venerdì 11 maggio 2012

Cappidduzzi o cassatelle...


E' da tantissimo tempo che volevo provare a fare questi squisiti dolcetti che dalle parti di Marsala vengono chiamati cappidduzzi e cassatelle nel trapanese.
Ne esistono tante varianti ma personalmente non le conosco, né le ho mai assaggiate.
La ricetta l'ho presa da: Ricette di Sicilia modificandola soprattutto per la quantità.
Fra parentesi ed in rosso le mie varazioni

Crema di ricotta
  • 1 kg ricotta di pecora (250 g)
  • 700 grammi di zucchero (140 g ma per gusto nostro ne bastavano anche meno di 100 g)
  • 100 di cioccolato fondente a gocce ( 25 g cioccolato fondente tritato grossolanamente)
  • 100 grammi di capello d’angelo (omesso)
  • la buccia grattugiata di un limone (mezza)
Per la pasta
  • 1 kg farina di grano duro (250 g di farina di grano duro)
  • 150 grammi di strutto (38 g di burro)
  • 100 grammi di zucchero (25 g di zucchero)
  • 2 tuorli d’uovo (1 tuorlo)
  • 2 bicchiere di vino bianco (½ bicchiere di Marsala secco)
  • Olio di arachidi per friggere

Per guarnire
  • Zucchero a velo q.b.
  • Cannella in polvere q.b.



Procedimento
Setacciare la ricotta e amalgamarla allo zucchero, aggiungere il cioccolato, la buccia di limone grattugiata, mescolare, coprire con la pellicola e mettere in frigo. L'ho preparata alla sera per il mattino seguente.
Per la pasta ho unito il burro alla farina e ho sfregato con le mani finché non si è incorporato. Come si fa per l'apple pie per intenderci. Poi ho inserito tutto nella planetaria e fatto impastare finché non è diventato bello liscio, ma compatto. Quindi l'ho coperto con la pellicola e messo in frigo a riposare per un'oretta. Trascorso questo tempo ho tirato con il matterello una sfoglia medio-sottile. Con un coppapasta di circa 10-11 cm di diametro ho tagliato dei dischetti. Al centro di ognuno ho posto la crema, ho passato dell'albume i bordi e sigillato pressando bene con le dita. Ho fritto in olio caldo ma non bollente perché altrimenti diventerebbero scuri immediatamente (i primi mi sono venuti quasi carbonizzati!) fino a doratura. Ho messo a sgocciolare su carta da cucina, spolverizzato di zucchero a velo e cannella



partecipo al contest di Batù "dal Piemonte alla Sicilia " per la regione Sicilia

mercoledì 9 maggio 2012

Panini con riso


Parecchio tempo fa, nel primo pomeriggio di un giorno nuvoloso e freddino, me ne stavo seduta davanti ad una tazza di riso avanzata, non ridete che vi vedo...spremendo le meningi per trovare un modo originale per riciclarlo. 
A me il riso piace tantissimo e poi non si butta mai nulla, soprattutto di questi tempi.
Nel contempo pensavo anche che avrei dovuto impastare il pane, avevo appunto rinfrescato il licoli.
Non lo immaginate dov'è andata a finire quella fortunata tazza di riso?


Ingredienti per 8 piccoli panini
  • 140 g di riso cotto **
  • 90 g di licoli rinfrescato almeno 3 volte
  • 220 g di farina (ho usato al 11,8 % di proteine adatta per il pane)
  • 55 g di latte intero
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 2 cucchiaini piccoli da caffè scarsi di sale
**La prima fornata è stata impastata ad occhio come vi raccontavo all'inizio, mentre la seconda ho cotto il riso appositamente (55 g di riso lasciato (stra)cuocere in acqua non salata per circa 30 minuti, scolato e pesato: 140 g)

Col minipimer ho frullato il riso tiepido, vi ho aggiunto il latte e poi il licoli. Ho mescolato con una frusta ed inserito il tutto nella ciotola della planetaria. Ho versato la farina setacciata ed avviato la macchina. Quando l'impasto, che rimarrà morbido ed appiccicoso, ha iniziato ad essere ben amalgamato ho aggiunto il sale e l'olio e ho lasciato impastare, girandolo sottosopra un paio di volte aiutandomi con una spatola, finché non si è staccato dalla ciotola ed avvolto al gancio.
Dopodiché con le mani ben unte di olio l'ho trasferito in una terrina che ho coperto con la carta da forno e il tutto inserito in un sacchetto di plastica per alimenti. Dopo un'ora già iniziava a lievitare e dopo circa due ore l'ho messo in frigorifero tutta la notte. Il mattino seguente l'ho lasciato un paio sempre un paio d'ore a temperatura ambiente poi con le mani, questa volta infarinate, l'ho trasferito sul piano da lavoro, anch'esso infarinato. L'ho piegato per due volte e tagliato in 8 pezzi. Ho modellato con le mani delle palline rotonde che poi ho allungato e lasciato coperte a lievitare per un'ora-un'ora e mezza. Prima di infornare a 200° per 25 minuti circa, ho praticato con una lametta unta d'olio un taglio abbastanza profondo centrale e un taglietto ai lati.
E' molto buono, morbido dentro e croccante fuori!







domenica 6 maggio 2012

Quanti modi di fare e rifare: Ravioli di pere con speck e aceto balsamico


Siamo arrivati a maggio il mese delle rose...già si sente il profumo dell'estate!
Ma per "Quanti modi difare e rifare" ancora non è tempo di pensare alle vacanze, sta programmando tante cose; le prossime ricette scelte con le cucine amiche, novità... ma cosa più importante, si è reso indipendente!

Siamo felicissime di annunciarvi che è nato il nostro nuovo blog: Quanti modi di fare e rifare! Da questo momento le foto delle vostre/nostre squisite preparazioni verranno inserite tutte lì e non più nei blog miei e di Anna come abbiamo fatto precedentemente.
Quando Anna all'inizio mi parlò dell'idea di fare una ricetta ogni mese, ho detto subito di sì, mi piace e mi esalta sempre di più far parte di questo progetto. L'entusiasmo non è mai venuto meno verso l'iniziativa le nostre cucine aperte significano unione, complicità, divertimento, allegria e tanto altro.
Una piccola magia che si rinnova ogni 6 del mese..grazie anche a tutte voi!


Beh passiamo senz'altro alla ricetta!
Le nostre cucine aperte oggi sono ospiti della cara Elena del blog "Zibaldone culinario" per preparare tutti assieme i suoi squisiti "Ravioli alle pere con ricotta speck e aceto balsamico".

Fra parentesi ed in rosso le mi variazioni per 2 persone:

Pasta all'uovo
  • 250 g di farina (125 g di semola di grano duro)
  • 2 uova (1 uovo)
  • 1 cucchiaino di olio evo
  • sale
  • un goccio di acqua
Ripieno:
  • 3 per william non troppo mature ( 1 pera Abate Fetel)
  • 200 g di ricotta (80 g di antothiro** e 20 di feta)
  • 50 g di grana padano grattugiato (25 g)
  • 1 uovo (mezzo uovo)
  • sale pepe
Condimento:
  • 5-6 fette di speck (3 fette)
  • un cucchiaio di olio
  • 30 g di burro (circa 15 g, ho fatto un po' ad occhio)
  • aceto balsamico tradizionale ***
  • erba cipollina
  • Parmigiano Reggiano grattugiato (grana Padano)
** Anthotiro è una specie di ricotta

*** Non ho trovato l'aceto balsamico tradizionale per cui ho messo sul fuoco, in una piccola casseruola, circa ¾ di una tazzina di caffè di aceto balsamico normale..un cucchiaino di miele ed un pezzettino di stecca di vaniglia e continuando a mescolare l'ho fatto ridurre per meno della metà.

Ho inserito la farina nella ciotola della planetaria, vi ho fatto un buco al centro ed aggiunto l'uovo, un cucchiaino di olio, un pizzico di sale e un po' d'acqua. Ho impastato a lungo e ho avvolto nella pellicola e l'ho fatto riposare in frigo per 30 minuti.
Nel frattempo ho preparato il ripieno. Ho sbucciato la pera e tritata con la grattugia nella parte per tritare più grossolanamente, l'ho unita ai formaggi con l'uovo e aggiustato di sale
e pepe. Ho tirato le sfoglie con la macchina fino al numero 5 e poi ho tagliato dei cerchi che ho farcito con il ripieno inserendoli nell'apposito attrezzo.
Ho scaldato l'olio in una padella antiaderente e fatto rosolare le fette di speck velocemente da entrambi i lati. Poi le ho tagliate a striscioline sottili.
Ho fatto cuocere i ravioli in acqua bollente salata,scolati condito con burro fuso, speck, il formaggio grattugiato e l'erba cipollina tagliuzzata con la forbice. Ho decorato con la riduzione di aceto.

----------------------------------------------------------------------------------------------------
E dove ci porterà la nostra passione culinaria il prossimo 6 di giugno? Tutti da Vale del blog "In cucina senza glutine" per sfornare le meravigliose Puccette pugliesi.
Vi aspettiamo anche nella nostra pagina di Facebook!!







LinkWithin

Related Posts with Thumbnails