martedì 9 marzo 2010

Panini dolci con l'uva passa


Ci sono sempre andata a braccetto con l'uvetta, sin da piccola! Quei panini che intravedevo nella vetrina del forno mentre percorrevo la via di casa dopo la scuola, mamma mia! Ancora mi tormentano! Per questo quando al supermercato, cercando per l'ennesima volta di “scovare” qualche altro tipo di farina per i miei esperimenti, l'occhio si è fermato sullo scaffale dell'uva passa l'ho afferrata d'istinto e tra le dita mi sembrava di tenere qualcosa di familiare che mi raccontava di sapori d'impasti lontani nel tempo...di profumi che si mescolano ad altri ma mai dimenticati...non ho avuto esitazioni e l'ho deposta nel carrello. Avevo deciso in un attimo che alla sera avrei avuto i miei panini dolci all'uvetta!

Ma attenzione non con la solita uva passa ma con “mavri stafidha” (uvetta nera) dagli acini piccoli piccoli con un sapore concentrato, molto molto gustosa.

Ingredienti per circa 14- 16 panini
  • 180 gr di latte
  • 20 gr di lievito di birra
  • 2 uova
  • 2 cucchiai di olio extravergine
  • 100 gr di zucchero
  • 100 di yogurt greco
  • 450 gr farina 0
  • 200 gr manitoba
  • 1 e ½ cucchiaino di sale
  • qualche goccia di estratto di vaniglia o vanillina
  • un po' di buccia di limone grattugiata
  • 100 gr di uvetta
Il procedimento è lo stesso che ho usato per preparare le “iris al forno” ma con qualche piccola variazione negli ingredienti.

Ho fatto sciogliere il lievito nel latte tiepido. Ho aggiunto le uova sbattute con lo zucchero mescolando bene, lo yogurt (tenuto un po' a temperatura ambiente) e gli aromi. Ho poi trasferito il tutto nell'impastatrice e un po' alla volta ho incorporato la farine setacciate. L'impasto deve essere morbido ma elastico. Ho aggiunto il sale, l'olio e fatti incorporare bene quindi per ultimo l'uvetta, precedentemente messa a bagno per un po' in acqua tiepida e quindi lavata ben bene ed asciugata. Ho lasciato impastare finché non era ben incordato, fatto una palla e messo a lievitare al caldo, finché non ha superato il raddoppio del suo volume. Trascorso il tempo necessario della lievitazione l'ho rimpastato velocemente e diviso in 12 o 14 (o più pezzi, come preferite), dando loro la forma di una pallina. Ho rivestito una placca con la carta da forno ho messo i panini a lievitare al caldo, coperti, per circa un'ora. Trascorso il tempo della lievitazione li ho spennellati con il latte tiepido ed infornati a 180° per 25 minuti.

Sono ottimi mangiati lo stesso giorno ma anche messi in un sacchettino di cellophane riposti in frigo e riscaldati nel forno! Non ho ancora provato a congelarli.

Nessun commento:

Posta un commento

Mi piace pensare a questo “giardino” come ad un luogo sereno e spensierato dove pace e armonia regnano sopra ogni cosa...♥
Il vostro pensiero è ben accetto purché non sia offensivo per nessuno.
Tutti i commenti ANONIMI non saranno presi in considerazione.

All ANONYMOUS comments will not be considered.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails