domenica 30 ottobre 2011

Gardaland: senti quante campane suonano

Ogni tanto mi ritrovo a canticchiare la strofa di una canzone:...ma la vita, ma la vita cos'è, tutto o niente, forse neanche un perché... 
E' "Romanza" di Andrea Bocelli. Amo questo grande artista e lo ascolto spesso con immenso piacere. Per me è un simbolo di  esistenza ricca di equilibrio, tenacia, fiducia, ottimismo, forza, grande talento....e potrei continuare all'infinito. Non siete d'accordo?

La vita. Metaforicamente esiste solo il bianco e il nero? Contano unicamente i soldi, il potere, l'apparire, la posizione sociale...? 
Vivere per come si desidera è solamente una prerogativa ed un diritto degli "abili"??
Non lo possiamo accettare. Non possiamo permettere che ciò avvenga a Gardaland o nelle nostre scuole o in qualsiasi altro luogo. 
Avrei tante cose da raccontare, perché gli ultimi anni in Italia, prima di trasferirmi in Grecia, li ho trascorsi a stretto contatto con la realtà che definiamo  dei "diversamente abili". Non lo potrò mai chiamare "lavoro"  ma scuola di vita. Quello che ho dato è una piccolissima parte dell'immenso regalo che mi è ritornato indietro. 
Posso solamente affermare che nessuno meglio di chi vive, giorno dopo giorno, con queste meravigliose persone, comprende cos'è meglio per loro.  Gardaland non può sostituirsi  e addirittura imporre regolamentazioni che altrove non esistono!
Quale madre/padre, o fratello/sorella, metterebbe in pericolo la sicurezza del proprio caro in queste situazioni?? Se decidono di accompagnare un figlio, un fratello, in un parco divertimenti sapranno pur bene quello che fanno!!

Combattiamo con forza pregiudizi, preconcetti, insegniamo ai nostri figli e nipoti a sentirsi parte di un  Tutto... Non etichettiamo gli esseri umani tanto meno in base alla forma degli occhi...

Per chi vuole unirsi e saperne di più, leggete da Antonella.

Chi sta suonando la campana?:



LinkWithin

Related Posts with Thumbnails