venerdì 16 aprile 2010

Capo Sounion



Dove vanno in spiaggia gli ateniesi e non, durante i week-end nei mesi extra-estivi? C'è l'imbarazzo della scelta ma per qualunque opzione si troverà pienone dappertutto! Perché il mare per i greci è simbiosi; è la vita stessa, non riescono a stargli lontano, nemmeno d'inverno.
Sono tantissime le spiagge vicine, persino qualche isola, per trascorrere il fine settimana senza perdere tanto tempo per il viaggio che sia in auto o con la nave. Ad esempio la bella isola di Agistri di cui vi ho già raccontato. Le spiagge, relativamente vicine, che preferiamo sono nella zona di capo Sounion, abbastanza tranquille, cioè meno affollate.
Comunque sia, ogni volta che ci dirigiamo da quelle parti non possiamo fare a meno di fermarci per ammirare il tempio, quale? Eccolo...





Il promontorio di Capo Sounion si trova nella punta più a sud della regione di Attiki e da Atene dista circa 60 km. Sopra questa sporgenza rocciosa si erge maestoso il tempio di Poseidone, dio del mare ma anticamente, a pochi metri da esso, sorgeva anche il tempio di Atena, di cui purtroppo si possono scorgere solo le fondamenta.
La leggenda vuole che Egeo, re di Atene, quando vide apparire all'orizzonte la nave di suo figlio Teseo con una vela nera innalzata, credendolo morto nella lotta contro il Minotauro, si fosse gettato dalla scogliera, dando il proprio nome all'omonimo mare.
In questo promontorio nelle serate limpide e serene, (ma quando mai piove da queste parti???) si possono ammirare tramonti indimenticabili; moltissime sono le gite che vengono organizzate al calar del sole per assistere a questi romantici spettacoli della natura.












giovedì 15 aprile 2010

Mezzelune alla ricotta





 
Oggi vi faccio conoscere le mezzelune di Doretta, anche se il nome originale sarebbe mezzelune di ricotta! Le abbiamo ribattezzate cosi, con il nome di una cara amica che ci ha dato la ricetta tanto...tanto tempo fa. Un dolcetto semplicissimo da fare, che anche i bambini sicuramente apprezzeranno perché il ripieno è di Nutella! Però si possono preparare anche con le marmellate; a vostro gusto.
Io li faccio spesso perché adoro la nostra ricotta fresca ma, essendo priva di conservanti, va a male velocemente, perciò guai sprecare tale bontà!! Perciò mettiamoci subito al lavoro..

Ingredienti:

300 gr ricotta
300 gr farina bianca
120 gr burro morbido
1 bustina lievito
3 cucchiai zucchero semolato
1 bustina vanillina

Impastiamo la ricotta con il burro morbido e lo zucchero, aggiungiamo la farina unita al lievito e alla vanillina. Amalgamiamo il tutto formando tre palline di uguale dimensione che metteremo in frigo a riposare per mezz'ora coperte dalla pellicola. Trascorso il tempo stabilito prendiamo la prima pallina di pasta e la stendiamo con il matterello sulla spianatoia leggermente infarinata, tenendo la pasta alta circa 5mm. Con un bicchiere o uno stampo, formare dei cerchi dove al centro metteremo un cucchiaino scarso di Nutella o marmellata. Poi, per chiudere, piegare a metà il cerchio formando così una mezzaluna avendo l'accortezza di premere bene per evitare la fuoriuscita della farcitura. Mettere della carta da forno sulla placca e porre le mezzelune non troppo vicine, infornare a 180° per 20 minuti. Ripetere l'operazione con il resto della pasta. Buon appetito!















mercoledì 14 aprile 2010

Torta arancia






Riuscire a fare la composta di frutta è sempre stato il mio “pallino fisso”, fin da quando ci siamo trasferiti qui in Grecia. Ma siccome sono una persona che non demorde, dopo tanti flop..finalmente ce l'ho fatta, anzi, sto diventando “quasi” un' esperta!
Un paio di settimane fa, mentre sbucciavo l'arancia per la colazione del mattino mi sono detta: “E' un vero peccato buttare la buccia di questo frutto così profumato e sano!” E allora, perché non elaborare un po' il procedimento per la preparazione della composta ed utilizzare queste belle bucce di arance, raccolte in piena campagna, senza che abbiano mai visto pesticidi o altro?
Così mi sono inventata il modo di non sprecare nulla di questo delizioso frutto, almeno non quando mi capiterà di avere arance tanto genuine e naturali! Ho rovistato subito nella credenza e ho trovato il sacchettino di pistacchi di Egina, acquistati prima di Pasqua in un negozietto a Marousi...e le profumatissime bacche di cardamomo comprate al mercatino di Chania a Creta...Il risultato? Una gustosissima torta compleanno dedicata alla nostra mamma Pierina, semplice, genuina, com'è lei e come lo siamo noi sorelle! Auguri mamma!

E con grande piacere che con questo dolce partecipiamo al contest di Genny e di Albertone per la “Torta della bontà”.



Ingredienti per la torta:

120 gr burro
80 gr di cioccolato bianco
2 cucchiai di sciroppo d'arancia *
200 gr di farina
80 gr di amido di mais
120 gr di zucchero
3 uova grosse
2 cucchiai da the di lievito per dolci
un pizzico di sale
composta di arance
20 gr di pistacchi
3 bacche di cardamono
½ cucchiaino di cannella

* lo sciroppo della composta di arance

Per la composta di arance:

4-5 arance non trattate con la buccia spessa
zucchero q.b.
acqua q.b.

Per la composta: che conviene prepararla il giorno prima, si deve grattare, delicatamente con la grattugia per non rompere la buccia, la superficie esterna più arancione delle arance, dopo averle lavate bene. Poi si incide la buccia in 4 spicchi e pian piano si separa dalla polpa. Quindi, con un' ago grosso e filo da arrosto, prima si rotolano su se stesse e poi s'infilano come una collana.
Si mettono in una pentola, si ricoprono d'acqua e si mette sul fuoco. Si fanno bollire 4-5 minuti e poi si scola, con delicatezza, buttando via l'acqua. Si pesano le bucce e si mette pari zucchero e un po' d'acqua (se ad esempio le bucce sono 300 gr si mette 300 gr di zucchero e 100 gr circa di acqua).
Per evitare di mescolare tanto, col rischio di rompere le bucce, si può sciogliere prima lo zucchero nell'acqua tiepida, quindi versare nella pentola e mettere di nuovo sul fuoco. Non appena riprende a bollire, si aspetta che lo zucchero si sciolga, (se non si è sciolto prima) circa 5 minuti, quindi si ritira la pentola dal fuoco e si mette da parte col coperchio fino al giorno dopo.
L'indomani si rimette a bollire per qualche minuto finché non si addensa lo sciroppo, ed è pronta.
Dopodiché togliere dallo sciroppo le bucce che serviranno per guarnire la torta in modo che siano asciutte al momento dell'utilizzo.














Per la torta: sciogliere a bagnomaria il burro con il cioccolato bianco e lo sciroppo della composta. Nel frattempo rompere le uova in una terrina, versarvi il pizzico di sale, lo zucchero e con lo sbattitore elettrico montare per 10-15 minuti finché è bello spumoso. Aggiungere, sempre sbattendo, il burro con il cioccolato, (che nel frattempo si sarà sciolto e anche un po' intiepidito). Quindi la farina, setacciata con l'amido di mais ed il lievito. Amalgamare bene e versare in uno stampo da dolce, precedentemente imburrato e infarinato, sopra adagiarvi le bucce delle arance e cospargere con pistacchi tritati con un po' di cardamomo e la cannella. Io ho messo i pistacchi tra due fogli di carta da forno assieme a 3-4 semi di cardamomo e con il matterello ci sono passata sopra schiacciandoli grossolanamente.
Infornare per circa 45 minuti a 180°

martedì 13 aprile 2010

In montagna si aspetta la primavera...



É difficile pensare alla primavera quando la colonnina del termometro segna ancora quattro gradi sotto lo zero! Qui da noi succede; non è un evento raro, certe volte nevica anche in maggio per poi esplodere il caldo...ma a questo ci penserò fra un mese. Ora mi diverto ad osservare il timido risveglio della natura...


Piccole Dolomiti

Piccole Dolomiti:piste da sci a Montefalcone

Monte Pasubio

pecorelle a Rotzo

Recoaro Terme: gemme di betulla in contrada Locre

Recoaro Terme







domenica 11 aprile 2010

Salsa piccante: Tirokafteri


Adoro questa salsina piccante, semplice, semplice, spalmata sul pane per accompagnare carne alla griglia o arrosti...Ottima!
Quando, al mercatino della frutta e verdura trovo i peperoncini piccanti, li compero e li conservo nel congelatore. Al momento di usarli li metto qualche minuto nel forno a microonde e sono pronti all'uso!

Ingredienti per una coppetta come nella foto:

150 gr di feta
1 cucchiaio di yogurt greco
3 cucchiai di olio extravergine di oliva
peperoncino fresco piccante a piacere

Mettere tutti gli ingredienti  nel frullatore e far frullare finché non diventa una crema. Se dovesse risultare troppo solida aggiungere ancora un po' di yogurt.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails