sabato 11 dicembre 2010

Christopsomo, il pane di Natale...e oggi neve!!


Questo bel pane viene preparato in tutta la Grecia, continentale e non, due o tre giorni prima di Natale, ma in modi diversi e con diversi ingredienti!  Nella nostra famiglia si prepara un pane quasi normale ma si può fare dolce, con noci, cannella..insomma dipende dalla tradizione.
E' il primo anno che lo preparo con il licoli, (vi metto il link delle bravissime Anna o Tamara per la ricetta del lievito liquido) e devo dire che è buonissimo! Le decorazioni, ad eccezione della croce che c'è sempre, dipendono da zona a zona e solitamente rappresentano le speranze e l'augurio che la famiglia ripone nell'anno nuovo.
Se ad esempio una famiglia coltiva il grano, sul loro pane ci saranno le spighe; se ha molti vigneti ci sarà l'uva, e via dicendo. Per noi, che non abbiamo nessuna coltivazione, ma tanta speranza di salute, mi sono sbizzarrita a “tema libero”. Non sapevo come rappresentare l'uscita dalla crisi....
Chiunque vorrà prepararlo, con questa ricetta o la propria, con il lievito madre o di birra, divertitevi a decorarlo. L'importante è che ci sia la croce ed una o più noci! Potete ornare anche con chiodi di garofano...

Ingredienti:

250 gr di licoli molto attivo
500 gr di farina 0
100 gr di semola di grano duro
260-280 gr o più di acqua (dipende da quanta ne prende la farina)
1 cucchiaio di miele
3 cucchiaini di sale
2 cucchiai di olio extravergine di oliva
1 cucchiaio di semi di anice
uovo sbattuto o un po' di latte per spennellare

Alla sera ho sciolto il licoli nell'acqua tiepida con il miele dentro il contenitore della planetaria. Ho aggiunto la farina setacciata con il sale, poi l'olio ed il cucchiaio di semi di anice e ho fatto impastare a lungo. Ho riposto l'impasto in una terrina coperta con la pellicola trasparente e messa in frigorifero per tutta la notte. Il mattino dopo ho lasciato a temperatura ambiente per 4-5 ore finché non è raddoppiato. Quindi l'ho impastato un po' e a più di ¾ di impasto ho dato la forma rotonda, di pagnotta schiacciandola un po', sempre con le mani, e messa in uno stampo da dolce apribile. Dopodiché con la pasta rimanente ho modellato una croce e vari decori a piacere. 


Ho inserito una noce al centro e ho fatto lievitare coperto per un altro paio d'ore. L'ho spennellato con un po' di latte, ma sarebbe meglio l'uovo sbattuto, e tolto dallo stampo, ma di solito si usa lasciarlo lì a cucinare. A me piace di più così, cotto senza lo stampo.
Quindi ho infornato a 200° per 15-20 minuti poi ho abbassato a 180° per altri 20-30 minuti tenendo, come sempre, un pentolino d'acqua dentro al forno.


Ve lo devo far vedere assolutamente il paesaggio di stamane a nord di Atene..




...è poca, ma pur sempre una meraviglia!!

37 commenti:

  1. Ornella è davvero bellissimo....ora devo studiare bene il licoli!!!

    Buon weekend....spero di riuscire a preparare qualche dolcettino da postare...baci, Flavia

    RispondiElimina
  2. Ornella è meraviglioso!!! grazie di averci fatto conoscere questo pane particolare e molto bello!!! complimenti!!!

    RispondiElimina
  3. bellissimo questo pane tradizionale!!!! Con o senza lievito liquido!!!

    RispondiElimina
  4. Sarò vecchia ma per me le tradizioni sono sacre. Questo pane è molto bello!!!

    RispondiElimina
  5. E' veramente bello conoscere le tradizioni di altri paesi, ti fa sentire più vicino ed in questo momento di stare vicini ne abbiamo proprio bisogno....bellissimo questo pane lo farò anch'io per natale!! un grosso bacione e buon fine settimana

    RispondiElimina
  6. Ma è stupendo!! troppo bello e particolare e chissà che bontà!!
    Complimenti !!
    Buon fine settimana
    Anna :)

    RispondiElimina
  7. che bello che è, scoprire nuove tradizioni mi incuriosisce, brava.

    RispondiElimina
  8. Tesoro non ho parole, è davvero splendido questo pane. Le decorazioni sono bellissime, un piccolo capolavoro. E poi è così bello scoprire e mantenere vive le tradizioni. Un abbraccio forte, buon we

    RispondiElimina
  9. è proprio bello...
    ma dimmi Orne'...bisogna
    mangiarlo a Natale quindi!!
    mi piacerebbe farlo
    anche io amo molto le tradizioni..
    tanti bacini
    Enza

    RispondiElimina
  10. Questo pane ha un aspetto stupendo, poi comunque ci affascina così come ci affascinano le tradizioni. Una domanda, ma la noce ha un significato particolare?
    Bacioni da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  11. Complimenti per questo pane "scultura" che oltre ad essere buonissimo (non ne ho alcun dubbio) racchiude in sè tutto il simbolismo ricco della tradizione.

    Buon week end cara

    RispondiElimina
  12. E' bellissimo Ornella, quanto mi pice leggere le cose che scrivi sulle tradizioni.
    Bravissima come sempre.
    Questo è un capolavoro. Ho un debole per il pane, è sempre molto simbolico.
    Un bacione

    RispondiElimina
  13. Ornella è proprio bello ed è bella questa tradizione del pane di Natale, con le raffigurazioni che rappresentano la famiglia che lo fa...mi piace....baci

    RispondiElimina
  14. questa tradizione e molto bella! e il pane ha un aspetto delicioso!
    complimenti!

    RispondiElimina
  15. Grazie di questa ricetta così particolare e tradizionale ! E' bellissimo anche da vedere ! Chissà che gioia vedere nevicare a Atene , sarà stato un evento !!! ciao Ornella e buona domenica !!

    RispondiElimina
  16. I semi di anice? Daranno un profumo intenso a questa scultura mangereccia.
    E' molto interessante questa tradizione, non mi sembra che in Italia ci siano tradizioni particolari con il pane, vero?
    Con questo si può usare un bel po' di licoli, ed è sempre comodo sapere come utilizzare l'esubero ;-D
    Buon fine settimana carissima.

    RispondiElimina
  17. Carissima Orenella,
    che buono il pane e che incanto le foto!

    RispondiElimina
  18. Bellissimo questo pane! deve essere anche moooolto buono, bravissima!
    Ciao!

    RispondiElimina
  19. ciao ornella deve essere davvero profumatissimo questo pane e mi piace da morire la forma....è sempre bello passare da te!!baci imma

    RispondiElimina
  20. Deve essere veramente buonissimo...faccio tesoro di tutte le tue ricette...^_^...grazie...dolce notte cara...un abbraccio!!!!

    RispondiElimina
  21. E uno spettacolo. Sembra una scultura d'arte.
    ciaooooooo un bacio

    RispondiElimina
  22. Che bontà questo pane. Il pane unisce tutti i popoli del mondo. Un bacio

    RispondiElimina
  23. Wow Ornella!!!!!!!!!! Hai fatto un'opera d'arte!!!!!!

    P.S.La visione della neve è splendida.

    RispondiElimina
  24. Buona domenica Ornella, quanto invidio il vostro licoli, in compenso il mio LM è splendido, ne preleverò ancora un pò per trasformarlo, voglio anch'io fare tanti pani così :-)

    RispondiElimina
  25. Ornella, que bello pan!, entiendo que es un pan dulce??, con que se acompaña???, me gusta mucho es tan bonito!!!!
    Tambien me gustan tus fotos de nieve!, aquí estos dias hace mucho calor, demasiado para la época :(
    Te doy muchos besos carisima!!!!!

    RispondiElimina
  26. Grazie a tutte, vi abbraccio!!

    @ Sabrina e Luca,la noce simboleggia la nascita..almeno così mi diceva la suocera!

    @ Juana, è sulla tavola il giorno di Natale, non è molto dolce perciò si accompagna con tutto, ma volendo puoi mettere anche meno miele!

    RispondiElimina
  27. Ornella ma questo è uno spettacolo!!!Davvero bello come belle sono le tradizioni di questo periodo!!!Smack!!

    RispondiElimina
  28. Que pan tan bonito!! Me da ganas de hacerlo, es una obra de arte
    Besitos

    RispondiElimina
  29. Atene sotto la neve, mi sembra impossibile...è una città che ho sempre visto sotto un sole cocente e non riesco ad immaginarmela con la neve....

    RispondiElimina
  30. Atene innevata?! Bè per fortuna qui al nord siamo ancora salvi!
    Particolare e ricco di storia e tradizione questo pane! Originale anche la forma che gli viene data!
    queste ricette tipice ci piacciono sempre moltissimo.
    baci baci

    RispondiElimina
  31. che bello questo post Ornella. Bello il pane e la tradizione, bella la neve, fa proprio Natale.
    buon inizio settimana.
    un abbraccio
    chiara

    RispondiElimina
  32. Stupendo il pane.. e che meravioglia atene sotto la neve.. un bacio

    RispondiElimina
  33. E' un pane bellissimo e che bello conoscere le tradizioni degli altri paesi!
    Davvero interessantissimo!

    RispondiElimina
  34. Ornella è splendido sopratutto per il significato simbolico... mi piacerebbe prepararlo per Natale... e ti auguro che la salute che chiedi davvero possa arrivare..... un bacio Ely

    RispondiElimina
  35. Hola Ornella, este pan es una obra de arte, me encanta!!, y las fotos con la nieve son preciosas.
    Te deseo muy felices fiestas con toda la familia.
    Un besote enorme.

    RispondiElimina
  36. Cara Ornella
    ricordo che avevo visto da te tanto tempo fa questo pane, e mi aveva colpito. oggi mia figlia doveva fare una ricerca per scuola sul pane, e mi è tornato in mente.
    spero che ti farà piacere sapere che ha preso le tue foto e la tua ricetta per la sua ricerca!

    RispondiElimina
  37. Cara Gaia
    ne sono onorata, grazie mille! Se volete cercare in internet il nome del pane in greco ( Χριστόψωμο) e ci saranno sicuramente altre informazioni da aggiungere. Un abbraccio e buone feste a tutta la famiglia

    RispondiElimina

Mi piace pensare a questo “giardino” come ad un luogo sereno e spensierato dove pace e armonia regnano sopra ogni cosa...♥
Il vostro pensiero è ben accetto purché non sia offensivo per nessuno.
Tutti i commenti ANONIMI non saranno presi in considerazione.

All ANONYMOUS comments will not be considered.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails