giovedì 4 novembre 2010

A proposito di yogurt


La mia passione è sempre stata quella d'imparare. Qualsiasi cosa mi regali un emozione positiva mi incuriosisce oltre misura..ma cerco di seguire sempre le regole della tradizione. Vorrei che non si perdessero tra i meandri del progresso certe preziosità; più passa il tempo e più cerco il futuro attraverso il passato...
Avreste mai pensato che “una volta” si facessero lievitare i dolci con la cenere? Queste sono le cose che mi affascinano in cucina....
Il prozimi greco?  Se qualcuno legge la mia ricetta pensa subito che è troppo semplice per riuscire ad ottenere un ottimo lievito madre. Invece no, è stupendo, anche se per essere realizzato non ha attraversato difficoltosi procedimenti: solo acqua e farina. E con questa meraviglia vivente che ho in frigo, faccio il pane due volte alla settimana, da più di due anni. Non amo vantarmi, anzi... ma per me è perfetto!
Questo periodo l'ho dedicato allo yogurt fatto in casa. Innanzi tutto non possiedo una yogurtiera, sia perché lo mangio solamente io, sia per la ragione sopra citata.
Ho letto moltissime ricette e pressapoco sono tutte uguali..cambia qualche punto o qualche virgola.
Ho seguito il procedimento della suocera ma con la supervisione del mio agapi, che non lo mangia, ma lo sa fare...


Procedimento: ho scaldato mezzo litro di latte intero. Non l'ho fatto bollire perché il mio ragionamento è stato quello che: se il latte è fresco di stalla si deve bollire, ma se è pastorizzato e chi ne ha più ne metta...non serve la bollitura.
Quando ha incominciato a “fumare” l'ho ritirato dal fuoco e con un dito misuravo la temperatura. Certo se avete un termometro da cucina è più facile. Non deve superare i 50° ma non scendere sotto il 45°. Pesiamo 50 grammi di yogurt naturale greco, di buona qualità, con fermenti attivi.
Ma ritorniamo alla tradizione: dicevo che, quando il mio dito (ovviamente pulitissimo) potrà rimanere dentro contando velocemente fino a "quasi" dieci senza troppe difficoltà, il latte è pronto.
Prendiamone un po' e diluiamo lo yogurt mescolando ma senza sbattere quindi aggiungiamolo al resto del latte incorporandolo bene. Mai sbattere con frusta o altro.
Mettiamolo in un recipiente di vetro o dove vogliamo, io l'ho messo un po' nella terrina di terracotta, come vuole la tradizione greca, e un altro po' in un vasetto di vetro per fotografarlo.
Ammesso che lo prepariamo alle 20 di sera, mettendolo in forno a 45-50° per tutta la notte, la mattina alle 8 sarà pronto. Mi raccomando: una temperatura superiore ai 50°-55° ucciderebbe i fermenti mentre inferiore ai 38°-40° li lascerebbe inattivi.
Ecco il vostro yogurt. Se vi piace denso come quello greco “stragghisto” mettetelo a filtrare sopra un panno in frigo per tutta la notte. Non buttate il liquido che esce perché grazie alla bravissima chamki ho scoperto moltissimi modi per usarlo!



Le carissime Graziella, Tiziana, Elettra, Alessandra, Enza mi hanno invitato alla "famosa" staffetta. Non saprei a chi girarla perché penso che oramai l'abbiamo fatta tutti...se c'è qualcuno fra di voi: Tamara, Gabri, Nonna Sole, Gabriela, Lia, Viola, Imma, Damiana, Puffin, Fabiana, Ambra, Anna, speedy70, lea, Meg, Ale, chamki... e tutte le altre che ancora non l'hanno ricevuta e vorranno aderire, eccovela:


Ecco le semplici regole:
Creare un post inserendo il banner della staffetta e dopo aver risposto alla domande invitare 14 amici che possiedono un blog a fare altrettanto.
Porsi le 8 domande che troverete qui sotto e rispondere!


1- Quando da piccoli vi domandavano cosa volevate fare da grandi cosa rispondevate?
Non mi ricordo, volevo solo diventare grande e fare tante cose!

