domenica 10 marzo 2013

A spasso...il lago Øyeren
















Nell'attesa che la sottoscritta riprenda ad essere operativa in cucina, con il forno che non bruci immancabilmente ogni cosa che c'infila dentro..con qualche attrezzo in più di un paio di pentole e un pentolino per fare il caffè..e, fattore importanissimo, a comprare i prodotti giusti non farina di orzo al posto di quella bianca..
E potrei continuare ancora per molto, parlando delle difficoltà burocratiche per esempio..ma meglio,  almeno alla domenica, uscire e andare a spasso :-)
A parte il freddo che, come si dice dalle mie parti, "ti pela le recie" cioè che ti pela le orecchie, ma il paesaggio è da favola..Siamo partiti da casa vestiti abbastanza pesante ma arrivati al lago dopo essere scesi dall'auto e aver fatto pochi metri ci pareva di essere in maniche corte; un gelo penetrante che nemmeno 10 maglioni avrebbero potuto riscaldarci! Avevo il viso che mi bruciava da matti, le mani per tentare di scattare le foto sono diventate in un secondo dei ghiaccioli. La macchina fotografica in un battibaleno ha iniziato a lampeggiare segnalando la batteria scarica, sebbene l'avessi appena caricata!!
Ma la cosa più sorprendente è stata quella di scoprire che c'erano gruppi di famiglie che facevano picnic sulla "spiaggia" a -8° C e poi si divertivano a sciare, a correre sopra i metri di ghiaccio del lago..Io non ho avuto il coraggio di camminarci sopra ma nemmeno di rimanere oltre i 10 minuti. Ma come faceva quel temerario pescatore a restare fermo, seduto nel bel mezzo dello specchio di ghiaccio?
Un incredibile mistero per noi.
Buon inizio settimana a tutti!




LinkWithin

Related Posts with Thumbnails