mercoledì 13 luglio 2016

Lomper

Preparare le lomper, tipica ricetta norvegese, non è facile..
L'impasto, simile a quello per gli gnocchi, non è semplice da stendere col matterello e trasferirlo dalla spianatoia alla padella! Durante il "tragitto" si rompe facilmente. La prima sfoglia di 12, è stata un disastro..la seconda è andata meglio poi ho iniziato a sollevarle dal piano lavoro con un coltello lungo e largo ed adagiarle nella padella per cuocerle. Ma sempre con accortezza e senza fretta assolutamente!
Comunque sia, vale la pena farle. Qui in Norvegia, questo tipico pane morbido, viene accompagnato ai wurstel, chiamati, pølser. Ottimo connubio, ma io ho preferito abbinare a degli hamburger di merluzzo.
Ingredienti per 12 pezzi
  • 1kg di patate pesate con la buccia
  • 60 g di farina 0
  • 50 g di farina di segale
  • 1 cucchiaino da the di sale
  • farina per la spianatoia
Mettere  le patate con la buccia, dopo averle lavate, in una casseruola. Coprirle con acqua fredda, far bollire a fuoco medio fino a cottura. 
Togliere la buccia, passarle nello schiacciapatate, mescolarle al sale. Unire le farine ed impastare per qualche minuto. Si può aggiungere ancora un po' di farina ma più se ne mette, più le lomper diventeranno dure. Come accennavo all'inizio il composto è simile all'impasto per fare gli gnocchi.

Con le mani fare 12 palline di circa 72-75 grammi. Con l'aiuto della farina, stendere col matterello delle sfoglie sottili. Io, a dire la verità, mi sono trovata bene a tirarle con le mani. Scaldare una padella antiaderente e cuocere le lomper prima da una parte, girare, e cuocere dall'altra parte. Mettere le lomper una sopra l'altra e coprire con un canovaccio.
Per 10 hamburger di merluzzo:
  • 400 g di merluzzo
  • 1 uovo
  • 2 fette di pane in cassetta
  • 1 patata lessata
  • mezza cipolla
  • prezzemolo e rosmarino
  • sale e pepe
Nel tritatutto ho messo il merluzzo, tagliato a tocchetti, la patata schiacciata (si può omettere la patata, dato che ce ne sono molte nelle lomper, ed aumentare il pane grattugiato) e il pane. Ho frullato grossolanamente  per pochi secondi  poi versato il composto in una terrina. Ho aggiunto la cipolla tritata, l'uovo, le aromatiche, sempre tritate, sale e pepe. Ho fatto 10 hamburger e li ho cotti in una padella con un po' di olio.
Ho accompagnato lomper e hamburger con insalata fresca, appena raccolta nell'orto e una birra ghiacciata :-)
 Arrotolate e gustate!

domenica 10 luglio 2016

Quanti modi di fare e rifare Scarpazzoun alla reggiana

Siamo arrivate all'ultima ricetta del menù della Cuochina, prima delle ferie estive!! Ma ritorneremo a spignattare in settembre, arzille e pimpanti, pronte per la seconda parte del menù 2016!
è oggi dalla brava Daniela, alias Nonna Dani, del blog Ristorante dai nonni, per preparare insieme un classico della cucina reggiana: Scarpazzoun, ovvero erbazzone alla reggiana! Chiedo venia a Daniela e ai reggiani, ma io l'ho preparato alla "Ornellana"..cioè con verdure gradite al consorte, dato che lui,  di spinaci e bietole, non ne vuole proprio sapere! 
Ecco la mia personale versione:

Ingredienti
per la pasta:
  • 300 g di farina 0
  • una noce di strutto
  • olio extravergine di oliva
  • acqua q.b.
  • sale
Per il ripieno
  • 1 porro
  • 4 cipollotti freschi
  • aglio
  • 3 carote
  • 450 g circa di zucchine
  • 2 cucchiai di pane grattugiato
  • 1 uovo
  • abbondante parmigiano
  • prezzemolo, timo limone

Per la pasta:
Impastare la farina con la noce di strutto, due cucchiai di olio, il sale e l'acqua fino ad ottenere una pasta morbida ed elastica. Lasciare riposare per circa 2 ore.
Mentre la pasta riposa, preparare il ripieno.
Soffriggere, con qualche cucchiaio di olio in una padella, i porri ed i cipollotti tagliati a rondelle fini e l'aglio tritato. Aggiungere il resto delle verdure, grattugiate dal lato della grattugia che trita grosso. Lasciare insaporire bene alcuni minuti.
Togliere dal fuoco e aggiungere il pane grattugiato. Una volta freddo il ripieno, aggiungere l'uovo, il parmigiano, le erbe aromatiche tritate, sale e pepe. Riprendere la pasta, dividerla in due parti e con il mattarello fare due dischi.
Foderare uno stampo rotondo con il primo disco di pasta, bucherellare il fondo con una forchetta. Versare il composto, livellarlo e ricoprire con l'altro disco di pasta. Sigillare i due dischi insieme, bucherellare, sempre con una forchetta, spennellare con un po' di olio e cuocere in forno preriscaldato a 220C° per 40 minuti circa.

Ottimo veramente, come dice Daniela sia caldo che freddo! Grazie cara per la ricetta e l'ospitalità!

 
Ricordo ancora che per il mese di agosto saremo in vacanza, ritorneremo in settembre e precisamente il giorno 11, sempre alle ore 9:00, per fare tutti insieme lo Stoccafisso in buridda, ricetta di Carla Emilia, del blog Un'arbarella di basilico.
Vi aspettiamo numerosi!!! Nel frattempo auguriamo a tutti, stupende, rilassanti, gioiose...
Nel blog di "Quanti modi di fare e rifare" e nella pagina di Facebook della Cuochina si possono visualizzare tutte le versioni proposte oggi e tanto altro! QUI per il menù 2016!

QUI 
per scaricare la prima e seconda parte del pdf 2015
per scaricare la prima e la seconda parte del pdf 2014
per scaricare la prima e la seconda parte del pdf 2013
la prima e seconda parte del pdf anno 2012
ed il pdf intero delle ricette anno 2011





LinkWithin

Related Posts with Thumbnails