo di origano fresco tritato, sale e pepe.
Poi facciamo uno strato di melanzane e sopra il prezzemolo tritato. Condiamo con un filo d'olio.
Quindi mettiamo il ragù di carne, una manciata di parmigiano e per ultimo strato la besciamella.
Per fare la besciamella io metto nella casseruola sul fuoco il burro a sciogliere, poi aggiungo la farina e mescolo sempre con la frusta. Verso il latte un po' alla volta ma non ne aggiungo altro se prima il composto non è privo di grumi e ben amalgamato. Quando ho aggiunto tutto il latte e comincia a bollire metto sale, pepe ed un po' di noce moscata grattugiata.
Inforno a 200° finché non fa la crosticina ben dorata sopra.

7 commenti:

  1. Ricordo che quando sono stata ad Atene in viaggio d'istruzione (o forse meglio distruzione...)ai tempi del liceo ho fatto certe scorpacciate di moussaka... Fu amore a primo assaggio!
    Mi cimenterò sicuramente e proverò la tua ricetta quanto prima!
    Ciao ciao e apresto
    Meg

    RispondiElimina
  2. Ciao Meg grazie! Se vuoi prepararlo nel modo classico devi friggere le melanzane, il mio è diciamo light! Sono venuta un paio di volte nel tuo blog ma, da perfetta principiante super impedita, non sono riuscita a capire come devo fare per essere un tuo sostenitore! A presto!

    RispondiElimina
  3. Ciao Ornella!
    Sig sob... nel mio blog ci sarebbe sulla barra laterale un pulsante "Segui" ma è una mezza ciofeca e da super impedita quale sono non son riuscita a fare di meglio!!
    Spero nel provvidenziale aiuto di qualcuno più bravo di me nell'usare wordpress e codici html... =)
    Buon fine settimana e a presto!
    Meg

    RispondiElimina
  4. Ciao Meg...purtroppo io ne so meno di te! Comunque io ti ho già aggiunto ai blog che seguo così ricevo i tuoi post! Un bellissimo fine settimana anche a te! A presto

    RispondiElimina
  5. Eccola qua! la carne di agnello quella si che da il tocco in più, ma qua, quando mi sono offerta volontaria di prepararla per suoceri e cognato è stata bocciata alla grande... invece a me sarebbe piaciuta un sacco! e la cannella... è vero nella mussaka mangiata in Grecia c'era sempre un sentore di cannella!
    E anche te fai la classica versione della besciamella, non come quella che ho trovato sul libro di cucina graca con olio e uovo...
    Ma questo piatto crea dipendenza anche a te?
    Ciao!
    Silvia

    RispondiElimina
  6. Cara Silvia io la carne di agnello proprio non riesco a mangiarla..nel moussaka (l'ho sempre chiamato al maschile, ma vedo che in google è femminile, boh) uso la besciamella normale. Ma sia suocera che cognata la preparano con l'uovo. Io cerco di cucinare un po' più leggero!La cannella la metto dappertutto oramai.. tanto che quando qualcuno entra a casa mia dice che c'è profumo di Grecia...E se mi crea dipendenza? lo preparo solo per me, dato che ho un agapi che non mangia molta verdura poi le melanzane non le sopporta,e poi metto le porzioni in congelatore! Ciao carissima

    RispondiElimina
  7. adoro la mussaka! .. quando vado in grecia la mangio sempre anche se non potrei visto che contiene lattosio! ...
    ho provato a rifarla a casa ma non è riuscita come speravo.. proverò a rifarla con la tua ricetta.

    RispondiElimina

Mi piace pensare a questo “giardino” come ad un luogo sereno e spensierato dove pace e armonia regnano sopra ogni cosa...♥
Il vostro pensiero è ben accetto purché non sia offensivo per nessuno.
Tutti i commenti ANONIMI non saranno presi in considerazione.

All ANONYMOUS comments will not be considered.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails