lunedì 11 aprile 2011

Biscotti pasquali, paschalinà kouloùria


Ci siamo avvicinando alla Pasqua e già s'inizia a respirarne l'aria, soprattutto passando davanti alle pasticcerie! Nei negozi di giocattoli poi fanno bella mostra migliaia di candele colorate, con appesi fiocchi, fiori, veli, giochi per maschietti e femminucce che serviranno il sabato santo quando a mezzanotte, in chiesa il prete distribuirà il fuoco sacro arrivato, come ogni anno, da Gerusalemme.
E' molto suggestivo ma ultimamente mi sembra che si esageri anche qui con il lato commerciale di questa ricorrenza ..anche se devo dire che è ancora una festa molto sentita dai greci.
Il lato negativo sono i petardi ed i fuochi d'artificio che esplodono davanti alla chiesa non appena scocca la mezzanotte! Non li sopporto!! Preferirei ascoltare i canti dei sacerdoti e non fare i salti dallo spavento! 

Ingredienti:
  • 350-380 g circa di farina 00
  • 125 g di burro (io ho usato margarina vegetale)
  • 125 g di zucchero
  • 1 uovo +1 tuorlo per spennellare
  • 1 cucchiaino di ammoniaca per dolci
  • 1 cucchiaino di baking powder
  • scorza grattugiata d'arancio o limone
  • cacao in polvere
  • vanillina o vaniglia
  • un po' di cognac
Ho sbattuto a lungo con le fruste il burro (margarina) con lo zucchero, ho aggiunto l'uovo. Continuando a mescolare ho unito la farina un po' alla volta, setacciata con la vanillina, il baking powder e la scorza d'arancia. Prima di amalgamare tutta la farina ho scaldato il cucchiaio di latte e vi ho sciolto l'ammoniaca. Ho aggiunto all'impasto e ho continuato a versare la farina. Regolatevi voi per la quantità; l'impasto deve risultare molto morbido ma non troppo appiccicoso da maneggiare.
A questo punto ho diviso l'impasto in 3 pezzi. In uno di questi ho aggiunto un paio di cucchiaini di cacao amaro, un goccio di latte e ho impastato ancora per amalgamare bene. Poi con le mani ho fatto dei cordoncini lunghi circa 20 cm e di spessore circa 1 ½ cm. Li ho intrecciati, due insieme per ogni biscotto, e messi sulla placca da forno sopra alla carta antiaderente. Quindi ho sbattuto il tuorlo con il cognac, ho spennellato i biscotti e infornato a forno già a temperatura 180° per 20 minuti.


Oggi post doppio: quello precedente con il grano saraceno per la cara Lia e la sua raccolta e questi biscotti per salutarvi perché da questa settimana sarò in vacanza!
Ci risentiamo ai primi di maggio, tantissimi auguri di Buona Pasqua e un grande, grande abbraccio a tutti!!

Partecipo alla raccolta "Tutta la Pasqua del mondo"




Friselle con grano saraceno


Da quando ho scoperto le friselle di Anna non le ho più lasciate! In questi giorni ho provato a farle con l'aggiunta di farina di grano saraceno. Ottime ve l'assicuro! Questa farina è stata veramente una sorpresa molto piacevole!
Le ho accompagnate con feta schiacciata con un po' di peperoncino, olio extravergine di oliva, il tutto messo nel forno microonde per qualche secondo finché il formaggio non si è sciolto un po'. Ma sono certa che condite col metodo tradizionale, pomodorini, olio extravergine ed origano fresco sono ancora più buone!

Per 12-14 friselle: (la ricetta originale la trovate qui)
  • 250 gr lievito madre rinfrescato due volte
  • 180 gr di siero (in mancanza, uso il latte)
  • 240 gr farina di forza (manitoba)
  • 60 gr farina di grano saraceno
  • 40 gr di semola rimacinata
  • 50 gr d'olio
  • 1 cucchiaino scarso di sale
Mettere nella ciotola della planetaria il prozimi, il latte tiepido e sciogliere con una frusta. Aggiungere le farine setacciate un po' alla volta. Per ultimo l'olio ed il sale. Fare impastare per 5-6 minuti. Quindi raccogliere l'impasto a palla, coprirlo bene e lasciare lievitare per un'ora.
Trascorso questo tempo dividerlo in palline del peso di 60 gr . Sul tavolo infarinato di semola con le mani modellare dei bastoncini e chiudere ad anello. Fare lievitare sempre ben coperto per circa 3 ore.
Accendere il forno a 250° infornare (scendere subito la temperatura a 180°) per 20 minuti.
Quindi tagliare le friselle a metà e infornarle di nuovo per circa 15 minuti.

Una ricetta per Lia e la sua bella raccolta, partecipate, c'è tempo fino al 20 aprile!


LinkWithin

Related Posts with Thumbnails