2- Quali erano i vostri cartoni animati preferiti?
A casa mia non si guardava molto la tv ma mi piacevano Calimero, speedy gonzales....

3-Quali erano i vostri giochi preferiti?
Giocare con le bambole, disegnare e pasticciare in cucina con la nonna

4-Qual’è stato il più bel vostro compleanno e perché?
Tutti quelli che ho festeggiato dopo i 18 anni

5-Quali sono le cose che volevate assolutamente fare e non avete ancora fatto?
Imparare a dipingere con i colori ad olio, viaggiare 7 giorni su 7, prendere il brevetto di volo e tantissimo altro!

6-Quale è stata la vostra prima passione sportiva e non?
La mia prima passione sportiva è stata il salto in lungo ma adoro il trekking .
Non sportive parecchie...oltre la cucina ci sono da sempre i fiori e dipingere

7-Quale è stato il vostro primo idolo musicale?
Lucio Battisti

8- Qual’è stata la cosa più bella chiesta(ed eventualmente ricevuta) a Babbo Natale, Gesù Bambino, Santa Lucia?
Quando ero piccola era la Befana che portava i regali e di solito erano mangerecci. Le cose più "belle" sono arrivate molto più tardi..

40 commenti:

  1. E' da tantissimo che non faccio più lo yogurt. Avevo preso la buonissima abitudine qualche anno fa ma da quando la yogurtiera mi ha giocato qualche scherzetto ho abbandonato. Dovrei riprovarci perchè è davvero troppo più buono di quello confezionato.
    Il ragionamento sulla bollitura non fa una piega e in più si preservano le proprietà del latte ;)
    Un bacione grande

    RispondiElimina
  2. Già mi vedo con il dito immerso per 10 secondi nella pentolina del latte. Ci provo!
    grazie
    un abbraccio forte!

    chiara

    RispondiElimina
  3. Non avevo mai pensato di usare la pentola di coccio per fare lo yogurt...
    Io per ora ho smesso di farlo, tanto non lo mangia nessuno, è una soddisfazione assurda veder trasformato il latte lo yogurt.
    Ps, mi sa che staffetto anch'io...ehehehe, un bacione grande.

    RispondiElimina
  4. Più dello yoguth in sé che ne mangio giusto un tantino, quindi farlo nooooo mi ha incantata la tua storia, tu con il dito immerso nel latte; il tuo agapi (marito?) che visiona l'operazione :-) un modo piacevole di cominciare la giornata. Un bacione ed un gran buondì.

    RispondiElimina
  5. @ Federica
    carissima io ne mangio molto ma è veramente più buono fatto in casa! Bacio

    @ Chiara
    non esattamente secondi ma contare velocemente fino a dieci...magari usa il termometro la prima volta così poi ti regoli! Bacione

    @ Lia
    è una grande soddisfazione verissimo! Bacione anche a te!

    @ Debora
    carissima grazie! Agapi in greco vuol significa "amore" lo chiamo così il maritino..Bellissima giornata anche a te!

    RispondiElimina
  6. Ornella che bello il procedimento per fare lo yogurt in casa..... grazie

    RispondiElimina
  7. ....sapessi quante volte mi sono scottata le dita x l'impazienza di fare lo yogurt!Xo',tenerlo al caldo tutta la notte,io usavo un thermos...oppure uno scaldavivande,cosi'il forno nn serve!

    RispondiElimina
  8. Un tempo con la cenere si facevano tante cose, anche lavare i panni e questa è l’unica dimostrazione che non bisognerebbe mai buttare via nulla. Tutto può seguire la via del riciclo (la mia vena ambientalista pulsa oggi ^_*)
    Le notizie sull’agire dei nostri avi affascinano anche me, così come il poter fare tutto in casa rendendo l’arte del cucinare molto simile all’arte del creare vere e proprie opere.

    Ci penso da tanto e lo sai, oggi leggo la ricetta del tuo yogurt con fascino però rileggo quella del lievito madre e oggi pomeriggio provo ad avviarlo.

    Bacini dalla tua fan-Tìz

    RispondiElimina
  9. Tesoro hai ancora problemi ad entrare nel mio blog??Ho letto ieri la tua mail, non saprei proprio xchè, anche perchè nessun'altro mi ha segnalato il problema, uffy!
    :(
    Questo post è molto bello, anch'io sono avida nel conoscere ricette e procedimenti nuovi, e il tuo yogurt è una meraviglia, ti è riuscito benissimo, io non ho mai provato a farlo.
    Un bacione forte

    RispondiElimina
  10. wow Orny e questa la segno subito,sei un mito lo yogurt in casa ...sai che bonta!!!!grazie per la ricetta e averla condiviso con noi!!!!bacioni imma

    RispondiElimina
  11. Mi hai fatto venir voglia di provare a fare il prozimi, peccato che non ho nessun agapi che mi fa da supervisore, mentre lo yogurt lo faccio spesso e lo sbatto pure! con le frusta, anzi in India dicono che bisogna anche [una volta che lo yogurt e' mischiato al latte caldo] versarlo da una ciotola all'altra facendolo cadere dall'alto come una cascata, e faccio anche cosi, pero' non metto il dito dentro! ci sono gia' abbastanza microbi nell'aria, ma forse il dito contribuisce con microbi extra? lo yogurt si fa da millenni e una volta non c'erano termometri, e a me viene sempre bene, lo metto nel forno spento a maturare.
    No, grazie la staffetta proprio non fa per me, quelle domande tra l'altro sono ridicole per una come me, roba da ragazzini.
    Bacioni.

    RispondiElimina
  12. Mi piace molto leggerti, trovo SEMPRE ben altro che la semplice ricetta, che tra le altre cose è sempre squisita, come questo yogurt per esempio, in cui mi ci tufferei senza più tornare in superficie ^_^

    Ti auguro una buona giornata

    "più passa il tempo e più cerco il futuro attraverso il passato..." mi è entrata particolarmente nel cuore....

    RispondiElimina
  13. Ma ti è riuscito proprio denso, come piace a noi! ora ci leggiamo ben bene come lo hai preparato!
    baci baci

    RispondiElimina
  14. bra-vis-si-ma!!!!!!!

    adoro lo yò fatto in casa!
    è tutto un altro perchè!!!!

    un abbraccio

    RispondiElimina
  15. Ciao Ornella, davvero utile il tuo post su come preparare lo yogurt in casa, che è decisamente moooolto più buono di quello comprato! Proverò di certo a farlo.
    Ti ringrazio per aver girato anche a me il premio della staffetta dell'amicizia!
    Un abraccio, a presto!

    RispondiElimina
  16. Simplemente, te quedó genial!! A mí me pasó lo mismo con la mermelada, como a vos...Me gusta mucho aprender!!
    Besitos!!

    RispondiElimina
  17. Ornella, fa molta scena quello nella terrina, che invitante!!!
    Io da almeno 10 anni faccio "matsoni" (yogurt del Mar Caspio).
    In casa siamo in due a mangiarlo ogni mattina, anche mio marito lo mangia volentieri.
    Ne preparo 700 gr ogni 2~3 giorni.
    Sai Ornella, matsoni non ha bisogno di caldo per coagulare: in 3 cucchiai di yogurt verso il latte dal frigo e lo mescolo con il cucchiaio, lo ficco in un sacchetto di pile e dalla sera alla mattina, in genere, coagula (dipende dalla temperatura ambiente). Addirittura ne ho essiccato una piccola quantità nel caso quello che ho impazzisce. Fin'ora è successo solo una volta ma un'amica ha provveduto subito a farmelo recapitare.
    Certo, mi sarebbe piaciuto avere anche quello greco, ma qui dove abito io è introvabile.Proverò a portarmelo la prossima volta che torno in Italia ^-^!
    Grazie per l'invito alla staffetta (anche se non so se quell'Anna sono io), ma....... preferisco soprassedere, grazie.
    Bacioni

    PS. scusa se non ti ho ancora passato la ricetta per il contest. Non ho avuto neanche il tempo per mettere il banner nel mio blog, spero di farlo domani!
    baci!

