domenica 30 maggio 2010

Ossibuchi al limone e santoreggia







Ingredienti:

4 ossibuchi di vitello
1 limone bio (buccia)
mezza cipolla
brodo vegetale q.b
5-6 rametti di santoreggia
farina bianca
vino bianco ½ bicchiere
olio evo
sale e pepe




Ho tagliato a fettine sottili la cipolla e imbiondita nell'olio evo poi ho aggiunto gli ossibuchi infarinati. Ho rosolato la carne a fuoco medio da entrambe le parti, bagnato con il vino e fatto evaporare. Ho unito la scorza del limone tagliata a fettine sottili, la santoreggia, il brodo vegetale e fatti cuocere coperti a fuoco lento per circa 2 ore e mezza (dipende anche dalla grandezza dell'ossobuco i miei erano abbastanza grandi) comunque finché il brodo non è ben asciugato.
Buon appetito!









9 commenti:

  1. Cara Oriè,io sono semi vegetariana e non mangio carne, ma il mio primate ha vacillato davanti alla foto di questo piatto.
    Bella domenica a te.

    RispondiElimina
  2. Ciao Mimì,anch'io non amo molto la carne,ma a volte mio marito mi chiede di fargli qualche piatto che a lui piace...perciò per solidarietà ne mangio anch'io! Cosa non si fa per la dolce metà...Altrettanto buona domenica a te. Un caro saluto ciao grazie

    RispondiElimina
  3. Che buoni surellina, brava! La santoreggia qui io non l'ho mai vista, c'è qualche altra erba aromatica che potrebbe sostituirla come sapore? Un bacione la tua "surela"

    RispondiElimina
  4. ...non mi ero accorta che ero "anonima":)!baci!

    RispondiElimina
  5. Grazie surè, diciamo che ogni piatto che cucino penso a te che sei la mia maestra, perciò ogni volta e proprio una grande soddisfazione cucinare!La santoreggia ha un sapore simile al timo ma forse un pò più intenso e piccante...e fa dei fiorellini stupendi,ti farò una foto caldo permettendo.Un bacio

    RispondiElimina
  6. Ciao e grazie per la visita. ottimo questo ossobuco molto profumato e saporito, ben combinato. Alla prox by.

    RispondiElimina
  7. Grazie Max,ci fa sempre piacere la tua compagnia,a presto.Un caro saluto

    RispondiElimina
  8. Mmmhhh, gnammi... mi esprimerei solo a forza di suoni onomatopeici per indicare che "gola" mi fa questo tuo piatto ^.^

    Così come Ornella non conosco la santoreggia, ma il timo mi cresce in vaso e mi sa che provo con quello.

    Ciao,

    RispondiElimina
  9. Grazie Tiziana per la tua visita,la santoreggia è una pianta con proprietà aromatiche e terapeutiche notevoli,come dicevo ad Ornella ha un'aroma più intenso.Ma comunque puoi usare benissimo il timo che in quanto a profumo e bontà non è certo da meno.Un caro saluto,a presto.Ah,dimenticavo,la santoreggia è afrodisiaca...Ciao Ciao

    RispondiElimina

Mi piace pensare a questo “giardino” come ad un luogo sereno e spensierato dove pace e armonia regnano sopra ogni cosa...♥
Il vostro pensiero è ben accetto purché non sia offensivo per nessuno.
Tutti i commenti ANONIMI non saranno presi in considerazione.

All ANONYMOUS comments will not be considered.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails