sabato 10 luglio 2010

Premio


Oggi ho ricevuto un bellissimo premio dalle gentilissime Fimère, Anastasia e Lady Boheme: grazie di cuore!!



Lo giro con piacere a

Enza,
Meg,
Federica,
Ambra,
Nonna Sole,
Alessandra,
Betty,
Meg,

giovedì 8 luglio 2010

Un po' di Venezia e zaleti





Scommetto che nessuno di voi conosce questa città ;-)
Beh, in un certo senso nemmeno io bene, perché ogni volta che ci vado scopro sempre angolini sconosciuti, nascosti, magari lontani da Piazza San Marco!
L'ultima visita a questa bellissima città è stata in maggio di quest'anno. In venti giorni che sono rimasta in Italia, diciotto ha piovuto e due, uno il giorno della gita a Venezia e l'altro il ritorno a casa, il sole splendeva. Ed è per questo che abbiamo trovato, oltre un po' d'acqua alta, una Venezia che aveva steso tutti i panni che aveva in casa fuori ad asciugare..e noi abbiamo fotografato! Ad un certo punto ho guardato Laura (mia figlioccia) intenta, con il suo "giovane" obbiettivo, a cogliere ogni sfumatura di calle, palazzi...e le ho detto: "Beh possiamo anche andare ora abbiamo fotografato tutti i calzini dei veneziani!!". Ma era troppo fantasmagorica la scena, non abbiamo potuto resistere!








E per restare in tema mi sono cimentata con i "zaleti" , dolci tipici veneziani...e per la gondola ....non tutte le ciambelle riescono col buco!


Ingredienti per 20 circa

120 gr di farina 00
100 gr di farina gialla di mais
20 gr di maizena
100 gr di burro
100 gr di zucchero
1 uovo intero + 1 tuorlo
80 gr di uvetta
la scorza grattugiata di un limone bio
un pizzico di sale


Mettere a bagno l'uvetta nell'acqua tiepida oppure se preferite con del rum. Setacciare le farine, mescolare assieme lo zucchero. Aggiungere il burro a pezzettoni e con le mani impastarlo velocemente creando delle briciole. Unire le uova, l'uvetta strizzata, il sale e la raspatura di limone. L'impasto risulterà abbastanza morbido. Fare 3-4 palline e metterle in frigo coperte per una mezz'oretta. Quindi togliere dal frigo una pallina alla volta e modellarle tipo foglia allungata. Mettere sopra carta antiaderente ed infornare a forno già caldo a 180°per 30-35 minuti, non devono prendere molto colore.










lunedì 5 luglio 2010

Friselle e pomodorini confit




Domenica mentre guardavo le splendide friselle nel piatto che avevo davanti ho pensato: che cosa mi sono persa finora? Figuratevi non appena le ho addentate....!!Con tutto il prozimi che ho in frigo non ho mai pensato di prepararle!
Ci ha pensato lei, Anna a darmi lo spunto, dopo che ho visto le sue, Friselle! Poi Tamtam mi ha invogliato con il suo companatico di Pomodorini confit: gustosissimo e perfetto!

Per prima cosa vi presento il mio “prozimi”:


Ho imparato a fare il prozimi qui in Grecia e la ricetta me l'ha data mia cognata. Oramai avevo perso tutte le speranze di ottenerlo dopo tutti i difficoltosi procedimenti che avevo letto e sperimentato invano.  Mi stavo rassegnando al lievito di birra...ma questa ricetta era così semplice, semplice, senza tante difficoltà ma ho deciso di provarci. Invece grazie al successo immediato che ho avuto, da un paio d'anni di pane non ne ho compro più! Ma non solo quello! Fette biscottate, biscotti...tutto "fatto in casa"!
La ricetta originale di Anna correlata da foto e spiegazioni perfette, prevede l'utilizzo del licoli (il lievito liquido) ma io ancora non mi sono cimentata in questa impresa e perciò ho utilizzato il mio prozimi, variando il peso del latte.

Ingredienti per...non mi ricordo, dato che non ho pensato a contarle ma a mangiarle subito!


Diciamo per 13-14 pezzi cioè 26-28 friselle
 In corsivo ho inserito le mie variazioni

250 g di lievito liquido (licoli) molto attivo     (prozimi rinfrescato due volte)
140 g di siero (in mancanza, uso il latte)       (140 g di latte)
300 g di farina di forza                                  (manitoba)
40 g di semola rimacinata
50 g d'olio
1 cucchiaino scarso di sale

Mettere nella ciotola della planetaria il prozimi, il latte tiepido e sciogliere con una frusta. Aggiungere le farine setacciate un po' alla volta. Per ultimo l'olio ed il sale. Fare impastare per 5-6 minuti. Quindi raccogliere l'impasto a palla, coprirlo bene e lasciare lievitare per un'ora.
Trascorso questo tempo dividerlo in palline del peso di 60 gr. Sul tavolo infarinato di semola, con le mani modellare dei bastoncini e chiudere ad anello. Fare lievitare sempre ben coperto per circa 3 ore.
Accendere il forno a 250° infornare (scendere subito la temperatura a 180°) e lasciar cuocere per 20 minuti.
Quindi tagliare le friselle a metà e infornarle di nuovo per circa 15 minuti.
Si condiscono con olio e pomodorini freschi. Io però sabato ho preparato i pomodorini confit e vi assicuro che insieme a dell'origano fresco sono...una meravigliosa delizia.

Pomodorini confit:



Pomodorini
sale
olio extravergine di oliva

Guardate le foto di Tamtam per capire meglio il procedimento.

Tuffare i pomodorini, precedentemente incisi a croce, in acqua bollente, scolarli e pelarli. Tagliarli in due togliere i semi e disporli girati nella placca del forno rivestita di carta. Farli appassire in forno acceso a 150° per un'ora circa. Condire con sale e olio e utilizzateli sulle friselle come ho fatto io, oppure sulla pasta, come guarnizione...

Parte del mio "orticello" in veranda! Tre tipi di basilico, l'origano e l'erba Luisa o Luigia o Cedrina



LinkWithin

Related Posts with Thumbnails