    RispondiElimina
  18. io mi sono decisa a comprare la yogurtiera qualche anno fa e da quando lo facciamo in casa siamo dievntati dei consumatori numero 1... dovremmo vincere un premio.. la consistenza del tuo è davvero favolosa..

    RispondiElimina
  19. Bellissimo fare lo yoguth....
    Io non potrei nemmeno mangiarlo...ma qualche eccezione la faccio eccome ;)
    Ma se lo facessi sarebbe una tentazione continua....
    Buonissimo però.....e chi resisterebbe ad una bontà simile :)
    Un bacio

    RispondiElimina
  20. @ EliFla bello vero?

    @ jennifer grazie buona idea!

    @ Tiziana hai ragione anche mia nonna lavava con la cenere! Se hai bisogno di aiuto scrivimi!

    @ Meggy ieri sono entrata ma ero di corsa! Stasera proverò con windows ed un computer appena arrivato... Ce ne sono altri blog che faccio fatica ad aprire forse è il mio computer!

    @ Imma, sempre gentilissima!

    @ chamki hai ragione lo yogurt si fa da millenni senza termometro ed in Grecia ...anche col dito!!! Forse lo yogurt greco ha bisogno dei microbi extra ;) Credo che ci siano moltissimi modi di prepararlo ed è bellissimo scoprirli e rispettarli tutti, perché regalano cultura e tradizione! Per la staffetta non c'è nessunissimo problema!

    @ Letiziando..mi fa piacere che la pensiamo allo stesso modo!

    @ Manuela e Silvia grazie ragazze!

    @ Luby adoro anch'io prepararlo e di notte mi sveglio per controllare..

    @ Meg, cara io ringrazio te!

    @ Caro, io credo che tu sei la cuoca geniale, sei troppo brava!

    @ Anna cara, mi parlava anche Tamara di "matsoni" m'incuriosisce molto, ma lo yogurt lo mangio solo io e lo preparo una volta alla settimana! O lo compro..E' molto interessante...adoro conoscere tutte queste belle tradizioni!
    Sei quell'Anna! Siete tu e mia figlia che mi scrivete con questo bel nome e appunto per la staffetta non importa, io l'ho messa perché sono una giocherellona, ma sei liberissima di non partecipare!

    @ Fabiana, io lo mangerei in quantità industriale..

    @ Viola...che bello eri lì???

    Grazie a tutte di cuore!! Un abbraccio

    RispondiElimina
  21. sarei tentata a farlo...ma in casa
    oltre me nessuno mangia yogurth..
    è invitantissimo...bravissima!!
    un bacione
    Enza

    RispondiElimina
  22. ora vado a vedere la ricetta della tua pasta madre!!! e questo yogurt è denso al punto giusto! in casa l'esperto e il Capitano e lo fà sempre e solo lui :-) buonissimooooo!

    RispondiElimina
  23. Che bella ricetta! io vado sul pratico con la yogurtiera :-)
    bacio

    RispondiElimina
  24. Non ho mai provato a farlo, comincerò con la tua eccellente ricetta!!! Grazie,tesoro,un abbraccio

    RispondiElimina
  25. Querida Ornella, me alegro de que hayas probado el hummus, te gusto?;)
    Tu yogurt me parece delicioso y si, es cierto, todas las recetas son muy similares, yo misma tengo una en el blog!. Una pregunta..yo cuando lo hago en el horno, enciendo durante 20 min a 50º, luego apago y dejo toda la noche...mi pregunta es, Tu dejas encendido el horno toda la noche???
    Estoy pensando en tu concurso y mi padre está repasando su italiano!!!
    Mil besos cara!

    RispondiElimina
  26. Ornella, io lo yogurt lo mangio sempre molto volentieri, se poi si tratta di uno yogurt come il tuo, magari con miele e noci.. beh allora mi ci tuffo....!!!
    Non ho mai provato a preparare il lievito madre, forse perchè spaventata dai continui rinfreschi, dal non riuscire a curalo a dovere... ma se tu mi dici che il "prozimi" è semplice, e visto che mi fido delle tue ricette, allora stavolta credo proprio che ci proverò... (al limite ti arriverà qualche mail con richieste d'aiuto...)
    Un bacione

    RispondiElimina
  27. questo yogurt sarebbe ideale per una leggere ma delicata torta allo yogurt
    Dolce serata

    RispondiElimina
  28. pasticciare in cucina con la nonna... devo dire che ha dato davvero ottimi risultati!!! :P
    un bacione!!

    RispondiElimina
  29. Beata te che pasticciavi in cucina. Sia mia madre che mia nonna erano un disastro in cucina!!! Io ho imparato per disperazione, costretta a prepararmi da mangiare da sola!

    RispondiElimina
  30. ciao Ornella, adoro lo yougurt, ma non ho mai provato a farlo! bella la ricetta, ma soprattutto la preparazione! bacioni

    RispondiElimina
  31. Bravo pour ce yogourt.Vraiment très réussi. Bravo!!
    A bientôt.

    RispondiElimina
  32. La storia del dito al posto del termometro mi ha fatto morire dal ridere: da ragazzina io "misuravo" così la temperatura del latte che mi scaldavo al mattino per colazione. Adesso che il microonde ha soppiantato il pentolino non ce n'è più bisogno, ma mi sono rivista pari pari! :-D

    Bellissima la ricetta dello yogurt greco senza yogurtiera: è l'unico yogurt che mi piaccia e qualcosa mi dice che metterò presto in pratica il tuo procedimento! :-)

    RispondiElimina
  33. veramente una ottima abitudine, salutare e poi bisogna avere solo un po' di pazienza per un ottimo risultato.
    anche a me capita di farlo qualche volta!baci e buon week

    RispondiElimina
  34. Mai fatto lo yogurt...
    certo che da voi è un must! Non può assolutamente mancare...
    E poi ha così tante applicazioni dolci e salate che avrlo sempre a portata di mano come base è una vera ricchezza. Brava!

    RispondiElimina
  35. Ciao Ornella, chi meglio di una "greca" anche se d'importazione può insegnarmi a fare lo yogurt?
    Buona domenica, spero da te col sole...bacio e grazie degli auguri..sono influenzata e di conseguenza "rintronata"...ho scompigliato la mia barra laterale e sto ripristinando i banner, "riprendo" il tuo e studio qualche buona robina per te :-)

    RispondiElimina
  36. wow ornella questa ricetta è stupenda semplice ma ottima!la farò molto presto e la tua soluzione del ditometro al posto del termometro mi ha fatto tanto ridere quanto piacere..perchè non avendo un termometro da cucina anche a me solo quello resta da usare!!!=)))eheh! sei stata bravissima e molto ingegnosa!! grazie per questa ricetta buon pomeriggio baci vale

    RispondiElimina
  37. Ciao Ornella,spero tu stia trascorrendo una felice domenica.Grazie per questo post sullo yogurt,sono molto interessata alla coltura dei fermenti anche se non ottengo risultati brillanti come i tuoi.Un abbraccio e a presto

    RispondiElimina
  38. Non ho mai fatto lo yogurt in casa,ma la tua ricetta mi ha rapito..Soprattutto il dito che riesce a misurare la temperatura, mi ha letteralmente convinto a provare il mio di dito!!Uè devo vedè quanto resiste!!!Un abbraccione bella mia e ..grazie per gli auguri!

    RispondiElimina
  39. Ciao e grazie per eeservi iscritte come sostenitrici del mio blog!
    complimenti per lo yogurt e le altre ricette..
    ho visto della vostra raccolta e se vi va possiamo parlarne su Blog di cucina!
    fatemi sapere...
    baci

    RispondiElimina
  40. Grazie a tutte!! Vedo che vi ha incuriosito e divertito il termometro-dito!! Un bacione

    RispondiElimina

Mi piace pensare a questo “giardino” come ad un luogo sereno e spensierato dove pace e armonia regnano sopra ogni cosa...♥
Il vostro pensiero è ben accetto purché non sia offensivo per nessuno.
Tutti i commenti ANONIMI non saranno presi in considerazione.

All ANONYMOUS comments will not be considered.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails